Rhizangiidae

famiglia di coralli delle madrepore
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rhizangiidae
Astrangia haimei.jpg
Astrangia haimei
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Radiata
Phylum Cnidaria
Classe Anthozoa
Sottoclasse Hexacorallia
Ordine Scleractinia
Famiglia Rhizangiidae
d'Orbigny, 1851
Generi

Rhizangiidae (d'Orbigny, 1851) è una famiglia di madrepore della sottoclasse degli Esacoralli.[1]. Questa famiglia viene talvolta erroneamente definita Astrangiidae Verrill, 1869 .[2]

DescrizioneModifica

La famiglia Rhizangiidae è composta da coralli anermatipici con la sola eccezione della specie Astrangia poculata che può vivere in endosimbiosi con altri organismi se è disponibile luce sufficiente.[3]

Le colonie sono incrostanti, di solito plocoidi, e si presentano in gruppi collegati da piccole radici. Le colonie sono costituite da coralliti sparsi che sono uniti da un cenosteo basale. I coralliti sono piccoli e tubolari, con pareti molto solide. Il germoglio in tutti i generi è extratentacolare o si genera dallo stolone.[3]

La natura monofiletica della famiglia è dubbia. Alcuni studiosi includevano Polycyathus in questa famiglia, altri includevano sia Polycyathus che Paracyathus, mentre altri ancora consideravano entrambi questi generi come appartenti alle Caryophylliidae. Recenti analisi molecolari collocano Policyathus e Paracyathus con gli Oculinidae, ma finora non sono stati sequenziati acidi nucleici di rizangiidi.[2]

Tutte le specie vivono su substrati duri sulla piattaforma continentale (0-200 m), ma almeno un genere (Culicia) è noto fino a 238 m di profondità.[2]

La maggio parte delle specie sono diffuse nell'Atlantico nord-occidentale, Bermuda e coste dell'Africa occidentale.[4]

TassonomiaModifica

Secondo il World Register of Marine Species (WORMS), la famiglia è composta da 9 generi di cui 5 estinti:[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Rhizangiidae, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 27 febbraio 2020.
  2. ^ a b c CairnsOp. citata.
  3. ^ a b (EN) Pierre Madl, Family Rhizangiidae, in Tropical Marine Biology II - Classification of Scleractinian (Stony) Corals, University of Vienna, March through June 2001, 2001.
  4. ^ (EN) Astrangia - Distribution, Corals of the World. URL consultato il 12 marzo 2020.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (EN) Rhizangiidae, su Fossilworks.org.  
  • (EN) Rhizangiidae, Global Biodiversity Information Facility. URL consultato il 17 marzo 2020.