Apri il menu principale

Carte da gioco italiane

Carte da gioco in Italia:

     semi (nord-)italiani

     semi tedeschi

     semi francesi

     semi spagnoli

Le carte da gioco italiane consistono normalmente di mazzi da 40 carte di 4 diversi semi, ma c'è una grande varietà stilistica nel disegno delle carte, dipendente soprattutto dall'area geografica. In alcune regioni sono diffuse le carte a semi italiani o spagnoli, con i semi di bastoni (a volte chiamati anche mazze), coppe, denari (detti anche ori) e spade e con le figure fante (o donna), cavallo e re; in altre sono diffuse carte illustrate con i semi francesi, cuori, quadri, fiori e picche, con le figure fante, donna e re. Di ogni seme troviamo i numeri 2, 3, 4, 5, 6, 7, più l'asso e le figure.

TipologiaModifica

Le carte regionali italiane possono essere iscritte a quattro gruppi:

Semi italiani
Seme nelle carte bergamasche        
Seme nelle carte trevisane        
Seme nelle carte triestine        
Seme nelle carte trentine        
Seme nelle carte bresciane        
Seme nelle carte bolognesi        
Italiano Spade Coppe Denari Bastoni
Spagnolo Espadas Copas Oros Bastos
  • tipo spagnolo: hanno i bastoni in forma di tronchi o randelli e le spade più corte e dritte con figura intera, tranne che le piacentine di "tipo moderno" (dopo il 1950). Appartengono a questo gruppo le seguenti tipologie[1].
    • piacentine: Emilia (Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, provincia ovest di Bologna), Lombardia meridionale, Toscana appenninica, Marche, Umbria, Lazio.
    • napoletane: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria.
    • romagnole: Romagna e provincia di Ferrara.
    • siciliane: Sicilia.
    • sarde: Sardegna.
    • abruzzesi: Abruzzo. (Prodotte nel Natale 2011, commercializzate dal 2013 (Dal Negro)).

Le carte di tipo spagnolo esistono solo nella versione a 40 carte. Un particolare gruppo di carte appartenenti a questo gruppo sono le romane, nate negli anni settanta, hanno incontrato poca fortuna tra i giocatori e non sono state più prodotte; queste carte avevano le figure che si rifacevano alla tradizione romana: legionario, centurione, imperatore.

Semi spagnoli
Seme nelle carte piacentine        
Seme nelle carte napoletane        
Seme nelle carte siciliane        
Seme nelle carte romagnole        
Seme nelle carte sarde        
Italiano Spade Coppe Denari Bastoni
Spagnolo Espadas Copas Oros Bastos

I quattro simboli denari, bastoni, coppe e spade rappresentavano per alcuni in origine le diverse classi in cui era divisa la società medievale, rispettivamente i mercanti, i contadini, il clero e i guerrieri.[2]

  • tipo francese: hanno i semi delle carte francesi e normalmente senza indici. Appartengono a questo gruppo le genovesi, le milanesi (o lombarde), le fiorentine (o toscane), le piemontesi. Hanno le figure intere, tranne le genovesi (figure di tipo francese o belga). Sono diffuse nel nord-ovest e in Toscana. Esistono nelle versioni a 36 (genovesi e piemontesi), 40 o 52 carte.
Semi francesi
Seme        
Italiano Cuori Quadri Fiori Picche
Francese Cœur Carreau Trèfle Pique
  • tipo tedesco: hanno i semi di tipo tedesco (cuori, ghiande, foglie e campane) e sono diffuse nella provincia di Bolzano, dove sono conosciute con il nome di "Salisburghesi" (o "Salzburger"); sono a figura intera e in Austria sono conosciute anche come Einfachdeutsch (ovvero tedesche a figura intera) per distinguerle dalle "Bavaresi" che hanno la figura doppia (Doppeldeutsch). Nate come mazzo da 36 carte negli anni ottanta è stato introdotto il mazzo da 40 che oggi è l'unico diffuso in Alto Adige (la versione da 36 è ancora diffusa in Austria).
Semi tedeschi
Seme        
Italiano Ghiande Foglie Cuori Campanelli
Tedesco Eichel Gras
Grün
Laub
Blatt
Schippen
Pik
Herz
Rot
Schellen

Varianti regionaliModifica

Di seguito sono descritti in ordine alfabetico i vari mazzi regionali.

Carte bergamascheModifica

Le carte bergamasche sono carte in stile italiano. Il quattro di spade è chiamato anche margì per la donnina disegnata al centro. Il mazzo è composto da 40 carte con figure a due teste e misura 50×94 mm. Sull'asso di bastoni è presente il motto "VINCERAI". L'asso di coppe, come anche nelle carte trentine e bresciane, presenta una forma a fontana e si ispira all'emblema della famiglia Sforza. I denari sono chiamati "ori" e sono rossi e neri; l'asso di ori è un grande cerchio giallo e arancione. Inoltre in mazzi di alcune produzioni sono presenti 4 carte supplementari di cui 2 recano i numeri dall'1 all'8 e due che recano i numeri dall'1 al 10.

Carte bolognesi (primiera bolognese)Modifica

Quelle della Primiera bolognese sono carte in stile italiano dalla forma piuttosto stretta (misurano 49×104 mm), diffuse per lo più nella zona di Cento. Assieme alle carte trevigiane sono le carte più lunghe d'Italia. Il mazzo è così chiamato sin dal Cinquecento per distinguerlo da quello del tarocchino o tarocco bolognese[3]. A inizio Cinquecento, con la diffusione del gioco della Primiera il mazzo originario bolognese di 52 carte fu abbreviato a 40. Circa nello stesso periodo il mazzo del tarocco, che doveva originariamente avere 78 carte (al mazzo originario bolognese erano state aggiunte almeno sin dagli anni '30 del Quattrocento le quattro regine e i 22 trionfi), aveva perduto le carte numerali dei semi ordinari dal 2 al 5 e si era così ridotto all'attuale tarocchino di 62 carte[4]. Nel mazzo della Primiera sono reversibili sia le figure che le carte numerali, fatta eccezione per l'asso di denari, che fino a pochi decenni fa era caratterizzato da una cornice circolare nera col bollo d'imposta al suo interno (abolito nel 1972, vedi infra).

Il mazzo, un tempo tipico della città di Bologna e della sua legazione, ha visto via via limitare il suo uso alla campagna nord-occidentale della provincia; nel resto di essa è oggi più comunemente usato il mazzo piacentino, a semi spagnoli, impostosi probabilmente a partire da fine Seicento con la gran voga del gioco spagnolo dell'Ombre[5]. Nella zona orientale della provincia, in particolare nel comprensorio imolese ma anche nella zona di Molinella, è diffuso poi il mazzo romagnolo. Queste peculiarità storico-geografiche del territorio bolognese ne fanno l'unica provincia d'Italia dove sono in uso popolare ben quattro diverse tipologie di carte da gioco.

Carte brescianeModifica

Le bresciane sono carte in stile italiano. È l'unico mazzo regionale che esiste solo nella versione a 52 carte, poiché servono per giocare a cicera bigia, un gioco tipico della provincia di Brescia. Le carte dall'otto al dieci sono detti scartini, in quanto per alcuni giochi, ad esempio la briscola, tali carte non sono utilizzate. Le figure intere sono di tipo "naive" con colori piatti e proporzioni del corpo approssimative. Come tutte le carte di "tipo italiano" hanno le spade in forma di scimitarre, e i bastoni in forma di scettri. Gli assi sono elaborati. Le carte bresciane sono strette, con un rapporto lunghezza/larghezza superiore a 2, e sono le più piccole d'Italia misurando soltanto 43×88 mm. Numerose carte hanno dei soprannomi: il fante di coppe è chiamato "Fant cagnì" oppure "Fant Gop", il due di spade è la "Felepa sensa pei" oppure "Figa de fer"; il due di denari "Le bale del'orso" e il due di bastoni è detto "Figa de legn", mentre nel gioco di cicera bigia, il fante di coppe è sempre il "Fant gop", il dieci di denari è il "Des bù" (Dieci Buono), mentre il due di spade è detto "Du Fì" (Due Fino). L'asse di coppe è talvolta chiamato "Angiulina", per via dell'angelo raffigurato, e il quattro di spade è la "Madonnina dei prati".

Carte genovesiModifica

Diffuse in tutta la Liguria, le carte genovesi sono a semi francesi con figure doppie a linea di divisione diagonale. Il loro stile è molto simile a quello francese tradizionale (il cosiddetto stile di Parigi) e ancor più a quello belga, dal quale si distinguono solo per piccoli dettagli (mancanza di indici). Il mazzo tradizionale misura 58×88 mm ed è composto da 40 carte, ne esistono tuttavia versioni a 36 carte meno diffuse. Il mazzo di 52 carte usato per il Baccarà e lo Chemin de fer è composto da carte in stile genovese.

Carte milanesi (lombarde)Modifica

Le carte milanesi sono carte a seme francese di forma piuttosto stretta (misurano 50×94 mm). Il mazzo è costituito da 40 carte e le figure sono molto elaborate, con figure doppie in stile "svizzero" a divisione orizzontale. Diffuse in tutta la Lombardia occidentale, il fante di fiori presenta ricamato sul petto il biscione visconteo, simbolo di Milano.

Carte napoletaneModifica

Le carte napoletane sono carte in stile spagnolo. Sono tra le carte regionali più diffuse in Italia, essendo utilizzate nella maggior parte del Mezzogiorno. La struttura di questo mazzo di carte e di quello siciliano risale al XIX secolo, come dimostrano le acconciature e i baffi delle figure di entrambi i mazzi. Il mascherone grottesco centrale del tre di bastoni è detto Gatto Mammone[6] per via dei suoi baffoni che ricordano le vibrisse dei gatti. Spiccano anche il cinque di spade con scene di semina, i denari rappresentati in forma di stelle, l'asso dello stesso seme rappresentato come un'aquila a due teste e il cavallo di spade, che rappresenta un personaggio simile a un moro col turbante in testa e la scimitarra in mano. Il re di denari è talvolta detto matta in quanto in alcuni giochi, come ad esempio il sette e mezzo, può assumere qualsiasi valore gli si voglia dare. Il mazzo da 40 carte è a figure intere e misura 50×83 mm.

Carte piacentineModifica

Le carte piacentine sono carte in stile spagnolo. Il mazzo contiene 40 carte ed ha figure a due teste. Fino agli anni cinquanta le figure erano intere. Create nella città di Piacenza, importato probabilmente sotto l'occupazione francese. I soldati francesi, infatti, usavano mazzi spagnoli per giocare ad Aluette. Questo mazzo è diffuso nelle province dell'Emilia occidentale e centrale, nella Lombardia meridionale, Toscana appenninica (Garfagnana), nelle Marche, in Umbria e in Lazio; in queste ultime tre regioni arrivarono nel XIX secolo, quando i territori dello Stato Pontificio confinavano con i ducati emiliani.

Il mazzo piacentino trova molti punti di contatto con un mazzo spagnolo, disegnato da Phelippe Ayet nel 1575 circa e ritrovato nella Torre de los Lujanes a Madrid durante la demolizione.[7] Tutte le figure sono in piedi, al contrario dei mazzi del nord Italia dove solitamente i re sono assisi su un trono. L'asso di denari rappresenta un'enorme aquila coronata col bollo d'imposta sulla pancia, ed è detto localmente la Polla, la Pita o il Pitocco, mentre il cinque di spade ha la particolare caratteristica del motivo vegetale che contraddistingue anche il mazzo romagnolo. Molte delle pose delle figure sono analoghe. Anche l'impostazione generale delle carte numerali è molto simile. Non faceva eccezione il quattro di bastoni, nella versione spagnola sorretto dalle mani e dai piedi di un putto (in alcuni mazzi è una scimmia). I primi disegni delle piacentine infatti avevano i gambi dei bastoni tutti verso il basso, mentre sugli esemplari più moderni sono verso il centro. Inoltre, nei primi mazzi, appariva lo stemma di Piacenza sul quattro di denari.

Gli esempi più eleganti e dettagliati di questo stile furono disegnati per la fabbrica milanese di Ferdinando Gumppemberg (si trova variato anche in Guppemberg o Gumppenberg) nei primi dell'Ottocento. Un disegno abbastanza diffuso, invece, è quello eseguito dall'incisore Lattanzio Lamperti e commercializzato tra il 1840 ed il 1850, ad una testa, oggi riprodotto da Modiano (da non confondere con il mazzo piacentino di Modiano, che, dal 1950, si trova a due teste). Misurano 50 × 94 mm.

Altri importanti stampatori furono: Armanino, Cassini, Cambissa & Co., Ferdinando Gumppemberg, Masenghini, Scipione Moscatelli, Regni, Vannini, Vindobona.

Carte piemontesiModifica

Le carte piemontesi sono simili alle Genovesi, dalle quali probabilmente discendono; sono carte a semi francesi, con le figure doppie di stile franco-belga. La divisione orizzontale delle figure le rende facilmente riconoscibili da quelle genovesi. Un ulteriore differenza rispetto ad altre carte di derivazione francese è la presenza di una ghirlanda ellittica intorno al seme degli assi, di colore identico a quello del seme o nero (solo l'asso di cuori non è circondato da tale ghirlanda). Sono diffusi mazzi da 40 carte, da 36 (con asso, fante, donna e re e le carte numerali 6, 7, 8, 9 e 10) e da 52 (come tutto il classico mazzo di carte anglo-francesi esclusi i due jolly). Sono le carte a seme francese più piccole d'Italia: misurano infatti 50×83 mm.

Carte romagnoleModifica

Le romagnole sono carte in stile spagnolo a metà strada fra le carte napoletane e le piacentine, a figura intera, con mazzo da 40 carte. Usate nelle province di Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna, Ferrara, a Imola e nella Repubblica di San Marino. Misurano 58×88 mm. In questo mazzo, gli assi (carte quasi in bianco) ricordano quelli del Nord Italia. Coppe e spade, invece, rievocano quelle del Sud Italia. I bastoni, infine, sono quasi identici a quelli dei mazzi di carte spagnoli.

Carte salisburghesi (sudtirolesi)Modifica

Questo mazzo, proprio dell'Alto Adige, è l'unico usato in Italia a semi tedeschi (cuori, sonagli, foglie e ghiande). Il suo nome richiama la città di Salisburgo. Il mazzo è costituito da 36 carte nelle versioni d'Oltralpe e da 40 nelle versioni stampate in Italia, è privo di assi, tre e quattro. La carta minima è il due, seguono le carte numerali dal cinque al dieci e le tre tipiche figure tedesche: fante minore (Unter), fante maggiore (Ober) e re (König). C'è, infine, una carta detta Weli, che funge da matta in alcuni giochi. Si tratta, in realtà, del sei di sonagli.

Carte sardeModifica

Più che un mazzo di carte italiane tende più allo stile del mazzo di carte spagnolo: la somiglianza è fortissima e denuncia i forti rapporti culturali fra Spagna e Sardegna. Is mertzas (i semi) sono cupas (coppe), oros (denari), bastos (bastoni, dallo spagnolo "bastos") e ispadas (spade). Il mazzo è composto di 40 carte a figura intera e misura 56×88 mm; similmente alle carte spagnole, le carte sarde presentano due piccoli indici: pur essendo un mazzo da 40 carte ed il valore del fante (in sardo suta, dallo spagnolo sota) è 8, del cavallo (caddu) 9 e del re (re) 10, gli indici riportati sulle carte numerali vanno da 1 (assu) a 7 mentre sulle figure l'indice riporta rispettivamente il numero 10, 11 e 12, proprio a riprova delle 48 carte del mazzo spagnolo in cui sono presenti anche l'8 ed il 9 come carte numerali. L'asso di denari rappresenta un'enorme moneta d'oro, proprio come quelli dei mazzi di carte spagnoli.

Carte sicilianeModifica

Sono simili alle napoletane, ma con dimensioni talvolta inferiori e proporzioni diverse. Anche qui, la donna prende il posto del fante. Il re di denari è detto anche matta ed ha un ruolo particolare in giochi come il sette e mezzo ed il cucù. I bastoni vengono comunemente chiamati anche mazze, e i denari oro. Sono di dimensioni più piccole rispetto ad altre carte regionali, le figure meno elaborate (ad eccezione dei quattro assi), ma con presenza di disegni supplementari di figure umane, animali e oggetti su diverse carte (es. sul 5 di spade, 6 di coppe, il 3 di denari con su incisa la trinacria, etc.). Il mazzo è da 40 carte e le figure sono intere. Probabilmente sono la derivazione (con l'esclusione dei trionfi e di alcune carte numerali) del Tarocco Siciliano le cui carte sono molto simili, se non addirittura uguali, al mazzo delle siciliane. Nei primi mazzi, il cavallo di bastoni (o quello di spade) raffigurava Garibaldi, che era anche presente nel tondino centrale del cinque d'oro prima della versione con la scena di biga presa da una moneta da 10 lire del Regno d'Italia; uno dei re aveva le sembianze di Vittorio Emanuele II. Il mazzo del Tarocco Siciliano è invece composto da 64 carte.

Carte ticinesiModifica

Uno stile regionale di tipo francese caratteristico del Canton Ticino, rappresentato da una versione di carte milanesi, chiamate "lombarde estero" che presentano gli indici dei numeri e le scritte fante, regina e re sulle rispettive figure.

Carte toscane (fiorentine)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Carte toscane.

Le carte toscane sono a seme francese, a figura intera con mazzo da 40 carte e vengono utilizzate in tutta la Toscana tranne nelle zone appenniniche come ad esempio la Garfagnana (le fiorentine solo a Firenze e dintorni). Si differenziano tra loro per il formato: le toscane misurano 58×88 mm mentre le fiorentine, che sono le carte da gioco più grandi d'Italia, misurano 67×101 mm. In passato le toscane presentavano figure con atteggiamenti diversi e solo nei primi del Novecento sono state uniformate alle fiorentine[8]. Fante e re vengono chiamati anche rispettivamente gobbo e regio e i quadri sono più comunemente chiamati mattoni. Inizialmente, il mazzo era costituito da 52 carte in quanto c'erano anche le carte numerali 8, 9 e 10.

Carte trentineModifica

Le trentine sono carte in stile italiano. Il mazzo è composto da 40 o 52 carte; le "figure" (o "carte vestite") sono intere, di disegno arcaico, con soli cinque colori privi di sfumature (bianco, nero, blu, giallo, rosso). Misurando 50×94 mm, sono più tozze delle trevigiane. Il valore delle carte dal 2 al 7 è riportato negli angoli. Il mazzo è riconoscibile per via dei re tutti e quattro assisi in trono. Spicca quello di denari col bollo d'imposta fra le gambe.

Carte trevisane (trevigiane o venete)Modifica

Le carte trevisane, veneziane o venete sono diffuse in tutto il Veneto e in tutto il Friuli e sono a semi italiani. I mazzi del XVIII secolo, conservati al Museo Correr di Venezia, contano tutti 52 carte[9] tranne il mazzo della fabbrica milanese Ferderico Gumppenberg. Il bollo d'imposta, quando necessario, era inserito sul re di bastoni (dove oggi è presente il riferimento alla città di Treviso) oppure sull'asso di denari. Originariamente le carte di corte erano a figura intera, ma progressivamente, nel XIX secolo, divennero a due teste.

I mazzi attuali possono contare sia 52 che 40 carte ed il valore numerico di ogni carta è indicato in alto a sinistra e, capovolto, in basso a destra. Talvolta la confezione include anche due matte.

Originariamente i motti riportati sugli assi, variavano a seconda dello stampatore. I motti attuali si affermarono nel XIX secolo e, con minime variazioni di edizione, sono:

  • sull'asso di coppe: «per un punto Martin perse la cappa»;
  • sull'asso di bastoni: «se ti perdi tuo danno»;
  • sull'asso di spade: «non ti fidar di me se il cuor ti manca»;
  • sull'asso di denari: «non val sapere a chi ha fortuna contra».

Il fante di spade è diverso dagli altri essendo barbuto, inoltre regge una testa mozzata con la mano sinistra ed è chiamato comunemente pampalugo (mamalùc in friulano) o vecia (vecchia). Questo fante ha un ruolo importante in alcuni giochi in cui il giocatore cui rimane in mano alla fine della partita, perde.
In alcune zone tutti i fanti sono detti vecie e in particolare quello di spade è detto vecia scapelada (vecchia senza cappello).
I denari sono gialli e azzurri e decorati in modo molto delicato. Di questo seme (noto anche come ori), il sette e il dieci assumono, come anche in altre regioni, l'appellativo belo (bello).

Assieme alle bolognesi sono le carte più lunghe d'Italia: attualmente misurano infatti 49×104 mm.

Carte triestineModifica

 
Mazzo triestino da 40 carte

Assai simili alle trevigiane, dalle quali discendono, le triestine presentano le figure più stilizzate e dimensioni più tozze (53×98 mm). Il mazzo è da 40 carte e presenta figure a due teste. Le carte numerali sono indicizzate dall'1 al 7 mentre le figure sono indicizzate con l'11, il 12 ed il 13. Sulle barre orizzontali che dividono le figure in due metà, appaiono i nomi delle figure, e la numerazione delle figure stesse fa ricordare che, probabilmente, in antichità il mazzo era completato dagli 8, dai 9 e dai 10 numerali (la versione a 52 carte era prodotta dalla ditta Edoardo Pignalosa di Napoli ed una analoga, di produzione Modiano, fu distribuita nel 1999 dal quotidiano triestino Il Piccolo). Una particolarità è che sugli assi sono presenti i motti: "son gli amici molto rari quando non si ha danari" (mazzi del fabbricante Dal Negro) oppure "non val saper chi ha fortuna contra" (mazzi di Modiano) sull'asso di denari, "molte volte le giuocate van finire a bastonate" sull'asso di bastoni, "il giuoco della spada a molti non aggrada" sull'asso di spade e "una coppa di buon vin fa coraggio fa morbin" sull'asso di coppe. Le carte triestine sono diffuse non solo a Trieste, ma anche in Bisiacaria, in parte della Slovenia, e nelle località della costa istriana, non solo tra i cittadini della minoranza italiana. Sono prodotte oltre che da Modiano (Trieste) e Dal Negro (Treviso), anche dalla Piatnik (Vienna) e dalla Grafika-Grafoprint (Zagabria).

Varianti non più in usoModifica

Carte baresiModifica

Oggi non più in uso e proprie della Puglia. Questo mazzo comprendeva 40 carte ed era in stile spagnolo. Era pressoché identico al napoletano, fatta eccezione per il cinque di spade, sul quale non apparivano disegni in nero, e le figure più tozze.

Carte nuoresiModifica

Le nuoresi sono carte a seme francese, con figura doppia divisa orizzontalmente. Non sono ormai più fabbricate da alcun produttore e sono state sostituite dalle molto simili carte genovesi.

Carte romaneModifica

Oggi non più in uso e diffuse soprattutto in Italia centrale[10], erano a seme italiano. Nonostante la produzione e il consumo di carte da gioco romane nel Cinque-Seicento siano stati ingenti (addirittura tra i maggiori a livello internazionale), oggi ne restano solo pochi esemplari: un foglio comprendente dodici carte si conserva fortunosamente all'Archivio di Stato di Roma nella rilegatura di un volume datato 1585[11]. Inoltre, qui, i fanti, i cavalli e i re erano rispettivamente sostituiti da legionari, centurioni e imperatori. Per il resto era un normale mazzo da 40 carte in stile spagnolo.

Carte udinesiModifica

Proprie della città di Udine e oggi estinte, queste carte presentavano caratteristiche delle carte trevisane e triestine. Il mazzo di 52 carte, a doppia figura, prive sia di indici numerici sia di fasce coi nomi delle figure, era riconoscibile per la forma peculiare delle coppe, munite di appendici triangolari nere e per lo stemma di Udine sul re di bastoni. L'asso di coppe portava il motto: "W NOI", quello di bastoni "SE TU PERDI TUO DANNO", quello di spade "CHI VINCE GODE". L'asso di denari, destinato ad accogliere il bollo d'imposta, era privo di motto.

Carte viterbesiModifica

Estinte e diffuse soprattutto in Italia meridionale, erano un ibrido tra le piacentine e le romagnole, con le quali spesso venivano confuse; queste carte misuravano 45mm per 90mm. La similitudine con le piacentine era evidente soprattutto per l'asso di denari raffigurante un'aquila, mentre quella con le romagnole era evidente per via dei cavalli rampanti e i cavalieri senza staffe. Come la maggior parte delle carte italiane in stile spagnolo, queste avevano bastoni e spade disposte in modo simmetrico, fatta eccezione per il tre di bastoni. Comunque, il mazzo, composto da 40 carte, era riconoscibile per via di un grappolo d'uva rappresentato sul quattro di denari (a volte sostituito da una lupa coi gemelli, simbolo di Roma) e un leone rappresentato sul quattro di coppe. I re di denari e coppe avevano in mano scettri al posto delle tradizionali asce, l'asso di coppe aveva una base tonda anziché esagonale, le spade erano lamellate anziché dritte e i colori dei bastoni non erano tre (come nelle carte romagnole), ma due.

Il bollo d'impostaModifica

Nel primo Regno di Sardegna la tassa sulle carte da gioco si riscuoteva mediante l'apposizione di un bollo sulle carte medesime. All'atto della proclamazione del Regno esistevano, nei vari stati italiani, due sistemi diversi di tassazione. Il primo sistema consisteva nella somministrazione obbligatoria da parte dello Stato ai fabbricanti, e ad un prezzo superiore al costo, della carta filigranata necessaria per la fabbricazione delle carte da gioco. Il secondo nell'obbligo di far bollare dal Governo una determinata carta del mazzo. Il primo sistema vigeva in Piemonte, nei Ducati, nelle Romagne e nell'Umbria. Il secondo in Lombardia, in Toscana e nel Regno di Napoli. A questo ultimo sistema si uniformò la legge n. 965 del 28 settembre 1862.[12]

La tassa sulle carte da gioco fu stabilita in lire 0,30 per ciascun mazzo di 52 carte o meno, e in lire 0,50 per quelli di più di 52 carte. La carta di ciascun mazzo su cui era apposto il bollo era: l'asso di cuori per carte a punti e figure; l'asso di danaro per mazzi di carte con danari, coppe, spade e bastoni; per il gioco del cucco, una delle due carte avanti in n. 15 e rappresentanti il gufo, ossia il cucco. Costituiva contravvenzione il semplice possesso di mazzi di carte non bollate.[12]

Nel 1879 l'amministrazione constatò che il gettito derivante dalla tassa di bollo sulle carte da gioco non garantiva le entrate preventivate. Il motivo era da ricercarsi nel fatto che venivano commesse numerose frodi nel falsificare e contraffare il bollo. Per ovviare a questa situazione la bollatura delle carte da gioco fu affidata all'Officina delle carte valori di Torino. Con R.D. n. 1080 del 2 novembre 1882 si stabilì l'effige del nuovo bollo da apporsi sulla carte da gioco: "Testa di Mercurio, con la faccia rivolta a sinistra di chi lo guarda, impresso con inchiostro bruno-cupo d'Italia".[12]

Il R.D. 30 dicembre 1923, n. 3277, configurò l'imposta sulle carte da giuoco come una tassa di bollo che si applicava, nella misura di lire 3 per mazzo, per le carte comuni, e di lire 5 per le carte di lusso, su tutte le carte da giuoco fabbricate in Italia o provenienti dall'estero. L'imposta era dovuta dal fabbricante o dall'importatore, a favore del quale però sorgeva, nei rapporti col suo compratore, uno speciale diritto di credito che la legge dichiarava privilegiato.[12]

L'art. 90 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, ha abolito la tassa di bollo sulle carte da gioco.[12]

Fabbricanti italianiModifica

Nome Città Indirizzo Periodo di attività
Adami ? ? ?
All'aquila ? ? sec. XVIII
F.lli Armanino Genova ? 1885-1933
Armanino Roma via Tacito, 54 ?
F.lli Avondo Serravalle Sesia ? ?
Bertello Borgo San Dalmazzo Via Vittorio Veneto 25 1937
Francesco Berti (Al Leone) Bologna ? 1770-1780
Cambissa & Co. Trieste ? sec. XX
Giuseppe Cassini Brescia via Aquila Nera 1883-1958[senza fonte]
Chiari Firenze ? sec. XIX
Gregorio Cimi Genova ? ?
(Teodomiro) Dal Negro Treviso piazza Tommasini
viale fratelli Bandiera
via Brigata Marche
piazza Cavarzerani, 9
1928-oggi
F.lli De Leonardis Bari ? ?
(Teodoro) Dotti Milano via San Pietro all'Orto, 15 sec. XIX
Francesco Gaetano Ghirardi (Al mondo) Bologna ? sec. XVIII
Goldoni Simonazzi E Ostioni Modena ? sec. XIX
Ferdinando Gumppenberg Milano ? sec. XIX
Italcards Bologna ? sec. XX
G. A. Lordschneider Trieste ? ?
Rafael Marsiglio Trieste ? ?
Vincenzo Manzi ? ? ?
Francesco Martinelli[13] Brescia ? sec. XIX-XX
(Pietro) Masenghini Bergamo via Moroni 1878-2003[14]
(Saul David) Modiano Trieste via Travnik 1868-oggi
Montanari ? ? ?
Scipione Moscatelli Viterbo ? ?
Murari Vicenza ? sec. XVII-1867[15]
(Luigi) Murari Bari via Sparano, 127-129 1867-?[15]
NTP ? ? ?
Per le case ? ? sec. XVIII
Edoardo Pignalosa Napoli rampe Brancaccio, 75 1940-1979
Luigi Pignalosa Napoli strada Mercanti al Carriglio 1872-1894
Raffaele Pignalosa Napoli piazza Tribunali, 46 1905-1924
Prezioso Treviso piazza Tommasini ?-1928
Giuseppe Regni Piacenza ? sec. XIX
Francesca Rind Treviso piazza Tommasini sec. XIX
C. Sandini Vicenza ? ?
F.lli Solesio Genova ? ?
Tobako (Piatnik) Milano ? ?
Tortone Torino ? ?
Vannini Firenze ? ?
(Alessandro) Viassone Torino largo Re Umberto, 100-102 1830-1953
Vindobona Fucecchio ? 1927-?
Carlo Zanardi Bologna strada San Vitale, 107 sec. XIX
Zenone ? ? ?

NoteModifica

  1. ^ Dal sito del produttore Dal Negro
  2. ^ La settimana enigmistica n. 4243, p. 12.
  3. ^ Lodovico Frati, La vita privata di Bologna dal secolo XIII al XVII, Bologna, Zanichelli, 1900, p. 133.
  4. ^ Michael Dummett, Il mondo e l'angelo, Napoli, Bibliopolis, 1993, pp. 222-224, ISBN 88-7088-272-1.
  5. ^ Lodovico Frati, La vita privata di Bologna dal secolo XIII al XVII, Bologna, Zanichelli, 1900, pp. 133-134.
  6. ^ Guida alle carte da gioco, su guidaconsumatore.com.
  7. ^ (EN) The World of Playing Cards Archiviato l'8 agosto 2011 in Internet Archive.
  8. ^ Una scheda sulle carte toscane
  9. ^ Numero inventario museo:
    • Cl. XXX n. 0084
    • Cl. XXX n. 0085
    • Cl. XXX n. 0086
    • Cl. XXX n. 0090
    • Cl. XXX n. 0091
    • Cl. XXX n. 0092
    • Cl. XXX n. 0093
    • Cl. XXX n. 0148
    • Cl. XXX n. 0153
  10. ^ Centro di produzione delle cosiddette "carte romane da giocare" era Ronciglione, dalle cui stamperie erano confezionati migliaia di mazzi: cfr. Francesco Maria D'Orazi, Stamperie, carte e cartiere nella Ronciglione del 17. e 18. secolo, Ronciglione, Centro ricerche e studi, 1996, p. 16. Ronciglione del resto fu centro della produzione di carte da gioco per lo Stato pontificio dal 1588 al 1678: cfr. "Ludica: annali di storia e civiltà del gioco", voll. 9-10 (2003), p. 190, scheda 159.
  11. ^ "Ludica:annali di storia e civiltà del gioco", voll. 9-10 (2003), p. 190, scheda 159.
  12. ^ a b c d e Dipartimento Finanze - 1862 - 1973 Tassa sulle carte da giuoco, su Dipartimento Finanze. URL consultato il 14 marzo 2018.
  13. ^ Sergio Onger, Verso la modernità. I bresciani e le esposizioni industriali 1800-1915, 1ª ed., Milano, FrancoAngeli, 2010, p. 233, ISBN 9788856824353.
  14. ^ Il gioco è finito, chiude la Masenghini, su ecodibergamo.it. URL consultato il 5 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2016).
  15. ^ a b Origine e sviluppo dello stabilimento di carte da giuoco Guglielmo Murari

BibliografiaModifica

  • Salvatore Spoto, Le carte da gioco italiane: storia e mistero, Roma, Logart Press, 1994.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica