Apri il menu principale

Publio Valerio Catone (in latino Publius Valerius Cato; Gallia Cisalpina, 100 a.C. circa – ...) è stato un poeta e grammatico romano.

BiografiaModifica

Catone era nativo della Gallia Cisalpina[1] e perse i propri possedimenti durante le requisizioni di Silla. Questa povertà lo accompagnò durante tutta la vita, specie in vecchiaia, anche se sembra che, almeno nella maturità, avesse posseduto una dimora a Tuscolo, che fu obbligato, in seguito, a vendere per pagare i creditori[2]. Visse a Roma, comunque, dove esercitò fino a tarda età l'attività di maestro di poesia e grammatico[3].

OpereModifica

Valerio Catone è considerato il fondatore della poetica neoterica ed il primo vero critico letterario del mondo latino: fu spesso equiparato a Zenodoto di Efeso e Cratete di Pergamo e temutissimo filologo[4].

Lavorò sui testi degli arcaici, forse su Lucilio[5] e compose in proprio opere poetiche (epilli): Lydia, un poema d'amore, probabilmente lo pseudonimo dell'amata; Dictynna (o Diana) che narra la storia della giovane Brytomartis salvata dall'inseguimento amoroso di un cacciatore divenendo una divinità cretese affine a Diana. Al genere delle Dirae apparteneva, probabilmente, una Indignatio, in cui si difendeva dalle accuse raccontando i suoi casi[1]

NoteModifica

  1. ^ a b Svetonio, De grammaticis, XI 1.
  2. ^ Svetonio, De grammaticis, XI 4.
  3. ^ Svetonio, De grammaticis, IV 3.
  4. ^ Cfr. l'epigramma di Furio Bibaculo in Svetonio, De grammaticis, XI 4.
  5. ^ Svetonio, De grammaticis, II 4.

BibliografiaModifica

  • J. Blänsdorf, Fragmenta Poetarum Latinorum, ed. 3. auctam, Stutgartiae; Lipsiae: Teubner, 1995, ISBN 3-8154-1371-0, p. 195-196.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN17366423 · ISNI (EN0000 0000 6121 5815 · GND (DE119499185 · BNF (FRcb13320433k (data) · BAV ADV10045322 · CERL cnp00979638 · WorldCat Identities (EN17366423