Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Rapa (disambigua).

La rapa è la radice carnosa ("fittone") della pianta Brassica rapa, coltivata a scopo alimentare. Si tratta di una radice di forma tondeggiante, talvolta piuttosto tozza, ricoperta da una pellicina bianco/rosa, bianco/violacea oppure gialla a secondo della varietà. L'interno è formato da una pasta bianca o giallognola, a seconda della varietà, di gusto lievemente dolciastro.

Rape
Aspetto della pianta Brassica rapa.

Principali varietà modifica

Oltre 150 varietà sono registrate nel catalogo europeo delle varietà delle piante coltivate (EUPVP)[1]. Le varietà registrate dall'Italia sono:

  • Bianca piatta quarantina (o bianca lodigiana)
  • Delle virtù (o Vertus o a martello)
  • Di Milano bianca a colletto viola (o di Milano a colletto viola o di Milano a colletto rosa)
  • Lunga viola del Circeo
  • Mezza lunga bianca a foglia frastagliata tipo pistoiese (o Toscana)
  • Mezza lunga bianca colletto verde foglia intera
  • Mezza lunga bianca colletto viola a foglia frastagliata
  • Mezza lunga napoletana a testa bianca
  • Norfolk a colletto violetto
  • Palla di neve
  • White globe purple top (o tonda a colletto viola)

Cucina modifica

La rapa viene generalmente consumata cotta con burro od olio di oliva e sale o più raramente cruda anche grattugiata. Entra nella composizione della giardiniera ed è il componente principale di un tipico piatto friulano, la brovada.

Il valore nutritivo della rapa è piuttosto scarso: circa 4% di glucidi, il 74-81% è composto da acqua e alcuni sali minerali (230 mg di potassio, 30 mg di fosforo, 40 mg di calcio e quasi altrettanti di sodio). Scarso il contenuto di vitamine salvo che per la vitamina C, di cui sono presenti più di 20 mg per 100 g di parte edule.

Note modifica

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàGND (DE4329181-8