Protoceratidae

(Reindirizzamento da Protoceratidi)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Protoceratidae
The age of mammals in Europe, Asia and North America (1910) (17942027522).jpg
Cranio di Syndyoceras cooki
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Famiglia Protoceratidae

I protoceratidi (Protoceratidae) sono una famiglia di mammiferi artiodattili forse appartenenti ai tilopodi. Vissero tra l'Eocene medio e il Pliocene inferiore (circa 45 – 4 milioni di anni fa) e i loro resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica.

DescrizioneModifica

Questi animali erano vagamente simili ad antilopi, ma solitamente possedevano grandi corna ossee nasali. Molti protoceratidi possedevano corna sopra le orbite, sul rostro, e a volte anche sulle ossa parietali e sull'occipite. Ad esempio, Protoceras era dotato di larghe corna simili a flange sopra le mascelle e di corte corna sopra le orbite e i parietali, mentre Paratoceras possedeva corna ricurve sopra le orbite e una sorta di corno biforcuto simile a un'elica sull'occipite. Altre forme come Syndyoceras e Synthetoceras, invece, erano caratterizzate da un corno nasale a forma di Y o di V a forma di fionda, e da due corna lunghe sopra le orbite.

La maggior parte dei protoceratidi possedeva ossa nasali molto arretrate, e ciò suggerisce che questi animali avevano labbra muscolose e prensili o forse una corta proboscide. Molari e premolari dei protoceratidi erano a corona piuttosto bassa e bunoselenodonti, mentre i molari superiori erano molto più ampi che lunghi, con un cingulum linguale sviluppato, parastili e mesostili. I maschi erano dotati di canini superiori molto lunghi, e i primi premolari erano a forma di canino e separati dagli altri denti da diastemi. La mandibola era caratterizzata da un processo coronoide corto, e la sinfisi mandibolare era ricurva verso il basso. Rispetto alla maggior parte degli artiodattili selenodonti, sembra che le zampe dei protoceratidi fossero relativamente corte e poco specializzate, con radio e ulna chiaramente separati, così come cuboide e navicolare. I metapodi, inoltre, non erano fusi in un osso cannone. Queste caratteristiche suggeriscono che i protoceratidi non fossero animali corridori come invece molti cammelli e ruminanti, ma che vivessero in terreni paludosi o di densi cespugli, dove la velocità non era un fattore critico di successo evolutivo.

ClassificazioneModifica

I protoceratidi sono a volte considerati una famiglia di artiodattili tilopodi, non lontani dall'origine dei camelidi. Si svilupparono nel corso dell'Eocene medio, ma le prime forme non erano caratterizzate dalle insolite appendici craniche e sono note solo tramite fossili incompleti; è difficile distinguere queste forme arcaiche da altri artiodattili dell'epoca, come gli Hypertragulidae e i Leptomerycidae, e alcune forme furono attribuite ai camelidi. Solo le caratteristiche dentarie hanno permesso ai paleontologi di classificare queste forme tra i protoceratidi. Tra le forme più arcaiche si ricordano Leptoreodon e Leptotragulus; altre forme leggermente più derivate erano Poabromylus, Heteromeryx e Toromeryx. Nel corso dell'Oligocene visse il genere eponimo Protoceras, che sviluppò una serie di brevi appendici craniche e che fu all'origine del bizzarro Paratoceras del Miocene. Nel corso di questo periodo si evolvettero i Synthetoceratinae, comprendenti forme specializzate quali Syndyoceras, Synthetoceras e Lambdoceras. L'ultimo protoceratide noto è Kyptoceras del Pliocene inferiore.

 
Fossile di Pseudoprotoceras longinaris

Protoceratidae

PaleobiologiaModifica

I primi protoceratidi (come Leptoreodon) dovevano essere animali erbivori poco specializzati che vivevano nelle foreste; forme leggermente più derivate, come Heteromeryx e Pseudoprotoceras, mostrano un arretramento delle ossa nasali che indicherebbe lo sviluppo di un labbro prensile o una breve proboscide, utile per procurarsi il cibo costituito da fogliame. Il clima via via più asciutto portò allo sviluppo di forme come Protoceras, che viveva in foreste e boschi di piccole dimensioni, lungo i fiumi. Questo habitat doveva essere anche quello dei successivi protoceratidi derivati (Synthetoceratinae) del Miocene, come indicato dalla loro morfologia e da analisi degli isotopi. L'unico genere adattatosi forse a un differente modo di vita è Lambdoceras, dotato di un muso molto più stretto dei suoi simili.

BibliografiaModifica

  • T. H. Patton and B. E. Taylor. 1971. The Synthetoceratinae (Mammalia, Tylopoda, Protoceratidae). Bulletin of the American Museum of Natural History 145(2):119-218
  • D. R. Prothero and J. A. Ludtke. 2007. Family Protoceratidae. in D. R. Prothero and S. Foss (eds.), The Evolution of Artiodactyls 169-17

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi