Apri il menu principale

Il rubamazzetto o rubamazzo è un gioco di carte, molto diffuso in Italia. Giocato con le carte da gioco italiane di 40 carte divise in 4 semi di 10 carte ciascuno. È giocato spesso solo da 2 persone ma si può giocare anche in 3 e in 4. quando un giocatore fa scopa può decidere l'ordine per come posizionare le carte

RegoleModifica

Disposizione delle carteModifica

Dopo che le carte sono state mischiate dal mazziere e "smazzate" dal giocatore alla sinistra del mazziere, il mazziere distribuisce 3 carte a ciascun giocatore e infine ne deposita 4 scoperte sul tavolo (come a scopa). Una volta concluso il turno, le carte saranno servite (3 alla volta) dal giocatore successivo, procedendo in senso antiorario.

GiocoModifica

Ogni giocatore nel rispettivo turno può prendere esclusivamente una carta dello stesso valore dal tavolo (ad es. se in mano ha un Re di denari da terra (dal tavolo) può prendere solo un altro Re). Ogni volta che viene effettuata una presa il giocatore deve tenere scoperta l'ultima carta del proprio mazzo; se l'avversario ne ha una dello stesso valore in mano può "rubare" il suo mazzo (che va tenuto sempre girato). Se la carta in tavola è la stessa del mazzo dell avversario bisogna prendere quella sul tavolo

Variante conosciuta soprattutto nelle regioni del nord Italia: la carta giocata può essere la somma di 2 o più carte sul tavolo (esempio: se un giocatore ha un 7 e sul tavolo ci sono un 4 e un 3 il giocatore può prendere le due carte sul tavolo) mentre per rubare il mazzetto si deve avere esclusivamente l'esatto valore della carta del mazzetto.

Secondo variante conosciuta: Se un giocatore ha un asso può rubare o le carte nel tavolo o il mazzo del compagno seguente (in sud Italia chiamato "Asso Piglia Tutto"). Con questa variante nasce il problema dell'ultima mano che domina tutto il resto del gioco: basterebbe aspettare quella mano e chi ha l'asso vince. Si può ovviare a questo problema con l'esclusione della regola per l'ultima mano.

PunteggioModifica

Dopo l'ultima mano le carte rimaste sulla tavola vanno sommate a quelle del giocatore che ha fatto l'ultima presa. Lo scopo del gioco è quello di prendere il maggior numero di carte possibili. Il punteggio è dato semplicemente dalla conta delle carte che ogni giocatore ha preso.

StrategiaModifica

Immaginiamo di avere in mano un Fante e due 3 e che sul tavolo ci sia un Fante. In questa situazione, invece di prendere il Fante può essere utile calare il primo 3: se anche il giocatore successivo ha un 3 e prende quello messo da noi sul tavolo, quando è il nostro turno possiamo rubargli il mazzo.

Voci correlateModifica