Rifugio Battaglione Alpini Monte Granero

rifugio alpino italiano
Rifugio Granero
Rifugio Granero.JPG
Rifugio Granero
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudine2 377 m s.l.m.
LocalitàLago Lungo Adrech Del Laus
CatenaAlpi Cozie
Coordinate44°43′41.07″N 7°02′42.98″E / 44.728075°N 7.045272°E44.728075; 7.045272Coordinate: 44°43′41.07″N 7°02′42.98″E / 44.728075°N 7.045272°E44.728075; 7.045272
Dati generali
Inaugurazione22 luglio 1928
ProprietàCAI UGET Val Pellice
Periodo di apertura15 giugno - 15 settembre
Capienza48 posti letto
Locale invernaleBivacco (6 posti) posti
Mappa di localizzazione
Sito internet

Il rifugio Battaglione Alpini Monte Granero, spesso indicato semplicemente come rifugio Granero, è un rifugio alpino situato in alta Val Pellice, ai piedi dei monti Granero, Meidassa e Manzol.

StoriaModifica

Fu costruito a partire dal 1926, e venne inaugurato il 22 luglio 1928. La costruzione originale, in muratura a due piani, poteva ospitare 22 persone. Ad inizio XXI secolo è stato restaurato ed ampliato alla capienza attuale; inoltre, nel 2005, è stato dotato di una centralina idroelettrica.[1]

CaratteristicheModifica

È una costruzione in muratura, a due piani, posta in vicinanza del Lago Lungo, in località Adrech del Laus. Dispone di 48 posti letto; offre servizi di bar, ristorazione e mezza pensione. È dotato di servizi igienici interni ed esterni, docce calde, telefono pubblico e di emergenza, Wi-Fi ed impianto elettrico a 220 V, alimentato da una centralina idroelettrica. Nel periodo di chiusura è aperto il solo locale invernale, che dispone di 6 posti.[1][2]

si ricorda che nel periodo di apertura stagionale del rifugio, l'utilizzo del bivacco invernale è a discrezione dei gestori.

AccessoModifica

-ACCESSI DALLA VAL PELLICE:

- Dalla frazione Villanova di Bobbio Pellice si risale per il sentiero sino ad arrivare nella Conca del Pra. successivamente si prosegue attraversando l'intera conca fino ad arrivare a partia d'amount, dove partono i due sentieri (Larici e pietre) che conducono al rifugio.

- Accesso dal Rifugio Barbara Lowrie:

sempre dalla Val Pellice, si seguono le indicazioni stradali per raggiungere in auto il Rifugio Barbara, dove parte il sentiero che passando per il colle Manzol raggiunge il rifugio.

-ACCESSO DALLA VAL PO:

- Lasciata l'auto a Pian Del Re, si prosegue a piedi sul sentiero, seguendo le indicazioni per il Buco di Viso/Colle Seillierino. una volta raggiunto quest'ultimo vi è un unico sentiero che conduce direttamente al rifugio.

- Lasciata l'auto a Pian Del Re, si prosegue a piedi sul sentiero, seguendo le indicazione per il Colle Armoine/Colle Manzol.

una volta raggiunto quest'ultimo, non rimane che la discesa per raggiungere il rifugio.

-ACCESSO DALLA VAL VARAITA:

- Partendo da Castello (frazione di Pontechianale), raggiungere il Rifugio Vallanta, salire il colle di Vallanta, il successivo colle Seilliere ed infine scendere da noi.

AscensioniModifica

TraversateModifica

  • al rifugio Willy Jervis (1732 mt)
  • al rifugio Barbara Lowrie (2373 mt) attraverso il Colle Manzol.
  • al rifugio Lago Verde (2583 mt)
  • al rifugio Vitale Giacoletti (2741 mt) attraverso il passo Seillierino. Oppure attraverso il Colle Manzol e successivo Colle Armoine. Oppure attraverso il Colle Luisas.
  • al Rifugio Quintino Sella (2649 mt) attraverso Seillierino, Manzol o Luisas.
  • al Rifugio Vallanta (2450 mt) attraverso il Colle Seilliere e Colle Vallanta.
  • al Pian del Re (2020 mt) attraverso il Colle Manzol o Colle Seillierino o Colle Luisas.
  • al rifugio Viso (Francia) (2460 mt) attraverso il Colle Seillière o Seillierino.
  • a La Monta (Francia) attraverso il Colle Vittona o Colle della Croce.
  • a l'Echalp (Francia) attraverso il Colle Vittona o Colle della Croce.

Il rifugio si trova inoltre sul percorso della GTA, Via Alpina, Gran Tour del Monviso, Tour du Pain Sucre.

Altre attivitàModifica

Nei dintorni del rifugio è possibile praticare bouldering. L'area Boulder in questiona si trova al fondo del Lago Lungo.

Inoltre, è presente una palestra di arrampicata: la palestra del Lago Lungo che offre una trentina di monotiri dal 5A al 7B+.

infine ci sono una serie di vie alpinistiche attrezzate di più tiri sul Monte Manzol, Monte Agugliassa e Monte Granero.

vi è anche la possibilità di praticare la pesca nel Lago Lungo.

NoteModifica

  1. ^ a b Rifugio Granero - cenni e servizi Archiviato il 27 luglio 2012 in Internet Archive.
  2. ^ A. Parodi, Intorno al Monviso, Parodi Editore, Arenzano (GE), 2007, ISBN 978-88-88873-08-4

Bibliografia aggiuntivaModifica

  • Giulio Berutto, Monviso e le sue valli - Vol. 2, Istituto Geografico Centrale, Torino, 1991

Collegamenti esterniModifica