Apri il menu principale

TassonomiaModifica

Il genere venne denominato nel 1788 da Joseph Gaertner nel suo De Fructibus et Seminibus Plantarum.[1] Psydrax è una parola greca che indica una bolla o una gobba. Gaertner può aver scelto questo termine riferendosi al frutto verrucoso o ai semi foruncolosi di alcune specie[2] Il nome del genere fu appena utilizzato dopo che Gaertner lo aveva proposto poiché molti autori ponevano queste specie nel genere Canthium. Psydrax fu ripristinato nel 1985 e 37 specie africane vi furono trasferite dal Canthium.[3] Il genere "monospecie" Mesoptera fu anche inserito nel Psydrax.[4]

Fu dimostrato che il genere Psydrax è monofilo in uno studio di Filogenesi molecolare.[5] Esso è strettamente legato ai Afrocanthium, Cyclophyllum e Keetia, generi che sono stati staccati dal Canthium.[5][6]

SpecieModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) J. Gaertner, De Fructibus et Seminibus Plantarum, vol. 1, 1788, p. 125.
  2. ^ (EN) U. Quattrocchi, CRC World Dictionary of Plant Names, 3ª ed., Baton Rouge, New York, London, Washington DC., CRC Press, 2000, ISBN 978-0-8493-2673-8.
  3. ^ (EN) D.M. Bridson, The reinstatement of Psydrax (Rubiaceae, subfam. Cinchonoideae tribe Vanguerieae) and a revision of the African species, in Kew Bulletin, vol. 40, nº 4, 1985, pp. 687–725, DOI:10.2307/4109853.
  4. ^ (EN) Rafaël Govaerts, World Checklist of Selected Plant Families, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 12 settembre 2013.
  5. ^ a b (EN) H. Lantz & B. Bremer, Phylogeny inferred from morphology and DNA data: characterizing well-supported groups in Vanguerieae (Rubiaceae), in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 146, nº 3, 2004, pp. 257–283, DOI:10.1111/j.1095-8339.2004.00338.x.
  6. ^ (EN) D.M. Bridson, The reinstatement of the African genus Keetia (Rubiaceae subfam. Cinchonoideae tribe Vanguerieae), in Kew Bulletin, vol. 41, nº 4, 1986, pp. 965–994, DOI:10.2307/4102996.

Collegamenti esterniModifica