Apri il menu principale
Rivolta di Amburgo
parte Rivoluzioni del 1917–1923
Data23-25 ottobre 1923
LuogoAmburgo
Esitonulla di fatto, rivoltosi uccisi o arrestati
Schieramenti
Comandanti
Perdite
oltre 100
Voci di rivolte presenti su Wikipedia

La rivolta di Amburgo (in tedesco: Hamburger Aufstand) è stata un'insurrezione avvenuta nel contesto della Repubblica di Weimar in Germania. Cominciò il 23 ottobre 1923, avviata in una delle sezioni di Amburgo del Partito Comunista Tedesco (KPD), sezione nota come KP Wasserkante. Come azione puramente militare, il tentativo si rivelò abbastanza futile e durò soltanto 24 ore. I ribelli presero d'assalto 24 stazioni di polizia, 17 ad Amburgo e sette nella provincia dello Schleswig-Holstein in Prussia. Oltre 100 persone morirono durante la rivolta. I dettagli esatti della rivolta, così come la valutazione del suo impatto, sono rimasti controversi.

SfondoModifica

Tra il 1919 e il 1923, la Repubblica di Weimar era in crisi e c'erano molti conflitti violenti tra elementi di sinistra e di destra. La situazione economica della popolazione si stava rapidamente deteriorando e nell'autunno del 1923 l'iperinflazione era al suo apice, il che portò guadagni di popolarità per il partito comunista.[1] L'Occupazione della regione della Ruhr radicalizzò ulteriormente le dispute politiche. Nell'agosto del 1923, ci fu un'ondata di scioperi a livello nazionale contro il primo ministro Wilhelm Cuno. Alla fine di settembre, il governo dichiarò lo stato di emergenza. Il 1º ottobre, la Reichswehr tentò il Putsch di Küstrin. Due settimane dopo, il 13 ottobre, il Reichstag promulgò un atto che avrebbe facilitato la dittatura di diritto del cancelliere Gustav Stresemann.[2] In Sassonia e in Turingia si formarono governi di coalizione che includevano il KPD, che vedeva in ciò un'opportunità per subentrare nel governo.

All'interno del movimento comunista internazionale si discusse di un tentativo di ribellione armata in Germania.[2][3] Leon Trotsky e altri membri influenti del Politburo sovietico e del Comintern avanzarono l'idea, ma Heinrich Brandler, capo del KPD, sentiva che era prematuro.[2] I motivi esatti e le cause che portarono il piccolo gruppo di Amburgo guidato da Hugo Urbahns e Hans Kippenberger a progettare e a innescare la rivolta, rimangono tuttavia sconosciuti.

NoteModifica

  1. ^ Peter Schwarz, "The German October: The missed revolution of 1923. Part 1" World Socialist Web Site (30 October 2008)
  2. ^ a b c Peter Schwarz, "The German October: The missed revolution of 1923. Part 2" World Socialist Web Site (31 October 2008)
  3. ^ Stadtteilkollektiv Rotes Winterhude (2003), p. 4

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2011001617 · GND (DE4158944-0