Apri il menu principale

Raimondo Moncada

vescovo cattolico italiano
Raimondo Moncada Oneto, C.R.
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Patti (1782-1813)
 
Nato7 maggio 1736 a San Pier di Monforte
Nominato vescovo25 febbraio 1782 da papa Pio VI
Consacrato vescovo3 marzo 1782 dal cardinale Tommaso Maria Ghilini
Deceduto18 settembre 1813 (77 anni) a Patti
 

Raimondo Moncada Oneto (San Pier di Monforte, 7 maggio 1736Patti, 18 settembre 1813) è stato un nobile e vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nacque a San Pier di Monforte, nel Val Demone, il 7 maggio 1736[1], da Giovanni Antonio, V principe di Monforte, e dalla nobildonna Domenica Oneto Beccadelli di Bologna dei principi di San Lorenzo, di cui era quartogenito di sette figli.[2] Furono suoi fratelli Emanuele e Carmelo Moncada Oneto.

Si dedicò a vita religiosa ed entrò a far parte dell'ordine dei Chierici regolari teatini.[3] Membro della Compagnia dei Bianchi di Messina nel 1770[4], fu vicario generale dell'Archimandritato del Santissimo Salvatore, nel periodo in cui capo era il cardinale Giovanni de Gregorio.[5]

Eletto vescovo di Patti nel 1782[6], fu a capo della diocesi fino alla morte, avvenuta nel 1813.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Notizie per l'anno MDCCXCV dedicate all'E.mo, e R.mo Principe il Sig. Cardinale Carlo Livizzani, Stamperia Cracas, 1795, p. 108.
  2. ^ LINEE GENERALI MONCADA DI MONFORTE, su mariomoncadadimonforte.it. URL consultato il 16-08-2018.
  3. ^ Notizie del mondo, 1782, p. 159.
  4. ^ G. Galluppi, barone di Pancaldo, Nobiliario della città di Messina, Forni, 1877, p. 306.
  5. ^ Biblioteca storica e letteraria di Sicilia, Pedone, 1879, p. 163.
  6. ^ M. Scasso Borrello, Storia generale di Sicilia del Signor de Burigny, Del Solli, 1788, p. 62.

Collegamenti esterniModifica