Raniero Arsendi

giurista italiano

Raniero Arsendi, noto anche come Ranieri Arsendi e Raniero da Forlì[1] (Forlì, 1290 circa[2]Padova, 6 aprile 1358), è stato un giurista italiano. Soprannominato "il monarca delle leggi", fu un insigne giureconsulto civilista,[2] maestro di Bartolo da Sassoferrato e citatissimo dai posteri.

Super prima et secunda parte Digesti novi, 1523

BiografiaModifica

 
Tractatus de substitutionibus, manoscritto, XIV-XV secolo

Nacque a Forlì verso la fine del fine del XIII secolo.[3]

Fu lettore di diritto a Bologna, dove ebbe come discepolo Bartolo da Sassoferrato, a Pisa – mentre insegnava anche Bartolo[2] – e a Padova (dal 1344). In quest'ultima città, fu consigliere dei Carraresi. Anche Carlo IV di Lussemburgo lo volle come suo consigliere, nominandolo poi cavaliere e conte.[3]

Morì nel 1358 a Padova e fu sepolto nel chiostro del Capitolo della Basilica di Sant'Antonio.[3] Uno dei due figli, Arsendino Arsendi, fu pure un apprezzato giurista, oltre che politico e diplomatico nella corte carrarese.[2][3]

OpereModifica

  • Consulti
  • Lettura del Digesto Nuovo
  • Ripetizioni
  • Trattato delle sostituzioni (De substitutionibus)
  • Summa super modo arguendi, opera nella quale espone il nuovo modo di argomentare le questioni di diritto, ispirato al metodo scientifico scolastico.

ManoscrittiModifica

NoteModifica

  1. ^ Latinizzato come Raynerius de Forlivio, Raynerius de Arscendinis o de Arsendis o Arsendus. DBI
  2. ^ a b c d Del Negro 2015,  p. 35-36.
  3. ^ a b c d DBI.

BibliografiaModifica

  • Brando Brandi, Vita e dottrine di Raniero da Forlì, giureconsulto del secolo XIV, Unione Tipografico-Editrice, Torino 1885.
  • Roberto Abbondanza, ARSENDI, Raniero, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 4, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1962.  
  • Piero Del Negro (a cura di), Clariores. Dizionario biografico dei docenti e degli studenti dell'Università di Padova, Padova, Padova University Press, 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN265648578 · ISNI (EN0000 0003 9866 2776 · SBN CFIV016566 · BAV 495/38189 · CERL cnp01052268 · LCCN (ENno2005040649 · GND (DE118977806 · BNF (FRcb134836903 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-265648578