Apri il menu principale

Raffaello Morghen (Roma, 19 settembre 1896Roma, 30 maggio 1983) è stato uno storico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Fu allievo di Pietro Fedele ed Ernesto Buonaiuti all'Università di Roma, dove si laureò in Lettere nel 1919. Divenne professore universitario nel 1938, insegnando Storia medievale a Palermo, poi dal 1943 a Perugia e infine dal 1948 al 1966 nell'Università della Sapienza. Fu nominato nel 1952 presidente dell'Istituto Storico Italiano per il Medioevo e dal 1960 fu socio dell'Accademia dei Lincei.

Fu preside della Scuola speciale per archivisti e bibliotecari dal 1951 al 1955 e dal 1956 al 1966.

I suoi principali interessi riguardarono la storia politica e religiosa del Medioevo, con particolare attenzione al fenomeno dei movimenti popolari eretici.

OpereModifica

  • Chronicon Sublacense, 1927
  • Ancora sulla questione malaspiniana, 1930
  • Il tramonto della potenza sveva in Italia, 1936
  • Gregorio VII, 1942
  • Medioevo cristiano, 1951
  • L'idea di Europa, 1960
  • La formazione degli stati europei, 1964
  • Civiltà medievale al tramonto, 1971
  • L'età degli svevi in Italia, 1974
  • Gregorio VII e la riforma della Chiesa nel secolo XI, 1974
  • Bonifacio VIII e il Giubileo del 1300 nella storiografia moderna, 1975
  • Tradizione religiosa nella civiltà dell'occidente cristiano, 1979
  • Dante profeta. Tra la storia e l'eterno, 1983

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN33042965 · ISNI (EN0000 0001 1024 3653 · SBN IT\ICCU\CFIV\000313 · LCCN (ENn80045051 · GND (DE119065436 · BNF (FRcb12163958c (data) · WorldCat Identities (ENn80-045051