Apri il menu principale
Sasch S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazionefine anni ottanta a Firenze
Chiusura2011
Sede principaleFirenze
GruppoGofin
FilialiCapalle
Persone chiave
  • Luca Giovanelli
  • Roberto Giovanelli
  • Roberto Cenni
SettoreModa
Prodotti
  • Abbigliamento casual
  • Abbigliamento pret-a-porter
  • Accessori
  • Fatturato120 milioni di euro[1] (2008)
    Sito web

    Sasch è stata un'azienda di abbigliamento italiana, con sede legale a Firenze, fondata alla fine degli anni ottanta. L'azienda ha prodotto abbigliamento, abbigliamento sportivo, jeans e costumi da bagno di fascia media, sino al suo fallimento nel 2011.[1] Attualmente è un marchio inutilizzato.

    StoriaModifica

    L'azienda contava - nel periodo di sua massima espansione - circa 250 boutique monomarca in tutto il mondo, di cui 120 in Italia; il primo punto vendita Sasch al di fuori dei confini nazionali è stato aperto in Messico nel 2006.

    La sede di produzione e di smistamento dei prodotti importati era a Capalle, frazione di Campi Bisenzio, in via Albert Einstein 26.

    Notevole è stato anche l'impegno nel campo dello sponsoring, nel tentativo di acquisire visibilità; dal 1993 la Sasch era uno degli sponsor dei concorsi di bellezza Miss Italia e Miss Italia nel mondo.[1]

    Il 17 ottobre 2011, il gruppo Sasch ha presentato istanza di fallimento,[2] con la vendita - nel 2012 - al dettaglio di tutto l'invenduto, al fine di tentare un recupero di fondi.[3]

    Il 19 settembre 2013 il marchio è stato comprato da una società russa per la cifra di 400 mila euro a fronte dei precedenti 2 milioni di euro che la curatela fallimentare ha tentato di incassare[4], nonostante i due tentativi falliti ha deciso di passare alle trattative dirette e così si stanno definendo gli estremi del loro accordo; intanto continua l'indagine penale che riguarda Roberto Cenni, persona chiave dell'azienda, e rimangono i debiti della società che ammontavano ad una cifra pari di 86 milioni di euro poi dimezzati dalla procura.

    La sede di Capalle - dopo una serie di tentativi di vendita[5] - è stata rilevata dal gruppo Apollo[6], mentre l'area degli uffici di via Erbosa è stata demolita per far spazio ad una nuova sede di una cooperativa di vendita.

    NoteModifica

    1. ^ a b c Sasch/ Monomarca per battere Zara Archiviato il 29 ottobre 2013 in Internet Archive.
    2. ^ Articolo de La Nazione
    3. ^ Campi Bisenzio: ressa alla svendita della Sasch, arrivano i vigili, in FirenzeToday. URL consultato il 9 febbraio 2017.
    4. ^ MonrifNet, Il marchio Sasch comprato dai russi - La Nazione - Prato, su www.lanazione.it. URL consultato il 9 febbraio 2017.
    5. ^ Sasch, all’asta per la quarta volta la sede di Capalle ma il valore precipita: prezzo base a 5 milioni di euro | TV Prato, su www.tvprato.it. URL consultato il 9 febbraio 2017.
    6. ^ La Apollo trasloca e assume 20 persone - Cronaca - il Tirreno, in il Tirreno, 26 settembre 2015. URL consultato il 9 febbraio 2017.

    Voci correlateModifica

    Collegamenti esterniModifica