Scialatielli

prodotto tipico campano, scialatielli di pollo
Scialatielli
Scialatielli.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneCampania
Zona di produzioneCostiera amalfitana
Dettagli
Categoriaprimo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePaste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria

Gli scialatielli sono un formato di pasta fresca usato nella tradizione della pasta campana.

Il nome degli scialatielli deriva presumibilmente da due parole della lingua napoletana, "scialare" (godere) e "tiella" (padella). Questo tipo di pasta è tipica di Amalfi, dov'è nata per mano dello chef Enrico Cosentino nel 1978, quando, presentando gli scialatielli ad un concorso culinario, ottenne grazie ad essi il premio entremetier dell'anno.

Sono listarelle più corte degli spaghetti, più larghe e di sezione rettangolare piuttosto irregolare. Sono tradizionalmente fatti a mano, farina, acqua e/o latte, formaggio grattugiato, basilico fresco tritato, sale e uova ma vengono anche venduti come formato di produzione industriale.

Sono riconosciuti come prodotto agroalimentare tradizionale della regione Campania.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina