Apri il menu principale

Rallus antarcticus

specie di uccello

DescrizioneModifica

Il rallo australe ha taglia piccola (20 cm) ed ha livrea caratteristica con dorso bruno o color camoscio con fasce nere e ventre grigio chiaro tranne che sui lati del petto dove il colore è bruno, il sottocoda e la parte vicina dell'addome sono a strie nere e bianche. Occhi e becco sono rossi, le zampe rosa-rosse[3].

Distribuzione e habitatModifica

Creduta estinta nel 1959 questa specie è stata riscoperta nel 1998 dopo di che è stata accertata la sua presenza in sette stazioni site nella Provincia di Chubut (Argentina) e nella Provincia di Magallanes (Cile), situate al di fuori del suo areale storico. Gli spostamenti e le migrazioni di questa specie sono ancora incompletamente noti[3].

BiologiaModifica

Popola le steppe della Patagonia, concentrandosi nelle aree umide e palustri con densi popolamenti di Schoenoplectus californicus, di Myriophyllum e di altre piante erbacee. Si ritiene che almeno le popolazioni più meridionali effettuino spostamenti migratori verso il nord[3].

ConservazioneModifica

Si calcola che esistano 3.500/15.000 esemplari della specie. La minaccia più grave per la specie è la messa a coltura intensiva dei terreni nelle valli fluviali in cui vive. Anche l'estrazione di acqua dalle falde acquifere e il pascolo da parte dei bovino sono cause di minaccia[1].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Rallus antarcticus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2019.2, IUCN, 2019.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Rallidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 12 maggio 2014.
  3. ^ a b c BirdLife Species Factsheet

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli