Apri il menu principale

Salvatore Vitale, nato Giovanni Andrea Contini, (Maracalagonis, 1575[1]Roma, 28 gennaio 1647), è stato un monaco cristiano e scrittore italiano, noto anche col nome Salvatore Vidal, appartenente all'ordine francescano, che scrisse in latino, sardo, castigliano e toscano. Viaggiò molto dimorando in numerosi conventi.

Indice

BiografiaModifica

Studiò a Cagliari, dove si laureò in diritto civile e canonico. Fu parroco di Muravera e di Maracalagonis, finché nel 1617 non abbandonò i secolari per passare nell'Ordine dei Frati Minori nella città di Cagliari. Nel 1619 fu inviato dai suoi superiori in Spagna ad Alcaraz e Cartagena, successivamente fu a Roma presso il collegio di San Pietro in Montorio dove studiò lingue orientali. Dal 1631 predicò per 5 anni fra Toscana, Lombardia e Corsica, nel 1636 tornò in Sardegna dove rimase per due anni. Tornò successivamente in Toscana, a Milano ed infine si traferì definitivamente a Roma. Il Tola lo definisce oratore fecondissimo e scrittore infaticabile, tuttavia ritiene che il nostro monaco fosse « l'improvvisatore più mostruoso che fino ad oggi sia stato di scritture istoriche, filologiche, ascetiche, morali e apologetiche, di poesie latine e castigliane di ogni specie, di sermoni, di bisticci e di commedie....» [2]

Ha scritto in latino, italiano e spagnolo.

OpereModifica

  • Chronica Seraphici, Florentiae, 1630[3]
  • Annales Sardiniae, pars I, Florentiae, 1639 (dedicato a Ferdinando II de' Medici, Granduca di Toscana);
  • Annales Sardiniae, pars II, Mediolani, 1645 (dedicato a G. Arias Maldonado, consigliere del senato di Milano.
  • Chronica sacra santuario di Corsica, Firenze, 1639
  • La vita del B. Salvatore da Orta, Firenze, 1640
  • Clypeus aureus excellentiae calaritanae, Florentiae, 1641.
  • Respuesta al historico Vico, Venetiis, 1644
  • Urania Sulcitana di Salvatore Vidal: classicità e teatralità nella lingua sarda, Civiltà e storia di Sardegna; a cura di Sergio Bullegas, Edizioni Della Torre, Cagliari, 2004. ISBN 887343391X - ISBN 9788873433910,

NoteModifica

  1. ^ Pasquale Tola,Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna, vol. III, Torino, 1838, p. 308
  2. ^ P. Tola,cit., p. 309
  3. ^ [1]

BibliografiaModifica

  • Pasquale Tola, Dizionario biografico degli uomini illustri di Sardegna, Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1837-38, vol. III, pp. 307–314.
  • Giovanni Siotto Pintor, Storia letteraria di Sardegna, Cagliari, 1843-44.
  • (ES) D. E. Toda y Guel, Bibliografía española de Cerdeña, Madrid, Tipografía de los Huérfanos, 1890, p. 196-197.
  • Francesco Alziator, Storia della letteratura di Sardegna, Cagliari, Edizioni della Zattera, 1954, pp. 165–168.
  • I. Bussa, La raccolta delle leggi e prammatiche del Regno di Sardegna di Francisco de Vico (1633), “Quaderni bolotanesi”, XXVIII, 2002.
  • Francesco Manconi, Un letrado sassarese al servizio della Monarchia ispanica. Appunti per una biografia di Francisco Angel Vico y Artea, in B. Anatra-G. Murgia (a cura di), Sardegna, Spagna e Mediterraneo. Dai Re Cattolici al Secolo d'oro, Roma, Carocci, 2004.
  • S. Bullegas, Il frate giramondo: ritratto di Salvatore Vidal, Minore Osservante, che visse tra i secoli 16 e 17, Almanacco di Cagliari, 2003.
  • S. Bullegas, L'Urania Sulcitana di Salvatore Vidal: classicità e teatralità della lingua sarda-lieu=Cagliari, Edizioni della Torre, 2004.
  • F. Manconi, Storia di un libro di storia. Un conflitto nel conflitto: Salvador Vidal contro Francisco Vico, in Historia general de la isla y Reyno de Sardeña, a cura di F. Manconi, Cagliari, Centro di studi Filologici Sardi/Cuec, edizione di M. Galiñanes Gallén, 2004, p. LXVII-LXXVI.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN58583570 · ISNI (EN0000 0000 3892 8526 · LCCN (ENnb2001051592 · GND (DE121163911 · CERL cnp00427977 · WorldCat Identities (ENnb2001-051592