Apri il menu principale

BiografiaModifica

Nato nella cittadina norvegese di Lørenskog, parte dell'area metropolitana di Oslo, si è diplomato alla Norwegian National Filmschool nel 2002. Il suo lavoro di laurea, Regjeringen Martin (conosciuto internazionalmente come The Martin Administration) è stato il secondo film norvegese di sempre a ricevere una nomination per gli Student Academy Award dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences.[1][2]

Il suo film di debutto è stato nel 2006 l'horror Fritt vilt, che ha avuto un grande successo al botteghino in Norvegia ed è stato distribuito in oltre 40 paesi dando origine anche a due sequel. Nel 2009 ha co-diretto insieme a Katarina Launing il film di Natale Magic Silver e tre anni dopo il film di azione / thriller di ambientazione medievale Dagmar - L'anima dei vichinghi è stato distribuito in più di 70 paesi e ha permesso a Uthaug di entrare nella lista dei "10 registi europei da tenere d'occhio" della rivista Variety.[2]

Nel 2015 il suo film The Wave ha rappresentato la candidatura norvegese al premio Oscar al miglior film in lingua straniera, anche se non è risultato tra i finalisti, e Uthaug ha ricevuto la nomination come Miglior Regista al Premio Amanda.[3]
Il 17 novembre 2015 Metro-Goldwyn-Mayer e Warner Bros. hanno annunciato che Uthaug avrebbe diretto un reboot della saga di Tomb Rider, il cui rilascio nelle sale cinematografiche è previsto per marzo 2018.[4]

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Regjeringen Martin, imdb.com. URL consultato il 9 febbraio 2018.
  2. ^ a b (EN) Norvegian film database - Roar Uthaug, su nfi.no. URL consultato il 9 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  3. ^ (EN) The nominees for Norway’s Amanda Awards 2016, cinemascandinavia.com. URL consultato il 7 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2018).
  4. ^ (EN) ‘Tomb Raider’ Reboot Finds Director in Roar Uthaug, cinemascandinavia.com. URL consultato il 9 febbraio 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100929253 · ISNI (EN0000 0001 0655 7465 · LCCN (ENno2011121299 · GND (DE142707872 · BNF (FRcb16187467w (data) · WorldCat Identities (ENno2011-121299