Riforma ortografica della lingua francese del 1835

La Riforma ortografica della lingua francese del 1835 corrisponde alla pubblicazione della sesta edizione del Dizionario della Accademia di Francia.[1] Ha reso obsolete molte grafie e ha dato al francese moderno il suo volto contemporaneo. In molti casi semplifica o regolarizza l'ortografia, o la rende più coerente con la pronuncia; Tuttavia, si presenta anche con alcune forme etimologiche più complesse dall'uso delle digrafi ph, rh, th , ecc. L'edizione del "Dizionario" del 1878 ripristinerà parzialmente quest'ultima modifica.[2]

Esempio di testo precedente alla riforma del 1835

ModificheModifica

I due cambiamenti principali sono il cambiamento da oi ad ai in innumerevoli parole, e il plurale di parole in -nt che era ancora in -ns è sistematizzato in -nts. Scompare anche l'uso del segno "&" per "e" nella prosa comune.[3]

Prima del 1835
"Ma foi, je connois le françois & les savans, les dents de mes parens, &c "
Dopo il 1835
"Ma foi, je connais le français et les savants, les dents de mes parents, &c."[4]

Ora pronunciato "oua" nel francese standard , l'ortografia oi ha rappresentato a lungo (e spesso rappresenta ancora) varie pronunce come "ouai" (rimangono tracce nel francese parlato in Quebec) o "ai". Già un secolo prima della riforma, Voltaire aveva chiesto invano il passaggio da oi ad ai ; lo mise anche in pratica nella prima edizione della sua opera del 1751 Le Siècle de Louis XIV.[5]

ApplicazioneModifica

Secondo Ferdinand Brunot, la stretta del potere sulla società e in particolare sull'università ha permesso una rapida diffusione della nuova grafia. Egli osserva che "dopo l'edizione del 1835, rimasero solo l'innocente protesta Debates e la Revue des Deux Mondes, ostinata scrittura prenans invece di addictive , per ricordare un tempo in cui ognuno scriveva a sua discrezione, senza passare per un uomo senza istruzione." La Revue des Deux-Mondes resistette infatti al cambiamento fino al 1919, poiché lo stesso Chateaubriand, già nel 1800', si rifiutò di applicare i plurali in “-ans” e continuò a scrivere “oi” e non “ai” .[6]

NoteModifica

  1. ^ André Goosse , Storia della lingua e della storia di ortografia , intervista pubblicata Honvault 2006 , p.  39
  2. ^ Académie française , “Du françois au français”, www.academie-francaise.fr/langue, nd, consultato nel dicembre 2017.
  3. ^ Ulla Kölving, Presentazione del secolo Luigi XIV, Centro internazionale per la xviii °  secolo , c18.net/vo, sd, vedere "l'ortografia di Voltaire nella prima edizione del secolo di Luigi XIV  " accede marzo 2008.
  4. ^ Renée Honvault-Ducroq, L'ortografia del francese, una storia delle riforme accademiche, in Honvault 2006 , p.  59.
  5. ^ Jacques Chaurand, Storia della lingua francese , Presses Universitaires de France , "Que sais-je", 1969, canna. 1991, pp. 104-105.
  6. ^ Ferdinand Brunot, https://ia801406.us.archive.org/11/items/larformedelorth00brungoog/larformedelorth00brungoog.pdf ,1905 ( leggi online  [ archivio ] ) , p.  34.