Apri il menu principale

Pretendente al trono

Questa lista è suscettibile di variazioni e potrebbe non essere completa o aggiornata.

Globo, corona e scettro, simboli dell'autorità regale

Si definisce pretendente al trono (dal latino prætendere, mettere innanzi, addurre ragioni, ritenere di aver diritto a qualcosa) colui che avanza diritti a un trono abolito o occupato da altri[1].

La storia annovera un elevato numero di pretendenti, che, spesso, hanno tentato di far valere tali propri pretesi diritti ricorrendo alle armi, dando luogo a intrighi di palazzo o a vere guerre di successione, talvolta terminate con riconciliazioni dinastiche, di norma per via matrimoniale[2], o con trattati internazionali[3]. Nell'ultimo secolo, almeno nell'emisfero occidentale, la figura dei pretendenti a troni aboliti per la nascita di repubbliche ha rivestito ruoli di gran lunga più marginali, anche se non mancano esempi di brillante impegno politico, militare, patriottico, quasi sempre nel rispetto dell'ordine costituito (i casi più emblematici sono quelli di Simeone II di Bulgaria, divenuto primo ministro e ancora apprezzatissima voce nella Bulgaria repubblicana[4][5], e quello di Michele I di Romania, autorizzato all'uso del titolo di Re nella Romania repubblicana[6]).

Dall'antico Egitto all'Europa del secolo scorso, a causa di dispute sull'interpretazione delle leggi di successione o dovute a modifiche unilaterali delle stesse, spesso si sono delineate situazioni con molteplici pretendenti a un medesimo trono. Anche il soglio pontificio ha conosciuto dispute fra persone più o meno lecitamente titolate a occuparlo; in questo ambito si parla di antipapi per designare quei prelati la cui dignità papale, sostenuta da alcuni, non è riconosciuta dalla Chiesa cattolica.

Il termine pretendente viene usato inoltre per chi avanza diritti, in modo analogo, su altre cariche, uffici, ruoli o titoli.

EuropaModifica

Fra gli attuali pretendenti europei alcuni godono della stima dei governi nazionali o di gran parte della popolazione. Sono principalmente i paesi dell'Europa dell'Est, i cui sovrani vennero detronizzati dall'avvento dei regimi dittatoriali sovietici del XX secolo, a guardare favorevolmente a un'eventuale restaurazione della monarchia. Tra di essi si citano particolarmente la Georgia[7], la Serbia[8], la Bulgaria[9] e la Romania[10].

Non mancano alcune dispute dinastiche, relative al mancato rispetto delle norme di successione.

Di seguito sono elencati gli attuali pretendenti europei. Sono stati inseriti due sottoparagrafi specifici dedicati all'Italia e alla Germania per dare spazio ai vari stati preunitari.

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

  Regno d'Albania Leka A. Zogu[11] 1982 2011 Nipote di Zog I, autoproclamatosi re dal 1928 al 1939, restaurato nel 1943 e nuovamente deposto; morto in esilio nel 1961. Nel 1939 Vittorio Emanuele III accettò la corona d'Albania per sé stesso e per i suoi successori, i quali però non hanno mai rivendicato alcuna pretesa sul trono. Casato di Zogu[11] Skënder Zogu[senza fonte] 1933
  Corona d'Aragona
(Aragona, Catalogna, Valencia, Maiorca, Napoli, Sicilia, Sardegna)
Francesco Nicola Roberto Paternò Castello e Guttadauro d'Ayerbe e d'Aragona, nobile dei duchi di Carcaci, principe d’Emmanuel e duca di Perpignano [12] 1964 1996[13] Discendente in linea collaterale dell'ultimo sovrano della Casa d'Aragona[13][14] Paternò Castello di Carcaci Roberto Domenico Paternò Castello Guttadauro d'Ayerbe d'Aragona di Carcaci d'Emmanuel 1992
  Austria-Ungheria
(Boemia, Croazia, Dalmazia, Slavonia, Galizia, Lodomeria e Illiria)
Carlo d'Asburgo[15] 1961 2007 Nel 1918, come esito della conclusione della prima guerra mondiale, l'impero Austro-Ungarico si dissolse e la Casa d'Asburgo-Lorena fu deposta. Negli anni successivi l'imperatore deposto Carlo I tentò di recuperare il trono. L'Ungheria fu proclamata monarchia (1920-1944), ma agli Asburgo-Lorena fu impedito di prendere possesso del Regno, che, anzi il reggente Horthy pensò di offrire ad Amedeo di Savoia, duca d'Aosta[16].

L'attuale pretendente è nipote di Carlo I, imperatore d'Austria dal 1916 al 1918.

Asburgo-Lorena Ferdinando d'Asburgo[15] 1997
  Regno di Bulgaria Simeone II[17][18] 1937 1946 Zar dal 1943 al 1946[19]. Sassonia-Coburgo-Gotha Boris di Bulgaria 1997
  Ducato di Curlandia e Semigallia Ernst-Johann[20] 1940 1982 Discendente di Ernst Johann Biron, duca dal 1737 al 1740 e dal 1763 al 1769. Nel 1795 il ducato di Curlandia venne annesso alla Russia. Biron Michele Biron di Curlandia 1944
  Regno d'Inghilterra
(Successione giacobita che ritiene valido il matrimonio di Maria Beatrice di Savoia con suo zio)
Franz di Baviera 1933 1996 Discendente degli Stuart attraverso Enrichetta d'Inghilterra Wittelsbach Maximilian di Baviera 1937
Regno d'Inghilterra
(Successione giacobita che non ritiene valido il matrimonio di Maria Beatrice di Savoia con suo zio)
Pietro di Borbone-Due Sicilie 1968 2017 Discendente degli Stuart attraverso Maria Teresa di Savoia,sorella di Maria Beatrice Borbone delle Due Sicilie Principe Giacomo, duca di Noto 1993
Regno d'Inghilterra
(Casa Tudor)
Lady Caroline Ogilvy[21] 1934 1998 Discendente di Maria Tudor attraverso la pronipote Lady Frances Stanley. Secondo il terzo atto di successione, Enrico VIII aveva il diritto di lasciare in eredità la corona a seconda delle sue volontà. Specificò quindi che, in mancanza di eredi dalla sua prole, il trono doveva passare agli eredi della sorella minore Maria Tudor, regina di Francia, scavalcando così la linea della sorella maggiore Margaret Tudor, rappresentata dalla cattolica Maria, regina di Scozia. Child-Villiers Timothy Elliot-Murray-Kynynmound,VII conte di Minto 1953
William Child-Villiers, X conte di Jersey 1976 1998 Discendente di Maria Tudor.A causa della contestata illegittimità del divorzio dalla prima moglie secondo le leggi antecedenti al 1603,i successivi matrimoni di George Child Villiers, 9º conte di Jersey, sono dichiarati invalidi. Child-Villiers George Henry William 2015
Teresa Freeman-Grenville, XIII lady di Kinloss 1957 2012 Discendente di Edward Seymour, figlio di Catherine Gray. Freeman-Grenville Hester Josephine Anne Freeman-Grenville 1960
Regno d'Inghilterra
(Casa Lancaster)
Henry Somerset, XII duca di Beaufort 1952 2017 Discendente da Giovanni di Gaunt attraverso il figlio illegittimo (poi legittimato) Giovanni Beaufort, I conte di Somerset,fondatore del ramo cadetto. Somerset Robert FitzRoy Somerset, Marchese di Worcester 1989
Regno d'Inghilterra
(Casa di York)
Simon Michael Abney-Hastings, conte di Loudoun 1974 2012 Discendente di Riccardo Plantageneto attraverso il figlio secondogenito Giorgio Plantageneto. Casa di York Marcus William Abney-Hastings 1981
  Regno di Francia
(Neo-legittimisti)
Luigi Alfonso di Borbone-Dampierre[22] 1974 1989 Discendente di Luigi XIV di Francia, re dal 1643 al 1715[23]. Linea morganatica dei Borbone di Spagna, che disconosce il Trattato di Utrecht e gli atti interni del Regno di Francia, per il quale il ramo spagnolo dei Borbone è escluso dalla successione francese. Borbone (linea morganatica di Spagna) Luigi, Duca di Borgogna 2010
  Regno di Francia
(Orléans)
Giovanni d'Orlèans 1965 2019 Discendente di Luigi XIII, re dal 1610 al 1643, e di Luigi Filippo, re dal 1830 al 1848. Borbone-Orléans Gaston Louis Antoine Marie d’Orléans 2009
Impero di Francia
(Bonapartisti)
Carlo Napoleone Bonaparte 1950 1997 Discendente di Napoleone Bonaparte attraverso il di lui fratello Girolamo Bonaparte Giovanni Napoleone 1986
  Regno di Navarra
(Orleanisti e Unionisti)
Giovanni d'Orlèans 1965 2019 Discendendente del ramo primogenito francese dei Borbone, i cui diritti furono riconosciuti da Enrico V. Borbone-Orléans Gaston Louis Antoine Marie d’Orléans 2009
Regno di Navarra
(Neo-legittimisti)
Luigi Alfonso di Borbone-Dampierre 1974 1989 Discendente di Luigi XIV di Francia, re dal 1643 al 1715. Borbone Luigi, Duca di Borgogna 2010
  Regno di Grecia Costantino II 1940 1973 Re dal 1964 al 1973. Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg (Grecia) Paolo di Grecia 1967
  Regno d'Irlanda
(Successione giacobita che ritiene valido il matrimonio di Maria Beatrice di Savoia con suo zio)
Franz di Baviera 1933 1996 Discendente degli Stuart attraverso Enrichetta d'Inghilterra Wittelsbach Maximilian di Baviera 1937
Regno d'Irlanda
(Successione giacobita che non ritiene valido il matrimonio di Maria Beatrice di Savoia con suo zio)
Pietro di Borbone-Due Sicilie 1968 2017 Discendente degli Stuart attraverso Maria Teresa di Savoia,sorella di Maria Beatrice Borbone-Due Sicilie Principe Giacomo, duca di Noto 1993
Regno d'Irlanda
(Casa Tudor)
Lady Caroline Ogilvy[21] 1934 1998 Discendente di Maria Tudor. Secondo il terzo atto di successione, Enrico VIII aveva il diritto di lasciare in eredità la corona a seconda delle sue volontà. Specificò quindi che, in mancanza di eredi dalla sua prole, il trono doveva passare agli eredi della sorella minore Maria Tudor, regina di Francia, scavalcando così la linea della sorella maggiore Margaret Tudor, rappresentata dalla cattolica Maria, regina di Scozia.[senza fonte] Child-Villiers Timothy Elliot-Murray-Kynynmound, 7º conte di Minto 1953
William Child-Villiers, X conte di Jersey 1976 1998 Discendente di Maria Tudor.A causa della contestata illegittimità del divorzio dalla prima moglie secondo le leggi antecedenti al 1603,i successivi matrimoni di George Child-Villiers, IX conte di Jersey, sono dichiarati invalidi. Child-Villiers George Henry William 2015
Teresa Freeman-Grenville, XIII lady di Kinloss, 1957 201 Discendente di Edward Seymour,figlio di Catherine Gray. Freeman-Greenville Hester Josephine Anne Freeman-Grenville 1960
Regno d'Irlanda
(Lancaster)
Henry Somerset, XII duca di Beaufort 1952 2017 Discendente da Giovanni di Gaunt attraverso il figlio illegittimo (poi legittimato) Giovanni Beaufort, I conte di Somerset,fondatore del ramo cadetto. Somerset Robert FitzRoy Somerset, Marchese di Worcester 1989
  Regno d'Irlanda
(Casa di York)
Simon Michael Abney-Hastings, conte di Loudoun 1974 2012 Discendente di Edoardo IV d'Inghilterra. Casa di York Marcus William Abney-Hastings 1981
  Regno di Cipro Amedeo di Savoia-Aosta 1943 1983 Discendenti di Giano I di Cipro, re dal 1398 al 1432. La disputa tra i due pretendenti è legata alla questione dinastica.

Nel 1485 la regina Carlotta di Cipro, già moglie di Luigi di Savoia[24], fece donazione al cugino e cognato Carlo I di Savoia, nipote di Anna di Lusignano, del regno di Cipro, occupato allora dai veneziani.[25][26]

Nello Statuto Albertino, Carlo Alberto, Re di Sardegna, continua a fregiarsi del titolo di Re di Cipro oltre a quello di Re Gerusalemme[27], quale evidente eredità dei Lusignano. Le rose di Cipro sono ancora un elemento molto ricorrente nell'araldica sabauda[28][29]. La grande arma di Savoia, nel primo quarto, detto di "pretensione", porta controinquartati gli stemmi di Gerusalemme, Cipro e Armenia[30].

Casa Savoia
(Per la questione dinastica si veda qui).

Subentrati alla Casa di Lusignano- Poitiers (1485)[25]

Aimone di Savoia-Aosta 1967
Vittorio Emanuele di Savoia 1937 1983 Emanuele Filiberto di Savoia 1972
  Regno di Lituania Wilhelm Albert di Urach[31] 1957 1991 Nipote di Mindaugas II, re designato nel 1918. Duchi di Urach
(linea morganatica della Casa di Württemberg)
Karl Philipp 1992
  Regno di Finlandia Donato d'Assia 1966 2013 Pronipote di Carlo I, re dal 9 ottobre al 14 dicembre 1918. Casa d'Assia
ramo della Casa di Brabante
Maurizio Luigi d'Assia 2007
  Granducato di Finlandia Marija Vladimirovna Romanova 1953 1992 Discendente di Alessandro II, zar dal 1855 al 1881. Oldemburg-Romanov
(linea di Holstein-Gottorp, della Casa di Oldemburg)
Georgij Michajlovič Romanov, granduca di Russia 1981
  Isola di Man Harry Scrope 1974 2010 Discendente di William Scrope, re dal 1392 al 1399. Scrope Henry John Scrope 1941
  Regno del Montenegro Nicola II 1944 1986 Discendente di Nicola I, principe dal 1860, poi re dal 1910 al 1918. Petrović-Njegoš Boris 1980
  Regno del Portogallo Duarte Pio di Braganza 1945 1976 Discendente di Michele I, re dal 1828 al 1834-deposto. Casato di Braganza
(ramo della Casa Capetingia)
Infante Afonso principe di Beira 1996
  Regno di Romania Carlo Federico di Hohenzollern-Sigmaringen(secondo le leggi costituzionali in vigore prima dell'abolizione della monarchia) 1952 2017 Re dal 1927 al 1930 e nuovamente dal 1940 al 1947. Hohenzollern-Sigmaringen Alessandro di Hohenzollern
.
1987
Margherita di Romania(designata dal padre Re Michele di Romania dopo aver abolito la legge salica) 1949 Elena di Romania 1950
  Impero russo Marija Vladimirovna Romanova 1953 1992 Discendente di Alessandro II, zar dal 1855 al 1881. Oldemburg-Romanov
(linea di Holstein-Gottorp, della Casa di Oldemburg).
Georgij Michajlovič Romanov, granduca di Russia 1981
Andrej Andreevič Romanov 1923 2016 Discendente morganatico[32] di Nicola I, zar dal 1825 al 1855. Alexis Andreevič Romanov 1957
  Regno di Scozia
(Successione giacobita che ritiene valido il matrimonio di Maria Beatrice di Savoia con suo zio)
Franz di Baviera[senza fonte] 1933 1996 Discendente degli Stuart.[senza fonte] Wittelsbach Maximilian di Baviera 1937
Regno di Scozia
(Successione giacobita che non ritiene valido il matrimonio di Maria Beatrice di Savoia con suo zio)
Pietro di Borbone-Due Sicilie 1968 2017 Discendente degli Stuart. Borbone-Due Sicilie Principe Giacomo, Duca di Noto 1992
  Regno di Serbia
(Karađorđević)
Alessandro II di Jugoslavia 1945 1970 Figlio di Pietro II, re dal 1934 al 1945. Karađorđević Pietro 1980
Regno di Serbia
(Obrenović)
Nicola del Montenegro 1944 1986 Discendente di Mirko del Montenegro, Gran Voivoda di Grahovo e Zeta, parente ed erede designato di Alessandro I di Serbia. Petrović-Njegoš Boris 1980
  Regno di Spagna
(Carlismo)
Carlo Saverio di Borbone-Parma 1970 2010 Figlio di Carlo Ugo di Borbone-Parma,la sua pretendenza al trono viene contesta dai carlisti favorevoli a Sisto di Borbone-Parma a causa del presunto allontanamento del padre dai valori originali Borbone di Parma Carlo Enrico Leonardo di Borbone-Parma, Principe di Piacenza 2016
Sisto Enrico di Borbone-Parma 1940 1977 Figlio di Saverio di Borbone-Parma, nominato reggente da Alfonso Carlo di Borbone-Spagna. Giovanni di Lussemburgo 1921
  Regno di Polonia

Diversi pretendenti polacchi.[33]

pretendenti illegittimi. Assenza di una persona precisa per l'assenza di una legge dinastica. famiglie polacche pretendenti polacchi.
  Regno di Jugoslavia Alessandro II di Jugoslavia 1945 1970 Figlio di Pietro II, re dal 1934 al 1945. Karađorđević Pietro 1980

ItaliaModifica

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

Stato unitario
  Regno d'Italia Amedeo di Savoia-Aosta 1943 1983 Discendente di Vittorio Emanuele II.

La disputa tra i due pretendenti è legata alla questione dinastica.

Casa Savoia Aimone di Savoia-Aosta 1967
Vittorio Emanuele di Savoia 1937 1983 Figlio di Umberto II. Alla nascita Vittorio Emanuele fu principe ereditario d'Italia, ma, secondo i sostenitori di Amedeo, il matrimonio contratto da Vittorio Emanuele nel 1970 con una donna di condizione borghese, in contrasto con le leggi che regolamentano la successione in Casa Savoia e senza l'assenso di Umberto II, lo esclude automaticamente dalla linea di successione per sé e per i propri discendenti. Emanuele Filiberto di Savoia 1972
Stati preunitari
  Regno di Sardegna Amedeo di Savoia-Aosta 1943 1983 Discendenti di Vittorio Emanuele II, ultimo Re di Sardegna. A seguito dell'unificazione italiana quest'ultimo cambierà il proprio titolo in Re d'Italia lasciando il proprio numerale invariato a simboleggiare di fatto la continuità istituzionale del regno.

La disputa tra i due pretendenti è legata alla questione dinastica.

Casa Savoia
(Per la questione dinastica si veda qui).
Aimone di Savoia-Aosta 1967
Vittorio Emanuele di Savoia 1937 1983 Emanuele Filiberto di Savoia 1972
 
 
Ducato di Modena e Reggio Lorenzo d'Austria-Este, principe del Belgio 1955 1996 Capo della Casa d'Austria-Este. Casa d'Austria-Este
ramo della Casa d'Asburgo-Lorena
Amedeo d'Austria-Este, principe del Belgio 1986
Antonino d'Este - Orioles[34] 1968 2010 S.A. S. il Duca di Modena Ercole III d'Este, concede al Ramo Siciliano il Titolo Ducale, confermando anche le prerogative e le pretensioni della Famiglia Orioles sul Ducato di Modena e Reggio[35]. Tortorici-Este-Orioles ?
  Ducato di Parma e Piacenza Carlo Saverio di Borbone-Parma 1970 2010 Pronipote di Roberto I, duca dal 1854 al 1859. Casa di Borbone-Parma
ramo della Casa Capetingia
Carlo Enrico Leonardo di Borbone-Parma, principe di Piacenza 2016
  Regno Lombardo-Veneto Carlo d'Asburgo 1961 2007 Nipote di Carlo I, imperatore d'Austria dal 1916 al 1918. Asburgo-Lorena Ferdinando d'Asburgo 1997
  Principato di Piombino Francesco Maria Boncompagni-Ludovisi[36] 1965 2018 Discendente di Antonio I Boncompagni-Ludovisi, principe dal 1778 al 1801.

Dopo la rinuncia di Luigi nel 1816, doveva subentrare "de jure" nella pretensione il ramo secondogenito non rinunciatario dei principi Boncompagni-Ottoboni Duchi di Fiano (tuttora rappresentati) disc. da Pier Gregorio Boncompagni Ludovisi dei principi di Piombino

Boncompagni. Gregorio Maria Boncompagni-Ludovisi 1997
  Ducato di Mantova Maurizio Gonzaga 1938 1943 Discendente di Federico I Gonzaga, marchese dal 1478 al 1484. Gonzaga Corrado Gonzaga 1941
 
 
Granducato di Toscana Sigismondo d'Asburgo-Lorena[37] 1966 1993 Discendente di Ferdinando IV di Toscana, granduca dal 1859 al 1860. Asburgo-Lorena Amedeo d'Asburgo-Lorena 2001
Giuliano de' Medici di Toscana di Ottajano 1974 2015 I Medici di Ottajano discendono da uno dei molti rami antichi (pre-Granducato) della famiglia Medici. Non discendendo né in linea patrilineare né in quella matrilineare da nessun Medici granduca e la loro pretesa si fonda soltanto sulla prossimità parentale; insieme con i marchesi Medici-Tornaquinci sono l'unico stipite del casato ancora esistente e anche quello più prossimo all'estinto ramo Granducale (1737), cui successero gli Asburgo Lorena (vedi sopra). Dal 2001 il trono è conteso tra il capo del casato Giuliano ed il principe Ottaviano, quarto in linea di successione, che è divenuto Granduca titolare a seguito del trasferimento nel suddetto anno. Medici-Ottajano Lorenzo de' Medici di Toscana di Ottajano 1981
Ottaviano Beniamino de' Medici di Toscana di Ottajano 1957 1981 Lorenzo de' Medici, Granprincipe di Toscana 2009
  Regno delle Due Sicilie Pedro Juan Maria Alejo Saturnino y Todos los Santo de Borbón-Dos Sicilias y Orleans,
X Duca di Calabria,
Conte di Caserta
1968 2015 Discendenti di Ferdinando II delle Due Sicilie, re dal 1830 al 1859. Borbone Jaime de Borbón-Dos Sicilias y Landaluce,
Duca di Noto, Duca di Capua
1993
Charles Marie Bernard Gennaro de Bourbon des Deux-Siciles,
Duca di Castro
1963 2008 Maria Carolina Chantal Edoarda Beatrice Gennara de Bourbon des Deux-Siciles,
Duchessa di Palermo
1993
  Stato dei Presidi Pedro Juan Maria Alejo Saturnino y Todos los Santo de Borbón-Dos Sicilias y Orleans,
X Duca di Calabria, Conte di Caserta
1968 2015 Discendenti di Ferdinando IV di Napoli, ultimo re dello Stato dei Presidi. Borbone Jaime de Borbón-Dos Sicilias y Landaluce,
Duca di Noto, Duca di Capua
1993
Charles Marie Bernard Gennaro de Bourbon des Deux-Siciles,
Duca di Castro
1963 2008 Maria Carolina Chantal Edoarda Beatrice Gennara de Bourbon des Deux-Siciles,
Duchessa di Palermo
1993
Stati napoleonici
  Regno d'Etruria Carlo Saverio di Borbone-Parma 1970 2010 Discendente di Ludovico I, re dal 1803 al 1807. Casa di Borbone-Parma
ramo della Casa Capetingia
Giacomo, conte di Bardi 1972
  Regno di Napoli Gioacchino Murat VIII[38] 1944 1944 Discendente di Gioacchino Murat attraverso il figlio Napoleone Luciano Murat, Principe di Napoli dal 1803 al 1878 Murat Gioacchino, principe di Pontecorvo 1973
  Principato di Pontecorvo Gioacchino, principe di Pontecorvo[39] 1973 1973 Discendente di Gioacchino Murat attraverso il figlio Napoleone Luciano Murat, Principe di Napoli dal 1803 al 1878. Figlio del pretendente al Regno di Napoli Gioacchino Murat VIII Murat Alessandro Gioacchino Filippo 1972
Entità la cui effettiva esistenza storico-giuridica è controversa
  Principato di Seborga Marcello Menegatto[40][41] 1978 2010 Monarchia elettiva[42]. Nessuna Nessuno
  Regno di Tavolara[43] Antonio Bertoleoni 1933 1993 Discendente di Giuseppe Bertoleoni, capostipite della dinastia. Bertoleoni Giuseppe Bertoleoni 1965

GermaniaModifica

Alcune monarchie germaniche non sono incluse in questo elenco poiché le rispettive dinastie sono estinte: è il caso del duca di Sassonia-Altenburg e del principe di Schwarzburg-Rudolstadt e Schwarzburg-Sondershausen.

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

Impero
  Impero tedesco Giorgio Federico di Prussia 1976 1994 Pronipote di Guglielmo II di Germania, imperatore dal 1888 al 1918. Hohenzollern Carlo Federico di Prussia 2013
Regni
  Baviera Franz di Baviera 1933 1996 Pronipote di Ludovico III di Baviera, re dal 1913 al 1918. Wittelsbach Maximilian di Baviera 1937
  Hannover Ernesto Augusto V 1954 1987 Pronipote di Giorgio V di Hannover, re dal 1851 al 1866. Casato di Hannover
(ramo della Casa Guelfa, a sua volta ramo della Casa d'Este)
Ernst August di Hannover 1983
  Prussia Giorgio Federico di Prussia 1976 1994 Pronipote di Guglielmo II di Germania, re dal 1888 al 1918. Hohenzollern Carlo Federico di Prussia 2013
  Sassonia Ruggero di Sassonia 1953 2012 Pronipote di Federico Augusto III di Sassonia, re dal 1904 al 1918, attraverso il principe Ernesto Enrico di Sassonia. Wettin Daniele di Sassonia 1975
Alessandro di Sassonia-Gessaphe 1954 2012 Pronipote di Federico Augusto III di Sassonia attraverso Federico Cristiano, margravio di Meissen dal 1932 al 1968. Sassonia-Gessaphe Giorgio Filippo di Sassonia-Gessaphe 1988
Carlo Federico di Hohenzollern-Sigmaringen 1952 2012 Pronipote di Federico Augusto III di Sassonia, re dal 1904 al 1918, attraverso la principessa Margherita Carola di Sassonia. Hohenzollern-Sigmaringen Alessandro di Hohenzollern 1987
Michele di Sassonia-Weimar-Eisenach[44] 1946 1988 La Costituzione del Regno di Sassonia, seppure limitava la successione alla sola Casa regnante, accettava ogni membro che potesse vantare una discendenza prossima. Ciò include in tal modo anche molti rami cadetti del ramo Ernestino che avessero contratto matrimonio eguale. Sassonia-Weimar-Eisenach Guglielmo Enrico di Sassonia-Weimar-Eisenach 1946
Corrado di Sassonia-Meiningen[44] 1952 1984 Sassonia-Meiningen Federico Costantino di Sassonia-Meiningen[45] 1980
Andrea di Sassonia-Coburgo-Gotha Sassonia-Coburgo-Gotha Uberto Michele di Sassonia-Coburgo-Gotha 1975
  Vestfalia Carlo Napoleone Bonaparte[senza fonte] 1950 1997 Pronipote di Girolamo Bonaparte, re dal 1807 al 1813. Bonaparte Giovanni Napoleone 1986
  Württemberg Carlo di Württemberg 1936 1975 Pronipote di Guglielmo II di Württemberg, re dal 1891 al 1918. Württemberg Federico del Württemberg 1961
Granducati
  Baden Massimiliano del Baden 1933 1963 Pronipote di Federico II di Baden, granduca dal 1907 al 1918. Zähringen Bernard di Baden 1970
  Francoforte Nicola di Leuchtenberg[46] 1933 1988 Discendente di Eugenio di Beauharnais, granduca nel 1813. Beauharnais Constantin di Leuchtenberg 1965
  Assia e Reno Donato d'Assia 1966 2013 Pronipote di Ernesto Luigi d'Assia, granduca dal 1892 al 1918. Assia Maurizio Luigi d'Assia 2007
  Assia-Kassel (o Assia-Cassel)[47]
  Meclemburgo-Strelitz Georg Borwin del Meclemburgo[48][49][50][51] 1956 1996 Discendente di Giorgio di Meclemburgo-Strelitz, granduca dal 1816 al 1860, e capo della Casa del Meclemburgo-Schwerin. Meclemburgo-Strelitz Alessandro di Meclemburgo 1991
Meclemburgo-Schwerin
  Oldemburgo Cristiano di Oldenburg[52] 1955 2014 Nipote di Federico Augusto II di Oldenburg, granduca dal 1900 al 1918. Holstein-Gottorp
(ramo della Casa di Oldemburgo)
Alessandro di Oldemburgo 1990
  Sassonia-Weimar-Eisenach Michele di Sassonia-Weimar-Eisenach[senza fonte] 1946 1988 Nipote di Guglielmo Ernesto di Sassonia-Weimar-Eisenach, granduca dal 1901 al 1918. Wettin Guglielmo Enrico di Sassonia-Weimar-Eisenach 1946
Ducati
  Anhalt Edoardo, principe di Anhalt 1941 1963 Figlio di Gioacchino Ernesto di Anhalt, duca nel 1918. Ascania Julia Katharina di Anhalt 1980
  Brunswick Ernst August di Hannover 1954 1987 Pronipote di Ernesto Augusto III di Hannover, duca dal 1913 al 1918. Hannover
(ramo della Casa Guelfa, a sua volta ramo della Casa d'Este)
Ernst August di Hannover 1983
  Nassau Enrico di Lussemburgo[53] 1955 2000 Pronipote di Adolfo di Lussemburgo, duca dal 1839 al 1866.

Nel 1866 il ducato di Nassau fu annesso alla Prussia; l'ultimo regnante Adolfo di Lussemburgo (1839-1866) venne poi chiamato al trono del Lussemburgo. nel 1907, il figlio Guglielmo IV, ultimo della linea maschile dei Nassau, cambiò lo Statuto di famiglia permettendo alle figlie femmine di succedergli nei diritti[54].

Nassau-Weilburg
(ramo della Casa di Borbone-Parma, a sua volta ramo della Casa di Borbone)
Guglielmo del Lussemburgo 1981
  Sassonia-Coburgo-Gotha Andrea di Sassonia-Coburgo-Gotha 1943 1998 Pronipote di Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha, duca dal 1900 al 1918. Wettin Umberto di Sassonia-Coburgo-Gotha 1975
  Sassonia-Meiningen Corrado di Sassonia-Meiningen[senza fonte] 1952 1984 Pronipote di Bernardo III di Sassonia-Meiningen, duca dal 1914 al 1918.
Principati
  Hohenzollern-Hechingen Carlo Federico di Hohenzollern[senza fonte] 1952 2010 Pronipote di Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen, principe dal 1848 al 1849. Hohenzollern-Sigmaringen Alessandro di Hohenzollern 2010
Hohenzollern-Sigmaringen
  Lippe Stefano di Lippe[55] 1959 2015 Figlio di Leopoldo IV di Lippe, principe dal 1905 al 1918. Lippe Stefano di Lippe 1959
Federico Guglielmo di Lippe[55] 1947 1990 Pronipote di Leopoldo IV di Lippe, principe dal 1905 al 1918. Ernesto Augusto di Lippe 1952
  Reuss-Köstriz (linea cadetta dei Reuss) Enrico XIV Reuss-Köstritz

[56]

1955 2012 Capo della Casa dopo l'estinzione della linea principale nel 1945. Reuss-Gera Enrico di Reuss-Köstritz 1997
  Reuss-Greiz (linea primogenita) Linea cessata nel 1928 alla morte di Enrico XXVII di Reuss-Greiz, principe dal 1908 al 1918, e passata alla Casa di Köstritz.
  Schaumburg-Lippe Alessandro di Schaumburg-Lippe[57] 1958 2003 Pronipote di Adolfo II di Schaumburg-Lippe, principe dal 1911 al 1918. Schaumburg-Lippe Enrico Donato di Schaumburg-Lippe 1994
  Schwarzburg-Rudolstadt[58] Federico Magno di Solms-Wildenfels[59] 1927 1984 In applicazione della legge semi-salica, discendente di Federico Günther di Schwarzburg-Rudolstadt, principe di Rudolstadt dal 1793 al 1863. Solms-Wildenfels Michele di Solms-Wildenfels 1949
Filippo di Stolberg-Wernigerode

[60]

1967 2001 Capo della Casa di Stolberg, che reclama lo Schwarzburg dopo l'estinzione della casata originaria. Stolberg-Wernigerode Giorgio Enrico di Stolberg-Wernigerode 1970
  Waldeck e Pyrmont Wittekind di Waldeck-Pyrmont[61] 1936 1967 Pronipote di Federico di Waldeck-Pyrmont, principe dal 1893 al 1918. Waldeck-Pyrmont Carlo Antonio di Waldeck-Pyrmont 1991

AfricaModifica

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

  Burundi Rosa Paula Iribagiza[62] 1934 1977 Figlia di Mwambutsa IV Bangiriceng, re dal 1915 al 1966. Ntwero Rémy Muhirwa ?
  Centro Africa Jean-Bedel Bokassa II 1975 1996 Figlio di Jean-Bedel Bokassa, imperatore dal 1976 al 1979. Bokassa Georges Bokassa 1949
  Egitto[63] Fuʾād II 1952 1953 Re dal 1952 al 1953. Dinastia di Muhammad 'Ali Muhammad, principe di Said 1979
  Etiopia Zera Iacob Amhà Selassié 1953 1997 Nipote di Hailé Selassié, imperatore dal 1930 al 1936 e nuovamente dal 1941 al 1974. Dinastia Salomonide Paul Wossen Sagad Makonnen 1947
Etiopia
(Iyasuisti)
Girma Yohannis Iyasu[64] 1961 1977 Nipote di Iyasu V, imperatore dal 1913 al 1916. Lij Kaerrod Girma ?
  Libia Muhammad as-Senussi 1962 1992 Nipote di Idris I di Libia, re dal 1951 al 1969. Senussi Sayyid al-Mahdi bin Sayyid Hasan al-Rida al-Mahdi al-Sanussi 1960
Idris al-Senussi 1957 1988 Discendente di Muhammad ibn Ali as-Senussi attraverso il figlio Muhammad as-Sharif as-Senussi Khaled bin Sayyid Idris al-Senussi 1988
  Ruanda Yuhi VI[65] 1960 2017 Nipote di Yuhi V, re dal 1896 al 1931 Bushayija ?
  Tunisia Muhammad al-Habib-Bey[66] 1931 2013 Discendente di Muhammad V al-Nasir, re dal 1906 al 1922. Husainid Muhammad Bey 1956
  Zanzibar Jamshid bin Abdullah di Zanzibar 1929 1964 Sultano dal 1963 al 1964. Sa'îd Sayyid Ali bin Jamshid Al Busaidi 1956

AmericaModifica

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

  Brasile
Ramo Principale
Luís Gastão d'Orléans-Braganza[67][68][69] 1938 1981 Discendente di Pietro II del Brasile, imperatore dal 1831 al 1889. Casa d'Orléans-Braganza
(ramo della Casa d'Orléans, a sua volta ramo della Casa di Borbone)
Bertrand d'Orléans-Braganza 1941
Brasile
Ramo di Petrópolis
Pedro Carlos d'Orléans-Braganza[70] 1945 2007 Discendente di Pietro II del Brasile, imperatore dal 1831 al 1889. Linea morganatica. Pedro Thiago d'Orléans-Braganza 1979
Impero spagnolo
  Vicereame della Nuova Granada Filippo VI di Spagna 1968 2014 Discendente di Ferdinando VII di Borbone, re di Spagna dal 1808 al 1833, che perse la maggior parte dei territori americani negli anni venti del XIX secolo. Borbone di Spagna Leonor di Borbone-Spagna 1968
  Vicereame della Nuova Spagna
  Vicereame del Perù
  Vicereame del Río de la Plata
Stati nati dallo sfaldamento dell'Impero spagnolo
  Regno di Araucanía e Patagonia Frédéric Nicolas Jacques Rodriguez-Luz[senza fonte] 1964 2018 Eletto dal Consiglio di Reggenza del Regno di Araucania e Patagonia[senza fonte] Rodriguez-Luz ?
  Messico
Casato di Itúrbide
Don Maximilian von Götzen-Itúrbide

[71]

1944 1949 Discendente di Salvador de Itúrbide y de Marzán, nipote di Agustín de Iturbide, imperatore dal 1822 al 1823. Itúrbide Don Fernando von Götzen-Itúrbide 1992
Messico
Casa Asburgo-Lorena
Carlos Felipe di Asburgo-Lorena[senza fonte] 1954 2011 Discendente di Massimiliano I del Messico attraverso il fratello Carlo Ludovico d'Asburgo-Lorena Asburgo-Lorena Julián Lorenzo Pedro di Asburgo-Lorena 1994
Altre entità statuali o nazionali
  Miskito Norton Cuthbert Clarence[72] ? 1977 Dal 1978 pretende il trono del Regno di Miskito. Clarence ?
Sean Henry Clarence[73] 1970 1990 Nipote di Herbert Henry Clarence, pretendente al trono dal 1928 al 1960 ?
Josephenie Hendy Clarence Robertson[73] ? 1960 Pronipote di Andrew Hendy Clarence, re dal 1894 al 1914, attraverso la madre Mairin Celina Hendy Diaz Jose Miguel Coleman Hendy Clarence ?

AsiaModifica

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

  Aceh Karim di Tiro[74] 1968 2010 Discendente dei sultani di Aceh. Tiro ?
  Afghanistan Ahmad Shah Khan 1934 2007 Ultimo figlio sopravvissuto di Mohammed Zahir Shah, re dal 1933 al 1973. Barakzai Muhammad Zahir Khan 1962
  Bukhara Shukria Raad Alimi[75] ? 1944 Figlia di Seyyid Mir Mohammed Alim Khan, emiro dal 1910 al 1920. Manġit ?
Champasak Keo Na Champassak[76] 1944 1980 Nipote di Ratsadanay, re dal 1900 al 1904. Na Champassak Saysanasak na Champassak 1946
  Cina[77]
Dinastia Qīng
Jin Yuzhang 1942 2015 Discendente di Dàoguāng, imperatore dal 1820 al 1850. Qīng Jin Yuquan 1946
Aisin Gioro Hengzhen 1944 1997 ?
  Cina[77]
Yuán
Qihe Yuán ? 2009 Discendente di Yuan Shikai, imperatore dal 1915 al 1916, attraverso il primogenito Yuàn Keding, principe ereditario. Yuàn Sun Yuan Yu Yuán 1941
  Regno di Georgia David Bagration-Mukhrani[78] 1976 2008 Discendente di Costantino II di Georgia, re dal 1478 al 1505. Bagration Giorgi Bagration 2011
Nugzar Bagration-Gruzinski[79] 1950 1984 Discendente di Giorgio XII di Georgia, ultimo re dal 1798 al 1800, quando la Georgia fu annessa all'Impero russo.

La controversia fra le due linee è stata risolta con un matrimonio dinastico: il giorno 8 febbraio 2009, infatti, David Bagrationi di Moukrani ha sposato Anna Bagration-Gruzinski[80].

  Iran (Persia)
Dinastia Pahlavi
Rezā Pahlavī 1960 1980 Figlio di Mohammad Reza Pahlavi, scià dal 1941 al 1979. Pahlavi Ali-Patrick Pahlavi 1966
  Iran (Persia)
Dinastia Qâjâr
Mohammad Hassan Mirza II[81] 1949 1988 Discendente di Mohammad Ali Qajar, scià dal 1907 al 1909. Qâjâr Arsalan Mirza 1980
  Iraq Ra'ad bin Zeid[82] 1936 1970 Cugini di Faysal II, re dal 1939 al 1958. Hāshim Zeid Ra'ad Zeid Al-Hussein 1964
Sharif Ali bin al-Hussein[82] 1956 1958 ?
  Regno di Gerusalemme Amedeo di Savoia-Aosta[27] 1943 1983 Il Regno di Gerusalemme fu costituito nel 1099, cadde nel 1187 per essere ristabilito nel 1192. Cadde definitivamente nel 1291 per mano dei mamelucchi. L'instabilità del dominio crociato su Gerusalemme, le rivolte della nobiltà latina, le alleanze matrimoniali e la compravendita dei diritti portarono al susseguirsi sul trono di diverse Case (Boulogne, Rethel, Angiò, Aleramici, Brienne, Hohenstaufen, Lusignano). Per questo motivo esistono diverse dinastie che possono rivendicare diritti sul regno di Gerusalemme.

1. Savoia: L'ultimo re di Gerusalemme apparteneva alla Casa di Lusignano, regnante su Cipro. L'ultima erede dei Lusignano, la regina Carlotta I, trasmise i suoi diritti a Casa Savoia[25][26].

La disputa tra i due pretendenti sabaudi è legata alla questione dinastica.

2. Borbone-Spagna: I diritti del re di Spagna derivano dall'investitura a re di Napoli di Ferdinando il Cattolico nel 1504. La corona di Gerusalemme era stata legata a quella di Napoli dai tempi di Carlo d'Angiò. La Costituzione spagnola garantisce, in via indiretta, i titoli tradizionali della Corona.[83]

3. Borbone-Due Sicilie: I diritti della Casa delle Due Sicilie (deposta nel 1861) sono collegati a quanto sopra, essendo la Corona di Gerusalemme legata a quella di Napoli sin dall'acquisto nel 1277 dei diritti da parte di Carlo d'Angiò da Maria d'Antiochia, pretendente sconfitta dai Lusignano[84]. Questo dei Borbone è un singolare fenomeno di moltiplicazione dei titoli seguito alla ripartizione delle Corone dei Borbone dopo la morte di Carlo III: così Spagna e Due Sicilie reclamano gli stessi diritti sulla Corona di Gerusalemme, pur essendo il ramo spagnolo quello primogenito.

4. Asburgo-Lorena: Sempre dagli Angiò derivano le pretensioni della casa dei Lorena, per il matrimonio di Federico II di Vaudémont con Iolanda d'Angiò[85][86] (dal 1493). Il titolo ha continuato ad essere usato dalla Casa d'Asburgo-Lorena[87] (deposta nel 1918).

5. Ligne-La Trémoïlle: La pretesa del casato di La Trémoïlle (e poi Ligne-La Trémoïlle) deriva dalla pretesa di Ugo di Brienne, figlio di Maria di Lusignano. In seguito la pretesa passò ai d'Enghien e agli Aragona tramite il matrimonio di Isabella di Chiaromonte con Ferdinando I di Napoli. Con la morte di Iolanda di Savoia il titolo passò a Carlotta di Napoli e, tramite Anna di Laval, a suo nipote Luigi III de la Trèmoille.

Il titolo infine passò ai Ligne tramite il matrimonio di Charlotte de La Trémoille con Henri Florent Lamoral, principe di Ligne. Di conseguenza, per ovviare alla controversia sulla successione, il figlio Jean-Charles Lamoral assunse il titolo di principe di Ligne de la Trèmoille.[senza fonte]

,

Savoia

Subentrati alla Casa di Lusignano- Poitiers (1485)[25]

Aimone di Savoia-Aosta 1967
Vittorio Emanuele di Savoia[27] 1937 1983 Emanuele Filiberto di Savoia 1972
Filippo VI di Spagna[83] 1968 2014 Borbone

(pretensione angioina)

Leonor di Borbone-Spagna 2005
Luigi XX[senza fonte] 1974 1989 Luigi, Duca di Borgogna 2010
Carlo d'Asburgo[87] 1961 2007 Asburgo-Lorena

(pretensione angioina)

Ferdinando d'Asburgo 1997
Pietro di Borbone-Due Sicilie[84] 1968 2015 Borbone

(pretensione angioina)

Giacomo, duca di Noto 1993
Carlo di Borbone-Due Sicilie[84] 1963 2008 Antonio di Borbone-Due Sicilie 1929
Charles-Antoine Lamoral, principe di Ligne de La Trémoïlle 1946 2005 Ligne Eduardo Lamoral, principe di Ligne de La Trémoïlle 1976
  Kalat Agha Suleiman Jan 1967 1998 Nipote di Ahmed Yar Khan, khan dal 1933 al 1955. Ahmadzai Mir Mohammad Khan Ahmadzai ?
  Corea Yi Haewŏn[88] 1919 2006 Nipote di Gwangmu, imperatore dal 1863 al 1907. Yi Yi Chung 1936
Yi Won[88] 1962 2005 Pronipote di Gwangmu, imperatore dal 1863 al 1907.
Yi Seok[88] 1942 2005 Nipote di Gwangmu, imperatore dal 1863 al 1907.
Yi Chung[89] 1936 2005 Pronipote di Gwangmu, imperatore dal 1863 al 1907 ed erede de jure. Yi Won 1962
  Laos Soulivong Savang 1963 1978/
1984
Nipote di Savang Vatthana, re dal 1959 al 1975. Khun Lo Thayavong Savang 1964
  Maldive Muhammad Nur ud-din[90] ? 1969 Figlio di Hassan Nooraddeen Iskandar II, sultano dal 1935 al 1943. Huraa Ibrahim Nur ud-din ?
  Myanmar Taw Phaya Myat Gyi[91] 1945 2019 Pronipote di Thibaw Min, re dal 1878 al 1885. Konbaung Maung Aung Khine 1964
  Nepal Gyanendra Bir Bikram Shah Dev 1947 2008 Re dal 2001 al 2008. Shah Paras del Nepal 1971
Qu'aiti Ghalib II[92] 1948 1967 Sultano dal 1966 al 1967. Al-Qu'aiti Saleh bin Ghalib al-Qu'aiti 1977
Ryūkyū Shō Mamoru[senza fonte] ? 1996 Discendente di Shō Tai, re dal 1848 al 1879. Shō Takeshi Mamoru ?
  Sarawak Jason Anthony Brooke[93] 1985 2017 Nipote di Anthony Brooke, maragià dal 1939 al 1946. Brooke Leandro Brooke Harper 1940
Johor-Singapore Tengku Shams Alam

[94]

1953 2017 Discendente di Ali Iskandar Shah, sultano di Johor dal 1835 al 1855 e sultano di Muar dal 1855 al 1877. Bendahara Tengku Husain Alam 1955
  Sultanato di Sulu Ampun Sultan Muedzul Lail Tan Kiram[95] 1966 2013 Pronipote di Jamalul Kiram I, sultano dal 1884 al 1899. Kiram H Raja Muda ?
  Tibet Tenzin Gyatso[96] 1935 1940 Dalai Lama dal 1940. Monarchia assoluta teocratica elettiva (anche se il XIV Dalai Lama ha lasciato le funzioni di governo nel 2011 al primo ministro eletto Lobsang Sangay) Nessuna Nessuno
  Turchia Osman VI 1930 2017 Pronipote di Abdul Hamid II, sultano e califfo dal 1876 al 1909. Osman Harun Osmanoğlu Efendi 1932
  Vietnam Bảo Ân[97] 1952 2017 Terzo figlio di Bảo Đại, imperatore dal 1925 al 1945. Nguyễn Quý Khang ?
  Yemen Ageel bin Muhammad al-Badr Hamidaddin

[98]

1973 1996 Figlio di Muhammad al-Badr, re dal 1962 al 1970. Al-Qasimi Al-badr bin Ageel 1993

IndiaModifica

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

Stati non riconosciuti, oppure riconosciuti ma soppressi e annessi all'Impero Britannico
Regione Carnatica-Stato Arcot Muhammed Abdul Ali[99] 1951 1993 Discendente di Azimuddaula, re dal 1801 al 1819. Farukhi Muhammad Asif Ali Khan ?
Regno di Mysore Shahzada Asif 'Ali[100] 1957 1983 Discendente del sultano Tipu. Dinastia del sultano Tipu
Impero del Gran Mogol Mirza Ghulam Moinuddin Muhammad[101][102] 1946 1975 Discendente di Alam II, scià dal 1759 al 1806. Tīmūr Mirza Shahrukh Shah Jahan 1978
Regione del Punjab-Impero Sikh Surjit SinghSandhawalia[103] 1926 1978 Erede di Duleep Singh. Sukerchukia Sangram Singh Sandhawalia ?
  Satara-Impero Maratha Udayanraje Maharaj Bhonsle[104] 1966 1978 Discendente di Shivaji. Bhonsle Veerpratapsinhraje Maharaj Bhonsle ?
Surat-Kamadhia Namdar Jaffar Ali Khan[105] 1941 1989 Discendente di Mir Jaafar Ali Khan, capo della dinastia Surat dal 1842 al 1863. Sehswani Pratham Kunwar Khan 1974
Stati riconosciuti ufficialmente dall'Impero Britannico
  Alwar Jitendra Singh[106] 1971 2009 Nipote di Tej Singh, maragià dal 1937 al 1947. Kachwaha Baiji Singh 1996
  Balasinor Nawab Salabat Khan II[107] 1968 2014 Pronipote acquisito di Nawab Jamiat Khan II, maragià dal 1899 al 1945. Babi
  Banganapalle Fazli Ali Khan IV[108] 1959 1983 Nipote di Fazli Ali Khan III, nawab dal 1937 al 1948. Naqdi Ali Khan Sahib ?
  Baroda Farzand-i-Khas-i-Daulat-i-Inglishia[109] 1967 2012 Figlio di Farzand-i-Khas-i-Daulat-i-Inglishia, maragià dal 1988 al 2012 Gaekwad Samarjitsinhrao Gaekwad 1970
  Bhopal Muhammad Saif ‘Ali Khan[110] 1970 2011 Pronipote di Hamidullah Khan, nawab dal 1926 al 1949. Mirazi Khel Muhammad Ibrahim ‘Ali Khan 2001
  Gwalior Jyotiraditya Rao Scindia 1971 1998 Nipote di George Jiyajirao Scindia, maragià dal 1925 al 1947. Scindia Mahanaryaman Scindia 1995
  Hyderabad Barkat Ali Khan Mukarram Jah, Asaf Jah VIII[111] 1934 1967 Nipote di Osman Ali Khan, Asif Jah VII, maragià dal 1911 al 1948. Asif Jah Azmet Jah 1960
  Idar Rajendra Singh Idar[112] 1938 1992 Nipote di Hirmat Singh Daulat Singh, maragià dal 1925 al 1947. Idar Viveka Kumari Sahiba Idar 1980
  Indore Usha Devi Maharaj Sahiba Holkar XV Bahadur[senza fonte] 1933 1961 Figlia di Yashwant Rao Holkar II, maragià dal 1926 al 1948. Holkar Shrimant Kumar Ranjit Satish Malhotra 1957
  Jammu e Kashmir Karan Singh[113] 1931 1949 Figlio di Hari Singh, maragià dal 1925 al 1949. Dogra Vikramaditya Singh 1964
  Jodhpur Gaj Singh di Jodhpur[114] 1948 1952 Figlio di Hanwant Singh, maragià dal 1947 al 1949. Bahadur Shivraj Singh of Jodhpur 1975
  Kolhapur Shahu II Bhonsle[115] 1948 1983 Figlio di Shahaji II Puar, maragià dal 1947 al 1949. Bhonsle Shrimant Sambhaji 1971
Mysore Yaduveer Krishnadatta Chamaraja Wadiyar Bahadur[116] 1992 2013 Pronipote di Jayachamaraja Wodeyar Bahadur, maragià dal 1940 al 1950. Bahadur Srimad Yuvaraja Sri Aadyaveer Narasimharaja Wadiyar Bahadur 2017
  Sikkim Wangchuk Namgyal[117] 1953 1982 Figlio di Palden Thondup Namgyal, maragià dal 1963 al 1975. Namgyal Palden Gyurmed Namgyal 1964
  Travancore Martanda Varma VII[118] 1949 2013 Nipote di Chithira Thirunal Balarama Varma, maragià dal 1924 al 1949. Kulashekhara Pratap Kumar 1948
  Udaipur-Mewar Mahendra Singh[119] 1941 1984 Nipote di Bhupal Singh, maragià dal 1930 al 1949. Sisodia Arvind Singh 1944

OceaniaModifica

Paese

Pretendente

Anno di nascita

Pretendente dal

Diritti

Casa

Erede

Anno di nascita

  Cocos e Keeling John Cecil Clunies-Ross 1928 1978 Proclamato re dal 1944 al 1978. Clunies-Ross John George II Clunies-Ross 1957
  Hawaii Quentin Kūhiō Kawananākoa[120] 1961 1997 Discendente di Lili'uokalani, regina dal 1891 al 1893. Kawananākoa Kincaid Kawananākoa 1996
Owana Salazar[121] 1953 1988 Discendente di Kalokuokamaile, fratellastro di Kamehameha, re dal 1795 al 1819. Keoua Nui Noa Kalokuokamaile DeGuire 1981

Casi famosiModifica

ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Linea di successione al trono d'Italia.
 
Amedeo di Savoia-Aosta

L'Italia è una repubblica dal 1946, in seguito a un referendum istituzionale. Ma Umberto II di Savoia, l'ultimo re d'Italia, non riconobbe i risultati del referendum e continuò a ritenersi vittima di un sopruso.

La successione dinastica in Casa Savoia (l'ex famiglia reale italiana) era regolamentata da una serie di norme contenute in diversi atti: le Regie Lettere Patenti del 1780 e il Regio Editto del 1782, entrambi di Vittorio Amedeo III, lo Statuto Albertino del 1848 e il Codice Civile del 1942 (artt. 92, 105 e 114).

I matrimoni dei principi di Casa Savoia avvengono rigorosamente tra pari: questo uso, vera e propria legge consuetudinaria, era sancito dalle leggi suddette[122]. Il principe che sta per sposarsi, inoltre, deve obbligatoriamente ricevere l'assenso al matrimonio dal Capo della Casa, pena la perdita di tutti i diritti di successione[123].

Nel caso di nozze fra principi che non siano state autorizzate, il Capo della Casa potrà decidere le sanzioni caso per caso, mentre nel caso di mancato assenso a un matrimonio diseguale (ad esempio, un principe e una borghese, come nel caso di Vittorio Emanuele di Savoia e Marina Doria) è prevista la decadenza automatica del principe contraente matrimonio e l'esclusione da qualsiasi titolo e diritto di successione per sé e per la sua discendenza.

Lo Statuto Albertino del 1848, che si occupava dei rapporti fra i poteri e gli organi dello Stato, non si soffermava sulle già trattate leggi di successione, rinviando alle precedenti disposizioni[124].

A conferma della necessità dell'assenso del Capo della Casa per i matrimoni dei principi si citano anche gli articoli del Codice Civile del 1865 e del Codice Civile del 1942, attualmente in vigore, che, all'art. 92, stabiliva: "Per la validità dei matrimoni dei Principi e delle Principesse Reali è richiesto l'assenso del Re Imperatore"[125].

Secondo i sostenitori di Amedeo di Savoia-Aosta, dunque, Vittorio Emanuele di Savoia, essendosi sposato con Marina Doria senza il permesso di suo padre Umberto II, il quale era contrario al matrimonio al punto da comunicare agli italiani di non inviare auguri o regali agli sposi[126], ha infranto le leggi di successione della sua casa e si è così portato automaticamente al di fuori dalla successione per sé stesso e per i suoi discendenti.

Regno UnitoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Linea di successione della Casa degli Stuart.
 
Carlo Edoardo Stuart

La storia d'Inghilterra e di Scozia ha conosciuto numerosi momenti di crisi dinastica, tra i quali la guerra delle due rose (Inghilterra) contesa fra la Casa di Lancaster e la Casa di York, e da ultimo la deposizione del ramo primogenito degli Stuart nell'ambito dell'allontanamento dell'isola dall'ortodossia cattolica e delle spinte contrarie all'assolutismo regio.

I pretendenti al trono d'Inghilterra e di Scozia che effettivamente rivendicarono i loro diritti sono di seguito riportati:

Dopo Enrico Benedetto i diritti passarono alla Casa di Savoia[127], quindi a quella di Modena e infine a quella di Baviera, ma i titolari non avanzarono, né oggi avanzano, pretese sui troni di Scozia e d'Inghilterra.

FranciaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Linea di successione al trono di Francia.

A causa della rivoluzione francese e dei fatti a essa seguiti, la Francia ha conosciuto il più alto numero di cambiamenti costituzionali di qualsiasi paese europeo, con due dinastie reali (legittima e orleanista), una imperiale (primo e secondo impero), e cinque repubbliche.

Due pretendenti riuscirono a riconquistare il trono perduto: Luigi XVIII e Napoleone III. Un ruolo di riferimento per i conservatori patriottici fu svolto dai pretendenti della Casa d'Orléans, dopo la riconciliazione con il ramo principale estinto nella persona di Enrico, conte di Chambord, che arrivò a un passo dalla sua restaurazione:

 
Enrico, conte di Chambord

Alcuni legittimisti, denominati Bianchi di Spagna, ostili alla Casa d'Orléans, ritennero invalida la rinuncia di Filippo V di Spagna al trono di Francia e cominciarono a sostenere i diritti del primogenito del ramo spagnolo, indipendentemente da eventuali matrimoni morganatici. Da un punto di vista politico, comunque, i pretendenti sotto elencati non svolsero in Francia un ruolo paragonabile a quello degli Orléans, né ebbero riconoscimenti da alcuna corte europea, né, d'altronde, tutti gli elencati avanzarono effettivamente diritti sul trono di San Luigi:

SpagnaModifica

 
Giovanni Carlo di Borbone-Spagna

Agli inizi del XVIII secolo una crisi dinastica fu alla base della guerra di successione spagnola, nella quale il pretendente francese, Filippo d'Angiò, riuscì a ottenere il trono iberico, perdendo però i possedimenti italiani e l'eredità borgognona, passati agli altri due pretendenti, l'imperatore Carlo VI e il duca Vittorio Amedeo II di Savoia.

In seguito, le divergenze dinastiche costituirono la causa principale dello scoppio delle guerre carliste, che contrapponevano il ramo maschile primogenito della Casa di Borbone alla discendenza femminile diretta di Ferdinando VII di Spagna. Segue una lista dei pretendenti carlisti fino all'estinzione della discendenza maschile.

Nel 1931 Alfonso XIII di Spagna abbandonò il regno agitato dai rivoluzionari che, poco dopo, proclamarono la repubblica, repubblica definitivamente abbattuta dal generale Franco il 1º aprile 1939.

Alfonso XIII, non riammesso nella Spagna franchista che aveva ripristinato la forma monarchica, abdicò soltanto nel 1941, poco prima di morire; gli succedette come pretendente Giovanni (III), conte di Barcellona, unico figlio a non aver contratto matrimonio morganatico. Francisco Franco gli preferì il figlio Juan Carlos, che, nel 1975, divenne Re di Spagna, mentre il padre avrebbe rinunciato ai suoi diritti due anni più tardi. Nel frattempo l'estinzione del ramo maschile carlista aveva rafforzato la posizione dinastica del ramo alfonsino.

PortogalloModifica

 
Michele di Braganza (Michele II)
 Lo stesso argomento in dettaglio: Linea di successione al trono del Portogallo.

Come la Spagna, anche il Portogallo conobbe nel XIX secolo una profonda crisi dello Stato, in cui le rivendicazioni dinastiche di due rami della medesima Casa, la linea maschile (Michele del Portogallo) e la vincente discendenza diretta per via femminile (Maria II del Portogallo), si unirono allo scontro tra conservatori e liberali.

Di seguito è riportato l'elenco dei pretendenti michelisti:

Nel 1910 in Portogallo venne rovesciata la monarchia e il re costituzionale Manuele II divenne a sua volta un pretendente al trono. Dopo la sua morte iniziò a rivendicare le pretese al trono di Portogallo dal 1957 anche la sua sorellastra Maria Pia di Sassonia Coburgo Braganza.

In precedenza, nel XVII secolo, lo scontro fra il re Filippo IV e III di Spagna e di Portogallo e Giovanni duca di Braganza, pretendente al trono lusitano sostenuto dalla nobiltà e dal popolo portoghese, aveva visto la vittoria del pretendente, divenuto Re del Portogallo e dell'Algarve nel dicembre del 1640.

I falsi pretendentiModifica

Nelle situazioni di profonda crisi dello Stato o delle dinastie regnanti non sono mancati esempi di avventurieri spacciatisi per i figli dell'ultimo re o dell'ultimo principe. Alcuni casi noti sono i seguenti:

NoteModifica

  1. ^ Pretendente in Vocabolario Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 7 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2019).
  2. ^ Si veda, ad esempio, la ricomposizione anche per via matrimoniale della Guerra delle due rose. Significativo dell'importanza dell'unione matrimoniale, come riconciliazione tra rami rivali, anche in tempi recenti è il matrimonio tra i principi georgiani Anna e David Bagration di Mukhrani.
  3. ^ Si veda, ad esempio, il Trattato di Utrecht che pose fine alla guerra di successione spagnola.
  4. ^ Simeone di Bulgaria, un destino singolare, su corrispondenzaromana.it.
  5. ^ Visita apostolica in Bulgaria, il Papa incontra anche Simeone II., su avvenire.it.
  6. ^ Morto re Michele di Romania. Ecco chi era, su affaritaliani.it.
  7. ^ Il Parlamento georgiano valuta una restaurazione della monarchia Archiviato il 17 dicembre 2007 in Internet Archive.
  8. ^ Sito ufficiale dei Karageorgevic di Serbia Archiviato il 7 ottobre 2008 in Internet Archive.
  9. ^ L'ex Re Simeone II diventa primo ministro di Bulgaria dopo la schiacciante vittoria alle elezioni del 17 giugno 2001
  10. ^ La Romania ha ritrovato il suo Re
  11. ^ a b Sito ufficiale della Casa di Zogu, su albania.dyndns.org.
  12. ^ Genealogia - La Real Casa d'Aragona, su real-aragon.org. URL consultato il 27 febbraio 2019.
  13. ^ a b Sito web ufficiale dei Paternò Castello di Carcaci [collegamento interrotto], su real-atagon.org. URL consultato il 2 luglio 2018.
  14. ^ Sito web ufficiale della Casa Reale d'Aragona
  15. ^ a b Sito ufficiale di Carlo d'Asburgo, su karlvonhabsburg.at.
  16. ^ Diario 1937-1943 di Galeazzo Ciano, su books.google.it.
  17. ^ Simeone II è stato anche primo ministro della repubblica bulgara dal 2001 al 2005.
  18. ^ (EN) Sito di re Simeone II, su kingsimeon.bg.
  19. ^ Simeone II, su treccani.it.
  20. ^ Duchy of Courland Herzogtum Kurland und Semgallen House of Biron, su almanachdegotha.org. URL consultato il 28 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2016).
  21. ^ a b The descendants of Anne, Countess of Castlehaven, su wargs.com.
  22. ^ Louis de Bourbon soutient les gilets jaunes, Hufpost, 2018.
  23. ^ Sito in supporto a Luigi Alfonso, su legitimite.fr.
  24. ^ Ludovico (Luigi) di Savoia, Re di Cipro, su treccani.it.
  25. ^ a b c d Donazione del Regno di Cipro, su archiviodistatotorino.beniculturali.it.
  26. ^ a b Carlotta di Lusignano, Regina di Cipro, su treccani.it.
  27. ^ a b c Statuto Albertino (PDF), su quirinale.it.
  28. ^ Rose di Cipro nei gioielli di Casa Savoia, su altezzareale.com.
  29. ^ Le "rosette di Cipro" al Palio di Siena, su ilpalio.org.
  30. ^ Bascapè, Del Piazzo, Borgia, Insegne e simboli araldica pubblica e privata medievale e moderna (1983), pp. 681 ss. (PDF), su 2.42.228.123.
  31. ^ Wurttemberg, su angelfire.com.
  32. ^ Ma è un dato contestato
  33. ^ I più conosciuti sono gli Urach, i Sobieski, i Wittelsbach e i Borbone-Orlèans. Più recenti (poiché derivate dalla ricostituzione dello Stato nel 1918) sono invece le pretese dei Romanov, degli Asburgo-Lorena (che vantano ben due pretese sullo stesso territorio poiché discendenti di Massimiliano II) e degli Hohenzollern.[senza fonte]
  34. ^ http://www.desteorioles.it/storia/
  35. ^ Patrimonio Araldico
  36. ^ Boncompagni-Ludovisi, su angelfire.com.
  37. ^ .:Granducato di Toscana - Genealogy - :., su www.granducato.org. URL consultato il 23 marzo 2019.
  38. ^ Murat, su angelfire.com.
  39. ^ Murat, su www.angelfire.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  40. ^ Marcello Menegatto è il nuovo Principe Archiviato il 7 novembre 2015 in Internet Archive.
  41. ^ Elenco dei Principi di Seborga | Principato di Seborga, su principatodiseborga.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  42. ^ Sul Principato di Seborga regnava dal 1079 l'abate del locale monastero cistercense, che assumeva il titolo di Principe-Abate. Alla morte del Principe-Abate, il successore veniva eletto dai monaci. La soppressione della millenaria abbazia nel 1963, però, portò alla scomparsa dell'abate e dei monaci e alla conseguente necessità di eleggere un nuovo principe fra la popolazione del paese Seborga - Imperia - Curiosità e tradizioni Archiviato il 23 aprile 2009 in Internet Archive..
  43. ^ Riconosciuto solamente dalla Gran Bretagna[senza fonte].
  44. ^ a b Saxony, su angelfire.com (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2009).
  45. ^ Possibile erede morganatico, in quanto l'attuale capo della casata non ha ancora predisposto la de-morganatizzazione del fratellastro Frederick di Sassonia-Meiningen.
  46. ^ Dynastie de Beauharnais., su web.genealogie.free.fr (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2009).
  47. ^ Non unito ad Assia e Reno, ma elettorato e langraviato.
  48. ^ Saisoneröffnung auf Gedenkstätte an Preußenkönigin Luise Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive.
  49. ^ Saisoneröffnung in Hohenzieritz, Sito ufficiale della Casa di Hohenzollern. URL consultato il 26 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  50. ^ Una lettera di Giorgio Borwin del Meclemburgo, su schuetzenzunft-fuerstenberg-ev.de. URL consultato il 7 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2011).
  51. ^ Mecklenburg-Strelitz Royal Family, su btinternet.com (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2006).
  52. ^ Oldenburg 8, su genealogy.euweb.cz. URL consultato il 19 maggio 2019.
  53. ^ Enrico granduca di Lussemburgo, duca di Nassau e principe di Borbone-Parma - Albero genealogico ufficiale., su monarchie.lu.
  54. ^ Guglielmo IV di Lussemburgo, su monarchie.lu.
  55. ^ a b Lippe, su angelfire.com.
  56. ^ Reuss, su angelfire.com.
  57. ^ Schaumburg-Lippe, su angelfire.com.
  58. ^ Nel 1909 al principe Carlo Gunther gli succede Gunther, che unisce al principato di Scwarzburg-Rudolstadt il principato di Scwarzburg-Sondershausen
  59. ^ Solms, su angelfire.com.
  60. ^ Stolberg, su angelfire.com.
  61. ^ Waldeck, su genealogy.euweb.cz.
  62. ^ Burundi, su members.iinet.net.au.
  63. ^ Compresi Sudan e Sudan del Sud
  64. ^ The Solomonic Dynasty Genealogy, su royalark.net.
  65. ^ Rwanda(Kingdom), su members.iinet.net.au.
  66. ^ Tunis10, su royalark.net.
  67. ^ monarquia.org.br, https://www.monarquia.org.br/.
  68. ^ thepeerage.com, http://thepeerage.com/p11234.htm#i112340.
  69. ^ genealogics.org, https://www.genealogics.org/getperson.php?personID=I00015269&tree=LEO.
  70. ^ The Bragança Dynasty Genealogy, su royalark.net.
  71. ^ Casa imperial del Mexico, su casaimperial.net (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2008).
  72. ^ Kingdom of Central Africa, su historyfiles.co.uk.
  73. ^ a b Miskito Kings (Mosquitia), su historyfiles.co.uk.
  74. ^ Karim Tiro,Sosok yang Misterius, su jumpueng.blogspot.com.
  75. ^ The Last Khan, su our-russia.com.
  76. ^ House of Champassak, su uqconnect.net (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  77. ^ a b Compresa Mongolia
  78. ^ Mukhran4, su www.royalark.net. URL consultato il 19 maggio 2019.
  79. ^ theroyalhouseofgeorgia.org, http://www.theroyalhouseofgeorgia.org/the_crown_prince.html.
  80. ^ Matrimonio dinastico in Georgia (8 febbraio 2009)
  81. ^ Qajar Succession, su qajarpages.org.
  82. ^ a b IRAQ3, su royalark.net.
  83. ^ a b I titoli tradizionali di Filippo VI di Spagna, su lainformacion.com.
  84. ^ a b c Storia del titolo di Re di Gerusalemme, su historiaregni.it.
  85. ^ Araldica dei regni di Napoli e Sicilia., su europeanheraldry.org.
  86. ^ Araldica della Casa di Lorena., su europeanheraldry.org.
  87. ^ a b Francesco Giuseppe re di Gerusalemme., su habsburger.net.
  88. ^ a b c The Yi Dynasty, su royalark.net.
  89. ^ The Royal Dynasty of Korea, su royalark.net.
  90. ^ The Hura'age Dynasty, su royalark.net.
  91. ^ The Kombaung dynasty, su royalark.net.
  92. ^ paigarh2, su www.royalark.net. URL consultato l'8 maggio 2019.
  93. ^ The Brooke Genealogy, su royalark.net.
  94. ^ The Bendahara Dynasty, su royalark.net.
  95. ^ Royal and Hashemite Order of the Pearl, su orderofthepearl.org.
  96. ^ Ufficialmente capo religioso e politico del Tibet, è in esilio in India dal 1950 a seguito dell'invasione cinese.
  97. ^ The Nguyen Phuoc Dynasty, su 4dw.net.
  98. ^ The Yemenin Royal House, su royalark.net.
  99. ^ https://www.thehindu.com/mag/2004/02/01/stories/2004020100120200.htm, The House of Arcot, in The Hindu, 1º febbraio 2004.
  100. ^ tipu8, su www.royalark.net. URL consultato il 7 maggio 2019.
  101. ^ Il governo indiano riconosce Mirza Ghulam Moinuddin Muhammad come capo della dinastia di Tīmūr.[senza fonte]
  102. ^ delhi21, su www.royalark.net. URL consultato il 7 maggio 2019.
  103. ^ lahore2, su www.royalark.net. URL consultato il 7 maggio 2019.
  104. ^ satara3, su www.royalark.net. URL consultato il 7 maggio 2019.
  105. ^ Kamad3, su www.royalark.net. URL consultato il 7 maggio 2019.
  106. ^ ALWAR4, su www.royalark.net. URL consultato il 14 maggio 2019.
  107. ^ radhanp3, su www.royalark.net. URL consultato il 21 maggio 2019.
  108. ^ bangana4, su www.royalark.net. URL consultato il 21 maggio 2019.
  109. ^ baroda7, su www.royalark.net. URL consultato il 21 maggio 2019.
  110. ^ BHOPAL7, su www.royalark.net. URL consultato il 21 maggio 2019.
  111. ^ hyder12, su www.royalark.net. URL consultato l'11 giugno 2019.
  112. ^ idar4, su www.royalark.net. URL consultato il 24 giugno 2019.
  113. ^ kashmir4, su www.royalark.net. URL consultato il 24 giugno 2019.
  114. ^ JODH16, su www.royalark.net. URL consultato il 24 giugno 2019.
  115. ^ kolhap4, su www.royalark.net. URL consultato il 24 giugno 2019.
  116. ^ mysore5, su www.royalark.net. URL consultato il 24 giugno 2019.
  117. ^ sikkim4, su www.royalark.net. URL consultato il 24 giugno 2019.
  118. ^ trava7, su www.royalark.net. URL consultato il 26 giugno 2019.
  119. ^ UDAIPUR, su members.iinet.net.au. URL consultato il 26 giugno 2019.
  120. ^ HAWAII10, su www.royalark.net. URL consultato il 26 giugno 2019.
  121. ^ WILCOX, su www.royalark.net. URL consultato il 26 giugno 2019.
  122. ^ E. Crosa (1922), La Monarchia nel diritto pubblico italiano, p. 20.
  123. ^ Enciclopedia Italiana Treccani (1939), voce Re: in particolare si constati la necessità di "Nozze dichiarate principesche".
  124. ^ V. Miceli (1913), Principi di diritto costituzionale, p. 486.
  125. ^ Codice Civile-Capo III
  126. ^

    «Sua Maestà il Re Umberto II invitò noi Savoia-Aosta e i Savoia-Genova a non intervenire né al matrimonio a Teheran, né al successivo ricevimento a Ginevra. Sua Maestà ne soffrì moltissimo e l'Unione Monarchica Italiana venne consigliata da Cascais di non inviare auguri e regali agli sposi»

    (Intervista di Gigi Speroni ad Amedeo di Savoia-Aosta nel libro In nome del Re, Rusconi editore, 1986, pagg. 9, 10 ed 11.)
  127. ^ Enciclopedia Italiana Treccani (1939), voce Stuart.

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh93001115 · GND (DE4276317-4