Apri il menu principale

Salvatore Messana

politico italiano
Salvatore Messana

Sindaco di Caltanissetta
Durata mandato 16 dicembre 1999 –
25 giugno 2009
Predecessore Stefano Agliata (commissario straordinario)
Successore Michele Campisi

Dati generali
Partito politico Italia Viva (dal 2019)
In precedenza:
L'Ulivo (fino al 2007)
PD (2007-2009)
IdV (2009-2019)
Titolo di studio Laurea in farmacia
Professione Farmacista

Salvatore Antonio Giuseppe Messana (Caltanissetta, 2 aprile 1959) è un politico italiano, sindaco di Caltanissetta dal 1999 al 2009 [1]. Laureato in farmacia, attualmente esercita la professione di farmacista nella sua città.

BiografiaModifica

Sindaco di CaltanissettaModifica

Messana venne eletto sindaco di Caltanissetta al ballottaggio del 12 dicembre 1999, sostenuto da una coalizione di centro-sinistra, battendo con il 53,2% dei voti lo sfidante del centro-destra Francesco Panepinto. Succedette a Michele Abbate, il precedente sindaco, assassinato il 7 maggio 1999. Fu riconfermato alle elezioni comunali del 12 e 13 giugno 2004, quando fu rieletto sindaco al primo turno con il 55,1% dei voti.[2]

Nel 2007 si candidò come segretario regionale del Partito Democratico in Sicilia contro Francantonio Genovese conseguendo il risultato del 15%. Alle elezioni amministrative del 2008 si candidò alla presidenza della provincia di Caltanissetta non essendo però eletto. Dal 2009 aderisce al partito Italia dei valori, accettando di candidarsi al Parlamento europeo nel collegio Sicilia Sardegna.

Concluse il suo secondo mandato il 25 giugno 2009, quando passò il testimone a Michele Campisi, sostenuto dal centro-destra.

In vista delle elezioni amministrative italiane del 2019 annunciò la propria ricandidatura a sindaco.[3] Fu sostenuto da tre liste civiche ("Progressisti per Caltanissetta", "Caltanissetta Riparte" e "Proviamoci"), ma si posizionò al terzo posto con il 17,8% dei voti, non riuscendo quindi ad accedere al ballottaggio.[4]

Altri incarichi politiciModifica

Componente dal 2000 al 2009 del consiglio direttivo dell'associazione dei Comuni ANCI Sicilia, componente dal 2002 al 2009 della conferenza Regione Autonomie Locali della Regione Siciliana. Dal 2009 è esperto della commissione parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi regionali della Camera dei Deputati del Parlamento italiano. Dal 2010 al 2011 è responsabile regionale Enti Locali e segretario provinciale a Caltanissetta. Da gennaio 2011 è vice segretario di Italia dei Valori Sicilia. Dal 2013 è segretario regionale di Italia dei Valori Sicilia.[5]

Nel novembre 2019 decide di aderire al nuovo partito fondato da Matteo Renzi Italia Viva.[6]

Carriera professionaleModifica

Dal 6 ottobre 2007 al 2009 è presidente dell'associazione FederSanità ANCI federazione siciliana, dal 2009 al 2010 commissario regionale di Federsanita ANCI Sicilia, componente dal 2007 al 2010 del consiglio direttivo della Agenzia dei Segretari Comunali in Sicilia. È stato tra i fondatori della Federazione Nazionale Giovani Farmacisti (FENAGIFAR) e tra i fondatori della Società Italiana Farmacisti Preparatori (SIFAP). Presidente dell'Ordine Provinciale dei farmacisti di Caltanissetta dal 1999 al 2008.

NoteModifica

  1. ^ Elezioni Amministrative 6-7 giugno 2009 - Comunali Sicilia - Caltanissetta, su repubblica.it. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  2. ^ Elezioni Amministrative 2004, su repubblica.it. URL consultato il 16febbraio 2019.
  3. ^ Rita Cinardi, Il candidato sindaco Salvatore Messana: "Puntiamo alla collaborazione, non alle divisioni", su Radio CL1, 15 febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  4. ^ Elezioni Amministrative del 28 Aprile 2019 - Report Risultati Comune di Caltanissetta (CL), su Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica - Servizio Elettorale. URL consultato il 15 maggio 2019.
  5. ^ Idv ha un nuovo segretario regionale è Messana, ex sindaco di Caltanissetta, su palermo.repubblica.it. URL consultato il 14 giugno 2014.
  6. ^ Caltanissetta, l'ex sindaco Messana leader del movimento Italia Viva, Giornale di Sicilia, 10 novembre 2019.

Collegamenti esterniModifica