Apri il menu principale

Regioni della Croazia

primo livello di suddivisione territoriale croata
Regioni della Croazia

Le regioni (o contee) della Croazia (in croato: županije)[1], dette anche zupanie[2], costituiscono la suddivisione territoriale di primo livello del Paese e sono pari a 20; ad esse si aggiunge la città (grad) di Zagabria (come "la città con le autorità di regione"/"la città al livello di regione").

Secondo la legge sull'autogoverno locale e territoriale (art. 6), «la regione è l'unità territoriale dell'autogoverno il cui territorio rappresenta un complesso naturale, storico, economico, sociale, di traffico e d'autogoverno, e viene instituta per assicurare lo svolgimento di affari d'interesse territoriale».[3]

I nomi delle singole regioni nella loro versione originale sono caratterizzate dai suffissi -čka e -ska, che contraddistinguono i sostantivi aggettivizzati: per questo vanno sempre seguiti dalla dizione županija. La traduzione più aderente è pertanto quella aggettivizzante (es. "regione spalatino-dalmata" anziché "regione di Spalato e della Dalmazia"), ma solo poche regioni hanno un nome pienamente traducibile secondo questa regola.

Profili istituzionaliModifica

PrerogativeModifica

Le regioni croate non hanno autonomia legislativa, ma adottano gli statuti regionali (conformemente a legge particolare) ed emettono i regolamenti (le "delibere"). Possono però applicare tasse (o meglio, il governo nazionale restituisce loro una porzione delle tasse che raccolgono) e dispongono di un budget, anche se non considerevole.

Nell'ambito delle competenze d'autogoverno le regioni svolgono le attività d'interesse territoriale (regionale), in particolare quelle inerenti l'istruzione, la sanità, lo sviluppo economico, la pianificazione e lo sviluppo di una rete d'istituzioni educative, sanitarie, sociali e culturali, le attività finalizzate alla salvaguardia della natura e dell'ambiente, il traffico e la relativa infrastruttura, la manutenzione delle strade pubbliche, il rilascio di permessi di costruzione e d'ubicazione, altri atti concernenti l'edilizia e l'attuazione dei documenti d'assetto territoriale per il territorio delle regioni (ad eccezione delle "grande città" e delle città sedi delle regioni che, secondo le norme stabilite con la legge, svolgono anche attività concernenti la manutenzione delle strade pubbliche e l'edilizia sul territorio della propria competenza); e svolgono altre mansioni conformemente a leggi particolari.[3][4] Gli affari che rientrano nell'ambito di competenza d'autogoverno regionale devono essere regolati dalla legge.[5]

Organi di governoModifica

Le istituzioni regionali sono disciplinate dal Titolo VI della Costituzione croata del 1990 (con le modifiche fino al 2014), dalla Legge sull'autogoverno locale e territoriale (regionale) e dalla Legge sulle elezioni locali.[3][5][6]

Ogni regione (županija) è dotata di precisi organi previsti dalla legge:

  • l'assemblea regionale (županijska skupština) è un organo di rappresentanza, costituito da membri eletti, per il mandato di quatro anni, mediante elezioni dirette a suffragio universale (dai cittadini con più di 18 anni) utilizzando il sistema proporzionale con il metodo d'Hondt. È composta da un numero variabile di consiglieri, in funzione del numero di abitanti della regione (31-51).
    L'Assemblea emana lo statuto della regione e gli atti generali di competenza regionale, costituisce istituzioni e società il cui fondatore è la regione, emana il bilancio regionale ed esercita altre attribuzioni ad essa demandate dallo statuto della regione. L'Assemblea costituisce comitati, commissioni ed altri organi di lavoro, permanenti e provvisori. L’assemblea regionale ha un presidente e due vicepresidenti, eletti e destituiti tra i suoi membri per il mandato di quattro anni, su proposta di almeno dieci membri.
  • Il presidente della regione (župan o zupano)[7] detiene il potere esecutivo a livello regionale. Il presidente della regione e due (o tre) vicepresidenti o sostituti del presidente (zamjenici župana) sono eletti ogni quattro anni mediante voto popolare (suffragio universale e diretto dai cittadini con più di 18 anni, sistema maggioritario con ballottaggio).
    Il presidente, detenendo il potere esecutivo al livello regionale, rappresenta la regione, redige le proposte di atti generali, presenta all'approvazione dell'Assemblea il bilancio, gestisce i beni immobili, mobili e i diritti patrimoniali della regione in conformità con le norme di legge dello stato, emana gli ordini per l'attuazione degli atti dell'Assemblea; gestisce, coordina e controlla il lavoro degli organi regionali, consulta regolarmente i sindaci dei comuni e delle città nel territorio della regione, nomina e destituisce gli assessori degli organi amministrativi, emana i regolamenti sull'ordine interno degli organi amministrativi, indirizza l'attività e controlla il lavoro degli organi amministrativi e dei servizi della regione nello svolgimento dei compiti rientranti nelle competenze dell'autogoverno, rispettivamente dei lavori dell'amministrazione statale qualora questi siano stati trasmessi alla regione e svolge altre mansioni di sua competenza, stabilite dalle prescrizioni e dallo statuto.
    Il referendum si può indire per destituire il presidente della regione ed i suoi sostituti nei casi e secondo le modalità previsti dalla legge: l'indizione del referendum per la destituzione può essere proposta dal 20% del numero complessivo degli elettori nell'unità nella quale è richiesta la destituzione del presidente della regione e dei suoi sostituti eletti assieme a lui o dall'Assemblea regionale (a maggioranza di due terzi dei membri). La delibera è emanata se al referendum la maggior parte degli elettori che hanno votato si è espressa a favore, a patto che questa maggioranza rappresenti almeno ⅓ del numero complessivo degli elettori iscritti nel registro degli elettori dell'unità.
  • gli assessori (pročelnici), nominati dal presidente della regione in base ad un concorso pubblico, gestiscono gli organi amministrativi (sezioni).

In ciascuna regione il governo centrale è rappresentato da un Ufficio d'amministrazione statale (Ured državne uprave).[8] Il capo dell'Ufficio (predstojnik), nominato dal Governo croato, rappresenta lo Stato sul territorio della regione (nella Città di Zagabria il sindaco è inoltre rappresentante dello Stato). Essi fanno capo al Ministero dell'Amministrazione Pubblica.

ListaModifica

Localizzazione Stemma Regione Capoluogo Popolazione
(2011)
Superficie
(km2)
    Regione di Bjelovar e della Bilogora
Bjelovarsko-bilogorska županija
Bjelovar 119 764 2 640
    Regione di Brod e della Posavina
Brodsko-posavska županija
Slavonski Brod 158 575 2 030
    Regione raguseo-narentana
Dubrovačko-neretvanska županija
Ragusa 122 568 1 781
    Regione istriana
Istarska županija/Regione istriana
Pola/Pisino 208 055 2 813
    Regione di Karlovac
Karlovačka županija
Karlovac 128 899 3 626
    Regione di Koprivnica e Križevci
Koprivničko-križevačka županija
Koprivnica 115 584 1 748
    Regione di Krapina e dello Zagorje
Krapinsko-zagorska županija
Krapina 132 892 1 229
    Regione della Lika e di Segna
Ličko-senjska županija
Gospić 50 927 5 353
    Regione del Međimurje
Međimurska županija
Čakovec 113 804 729
    Regione di Osijek e della Baranja
Osječko-baranjska županija
Osijek 305 032 4 155
    Regione di Požega e della Slavonia
Požeško-slavonska županija
Požega 78 034 1 823
    Regione litoraneo-montana
Primorsko-goranska županija
Fiume 296 195 3 588
    Regione di Sebenico e Tenin
Šibensko-kninska županija
Sebenico 109 375 2 984
    Regione di Sisak e della Moslavina
Sisačko-moslavačka županija
Sisak 172 439 4 468
    Regione spalatino-dalmata
Splitsko-dalmatinska županija
Spalato 454 798 4 540
    Regione di Varaždin
Varaždinska županija
Varaždin 175 951 1 262
    Regione di Virovitica e della Podravina
Virovitičko-podravska županija
Virovitica 84 836 2 024
    Regione di Vukovar e della Sirmia
Vukovarsko-srijemska županija
Vukovar 179 521 2 454
    Regione zaratina
Zadarska županija
Zara 170 017 3 646
    Regione di Zagabria
Zagrebačka županija
Zagabria 317 606 3 060
    Città di Zagabria
Grad Zagreb
- 790 017 641

NoteModifica

  1. ^ Il termine "regione" diffuso in Italia per indicare le županije, deriva dalla traduzione ufficiale del nome dell'Istria. In realtà sotto nessun punto di vista, né amministrativo, né storico, né demografico, né territoriale, le županije corrispondono a quelle che sono in Italia le regioni: esse possono piuttosto considerarsi come equivalenti delle province. In tal senso depongono le traduzioni del termine nelle lingue terze, che in nessun caso utilizzano termini equivalenti a quello di "regione", ma piuttosto a quello di "contea", "comitato" o "contado".
  2. ^ zupània, su dizionario-italiano.it.
  3. ^ a b c Legge sull'autogoverno locale e territoriale (regionale) (Gazzetta Ufficiale No. 19 del 18 febbraio 2013 – testo emendato) (PDF), su Regione istriana. Amministrazione. Costituzione, leggi e altri atti del Parlamento croato. URL consultato il 19 ottobre 2016.
  4. ^ STATUTO DELLA REGIONE ISTRIANA, su Regione istriana. Documenti. URL consultato il 19 ottobre 2016.
  5. ^ a b (EN) THE CONSTITUTION OF THE REPUBLIC OF CROATIA (consolidated text), su Parlamento croato (sabor.hr). URL consultato il 10 ottobre 2016.
  6. ^ (HR) Zakon o lokalnim izborima (Narodne novine 144/2012), su Narodne novine. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  7. ^ Non c'è traduzione esatta. Nella Regione istriana nome ufficiale (stabilito con le norme dello Statuto) è "presidente della regione". Nelle altre regioni traduzione inglese è county prefect ("prefetto della regione/contea"), ma nell'ordinamento amministrativo italiano prefetto ha una significazione differente: prefetto italiano abbia funzioni analoghe a quelle del capo dell'Uffico d'amministrazione statale in ogni regione/contea croata (predstojnik Ureda državne uprave).
  8. ^ Simile alla prefettura - UTG in Italia.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Croazia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Croazia