Rinencefalo

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Rinencefalo
Gray732.png
Schema del rinencefalo
Anatomia del Gray(EN) Pagina 826
Nome latinoRhinencephalon
SistemaSistema nervoso centrale
Identificatori
MeSHD066194

In anatomia, il rinencefalo (dal greco, ῥίς, rhis = "naso", ed ἐγκέφαλος, enkephalos = "cervello") indica la parte del cervello coinvolta nell'olfatto. Forma la paleocorteccia ed è rudimentale nell'uomo.

ComponentiModifica

Il termine rinencefalo è stato usato per descrivere diverse strutture.[1] Una definizione include il bulbo olfattivo, il tratto olfattivo, il nucleo olfattivo anteriore, la sostanza perforata anteriore, le strie olfattive mediale e laterale e parti dell'amigdala e l'area prepiriforme. Alcune fonti includono altre aree del cervello coinvolte nella percezione degli odori, ma le aree cerebrali che ricevono fibre solamente dal bulbo olfattivo sono limitate a quelle della paleocorteccia.

In altre specieModifica

Lo sviluppo del rinencefalo varia da specie a specie. Nell'uomo è rudimentale. Una piccola area in cui il lobo frontale incontra il lobo temporale e l'area della corteccia sull'uncus del giro paraippocampale (entrambe parte della corteccia olfattiva) hanno una struttura diversa da quella del resto del telencefalo (cosiddetta allocorteccia) e sono filogeneticamente più antiche (cosiddetta paleocorteccia).[2]

NoteModifica

  1. ^ Terence R. Anthoney, Neuroanatomy and the neurologic exam: a thesaurus of synonyms, similar-sounding non-synonyms, and terms of variable meaning, Boca Raton, CRC Press, 1994, p. 311, ISBN 0-8493-8631-4.
  2. ^ (SL) Anton Širca e Mija Meznarič-Petruša, Anatomija : skripta za študente medicine. Del 2, Živčevje [Anatomy: the script for students of medicine. Part 2, Nervous system], Ljubljana, Medicinska fakulteta, 1997, p. 29, ISBN 978-961-90305-5-4.

Collegamenti esterniModifica

  • "1-5". Cranial Nerves, Yale School of Medicine. Archiviato dall'originale il 03/03/2016.