Apri il menu principale
Savoulx
frazione
Savoulx – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
ComuneOulx-Stemma.svg Oulx
Territorio
Coordinate45°02′40″N 6°47′30″E / 45.044444°N 6.791667°E45.044444; 6.791667 (Savoulx)Coordinate: 45°02′40″N 6°47′30″E / 45.044444°N 6.791667°E45.044444; 6.791667 (Savoulx)
Altitudine1 105 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale10056
Prefisso0122
Fuso orarioUTC+1
Cod. catastaleI481
Nome abitantiSavourin
Patronosan Gregorio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Savoulx
Savoulx

Savoulx (Savu in patois) è una frazione di Oulx nella Val di Susa. Prima del 1928 era un comune autonomo. Il paese ha ospitato l'uomo da tempi remoti, ma è stato menzionato per la prima volta in documenti ufficiali nel 1065 quando la popolazione è divenuta tributaria della Prevostura di San Lorenzo di Oulx appena elevata a quel ruolo dal vescovo Cuniberto di Torino. Invece il paese era dominato per parte feudale dai signori De Bardonnèche. A metà del Quattrocento è stata costruita la chiesa di San Gregorio Magno, sancendo il distacco da Oulx riguardo alle dipendenze religiose.

Nel 1616 Savoulx ottenne anche l'autonomia amministrativa, divenendo il 21º comune dell'Escarton d'Oulx. Il paese situato a 1100 m s.l.m. con 346 residenti ha raggiunto il maggior numero di abitanti nel 1720 pochi anni dopo il passaggio della Valle dal Delfinato al Piemonte quando ne contava 580.

Le borgate di Savoulx sono:

  • Clots (I' Clos)
  • Meyer (I' Mii)
  • Joans (I' Jon)
  • Signols (Sinhòu)
Le targhe con i toponimi

Nelle borgate di Savoulx si possono notare le targhe riportanti toponimi, di origine remota e il cui significato è andato perduto. I toponimi sono stati raccolti su una guida con l'aiuto di abitanti d'ascendenza locale.

  • Guiguet Daniela; Gallizio Silvia; Di Maio Marziano, Guida dei toponimi di Savoulx e Costans, Alzani, 2003

Luoghi d'interesseModifica

 
La Chiesa di San Gregorio Magno
La chiesa parrocchiale

Nel documento della Prevostura di Oulx viene citata della chiesa di Savoulx dedicata a San Gregorio. Durante un'inondazione la chiesa, che era situata presso il vecchio mulino, fu distrutta e si decise la costruzione di un nuovo edificio nella località dov'è ora. La decisione avvenne nel 1451 con il consenso della Prevostura e fu consacrata nel 1454. Nel XVI secolo ci furono ampliamenti, ristrutturazione di una facciata e abbellimenti. Il portale in legno scolpito, con serratura a gigli, risale allo stesso secolo e sono riportati le iniziali di San Gregorio Magno. La chiesa venne dotata di acquasantiera in marmo e di una Cantoria simile a quella di Névache. L'abside e il campanile risalgono al 1662 in stile delfinese, mentre l'interno dell'edificio è in stile gotico italiano.

 
Forno del Mii
La Cappella di San Pancrazio (Joans)

L'edificio è situato nella borgata Joans (I' Jon) accanto al vecchio forno a legna. L'inizio dei lavori risale al 1625 e venne modificato nel tempo prendendo ben presto caratteristica di santuario. Ancora oggi si festeggia il giorno di San Pancrazio (12 maggio) con la benedizione del pane e la sua distribuzione dopo la funzione.

Forni e fontane

Nelle borgate di Savoulx possiamo incontrare vecchie fontane e, accanto, un edificio adibito a forno comunitario. Il forno di Signols (L'Fur du Sinhòu) viene ancora utilizzato per cuocere il pane di segala e tradizionali torte di mele. Al centro di Savoulx troviamo il forno del Mii situato accanto all'edificio che era sede del Municipio fino al 1928.

BibliografiaModifica

  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di arte religiosa alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2009
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2010
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina, Piana di Oulx e Valli di Cesana, Borgone Susa 2013

Voci correlateModifica

  • Signols, una delle borgate caratteristiche del paese.

Altri progettiModifica

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte