Sconfinamento della guerra civile siriana in Giordania

Sconfinamento della guerra civile siriana in Giordania
parte della guerra civile siriana
Jordan Syria Locator.png
Data10 agosto 2012 - 22 agosto 2017
LuogoConfine tra Giordania e Siria
EsitoVittoria del governo giordano
  • Sventati tutti i tentativi di infiltrazione in Giordania
Schieramenti
Perdite
almeno 6 miliziani islamisti1 guardia di frontiera
Voci di crisi presenti su Wikipedia

Lo sconfinamento della guerra civile siriana in Giordania consiste in una serie di episodi che hanno coinvolto le forze armate giordane contro miliziani ribelli siriani che, nel corso della guerra civile siriana, hanno tentato di infiltrarsi nel territorio giordano.

Il primo episodio di sconfinamento del conflitto siriano si verifica il 10 agosto 2012, quando le truppe giordane scambiano colpi di arma da fuoco con l'esercito siriano che sta sparando contro una colonna di rifugiati che sta uscendo dal paese. In questa circostanza non vi sono vittime da ambo le parti[1].

L'episodio più significativo che coinvolge le forze armate giordane si verifica il 22 ottobre 2012. Un gruppo di 16 ribelli siriani di ispirazione islamista (non si conosce l'esatta affiliazione) attacca una postazione di frontiera tra Siria e Giordania. Nello scontro a fuoco che segue rimane ucciso un soldato giordano e almeno 4 miliziani ribelli. Il tentativo di accesso al territorio giordano viene respinto[2][3].

Il 19 giugno 2013 si verifica un episodio di infiltrazione simile. Le guardie di confine respingono i miliaziani uccidendone uno e ferendone altri due. Non si conosce il numero di miliziani che tenta l'accesso al territorio giordano, né l'affiliazione[4].

Il 16 febbraio 2014, durante la notte, un gruppo di 10 uomini armati tenta di accedere al territorio giordano, ma vengono respinti dalle guardie di confine. Nello scontro a fuoco rimangono feriti 7 assalitori[5]. Il giorno seguente un nuovo gruppo di 4 uomini armati viene intercettato dalle guardie di confine. Nello scontro muore un miliziano[6].

Un nuovo episodio di sconfinamento avviene il 16 aprile 2014, quando un convoglio di automezzi proveniente dal deserto siriano a sud di Damasco si avvicina al confine giordano. Tra i veicoli vi è almeno un pick-up con montata sul cassone una mitragliatrice. Il convoglio cerca di oltrepassare la frontiera ignorando gli avvertimenti delle guardie di confine. L'aviazione giordana esegue quindi un bombardamento che distrugge tutti i veicoli. Non si conosce il numero di morti e la loro affiliazione. L'esercito siriano nega ogni coinvolgimento, mentre un ufficiale dell'esercito giordano indica come probabile il tentativo di sconfinamento da parte di miliziani ribelli in difficoltà[7][8].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Syrian and Jordanian forces clash on border, in Al Jazeera, 11 agosto 2012.
  2. ^ (EN) Ranya Kadri e Jodi Rudoren, Jordanian Soldier Killed in Syrian Border Clash, in The New York Times, 22 ottobre 2012.
  3. ^ (EN) Jordanian soldier killed in clash with militants on Syria border, in Haaretz, 22 ottobre 2012.
  4. ^ (EN) Jordan Army kills infiltrator in border clash with unidentified Syrians, in World Tribune, 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2014).
  5. ^ (EN) 7 hurt as Jordan troops clash with Syria infiltrators, in Yahoo!, 16 febbraio 2014.
  6. ^ (EN) Jordan Guards kill one after Clashes with Armed Group from Syria on Northern Border, in Ammon News, 17 febbraio 2014.
  7. ^ (EN) Omar Akour e Albert Aji, Jordanian Jets Strike Vehicles on Syrian Border, in ABC News, 16 aprile 2014. URL consultato il 4 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2014).
  8. ^ (EN) Vehicles hit in Jordan air raid not Syria Army’s, in Arab News, 17 aprile 2014.