Retablo dei santi Orsola, Martino e Antonio

dipinto di Gonzalo Pérez
Retablo dei santi Orsola, Martino e Antonio
Retaule de Sant Martí amb Santa Úrsula i Sant Antoni Abat, Gonçal Peris, Museu de Belles Arts de València.JPG
AutoreGonzalo Pérez
Data1420
TecnicaTempera su tavola
UbicazioneMuseo di Belle Arti, Valencia

Il Retablo dei santi Orsola, Martino e Antonio è un'opera del pittore spagnolo Gonzalo Pérez, tempera su tavola, conservata nel Museo di Belle Arti di Valencia e risalente al 1420 circa.

La pala d'altare era stata creata per il monastero di Portaceli a Valencia ed è una delle poche opere certe dell'autore che, nella scarsità della documentazione scritta, ha permesso di ricostruirne un corpus di opere simile per attribuzione.

Le figure sono caratterizzate da un'eterea aristocraticità, con una profanazione delle figure sacre che li fa assomigliare a nobili dell'epoca.

Nel pannello dell'Elemosina di San Martino il santo, dai delicati lineamenti quasi femminei, è abbigliato di un sontuoso abito con pellicce e damaschi dorati, così come il cavallo è bardato d'oro, secondo lo stile gotico internazionale, che ricorda, per quanto riguarda l'Italia, le opere di Gentile da Fabriano.

Lo sfondo è ancora un abbacinante oro, reso prezioso da una minuta punzonatura calligrafica.

BibliografiaModifica

  • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7212-0

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pittura