Scout delle Nazioni Unite

Scout delle Nazioni Unite
WikiProject Scouting fleur-de-lis trefoil.svg
Associazione scout
Ambito Nazioni Unite ONU
Mondo Mondo
Affiliazioni WOSM
Data di fondazione 1945

Gli Scout delle Nazioni Unite sono stati un'associazione scout esistente dal 1945 agli anni '80 per le famiglie dei diplomatici delle Nazioni Unite (ONU) con sede a Ginevra e New York.

StoriaModifica

Modifica

In una vignetta a pagina intera della rivista Punch del luglio 1929, intitolata "Pattuglie della Pace", la Società delle Nazioni, rappresentata come una dea, volge lo sguardo al 3º Jamboree mondiale dello scautismo, che si tiene a Birkenhead, nel Merseyside, in Inghilterra, dicendo:

(EN)

«They say I've got no army; but why should I want one with these allies?»

(IT)

«Dicono che io non abbia un esercito, ma perché dovrei volerne uno con questi alleati?»

Con le congratulazioni della rivista al fondatore dello scautismo, Robert Baden-Powell, per la portata internazionale della sua opera. Successivamente, uno dei primi numeri del giornale Cass City Chronicle affermava, al 1945[1]:

(EN)

«The Boy Scouts of the United Nations are planning to resume their world-wide friendships, through correspondence, exchange of equipment and by meeting in person at the great World Scout Jamborees when the war is won. The Boy Scouts of America, celebrating its 35th anniversary from February 8th to 14th, with its theme "Scouts of the World-Brothers Together" is encouraging its members to establish contacts with other Scout Troops in war-torn lands, and if possible, help them restore Scouting»

(IT)

«Gli Scout delle Nazioni Unite stanno pianificando di restaurare la loro fratellanza mondiale, attraverso la corrispondenza, lo scambio di attrezzature e incontrandosi di persona nei grandi Jamboree dello scautismo mondiale quando la guerra sarà vinta. I Boy Scouts of America, che celebrano il loro 35° anniversario dall'8 al 14 febbraio col tema "scout del mondo, fratelli insieme" stanno incoraggiando i loro membri a stabilire contatti con gli altri gruppi scout in terre devastate dalla guerra e, se possibile, aiutare loro ripristinano lo scautismo»

l termine "Nazioni Unite" fu usato all'epoca per riferirsi agli Alleati della seconda guerra mondiale, essendo stato originariamente coniato a tale scopo dal Presidente degli Stati Uniti d'America Franklin D. Roosevelt nel 1942.

Fondazione e crescitaModifica

Molte delle famiglie dei funzionari delle delegazioni internazionali dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) erano per la maggior parte alloggiate in una zona del Queens chiamata Parkway Village, situata all'incrocio tra la Grand Central Parkway e la Long Island Expressway. All'interno di questa comunità c'era la scuola pubblica 117. Fu in questa scuola che i reparti scout UN Troop 1 (fondata nel marzo 1948) e UN Troop 2 (fondata nel maggio 1949) avrebbero tenuto le loro riunioni e molti dei loro eventi, coinvolgendo anche i figli dei diplomatici del blocco orientale[2]. I ragazzi hanno partecipato a campi nel fine settimana al Campo Scout Alpino, nel New Jersey, nonché tenuto un campo estivo nel 1949 a Camp Eagle, nel Berkshire County Council, a Pittsfield, Massachusetts.

Nel 1950 l'organizzazione degli Scout delle Nazioni Unite divenne ufficialmente membro dell'Organizzazione Mondiale del Movimento Scout (WOSM)[3][4] andando difatti anche a partecipare, l'anno seguente, al 7º Jamboree mondiale dello scautismo di Bad Ischl in Austria[5][6][7].

Nel 1957, con un censimento di 48 membri[3], partecipò anche al cinquantesimo anniversario dello scautismo festeggiato col 9º Jamboree mondiale dello scautismo a Sutton Park nel Regno Unito[8].

Uno degli ultimi eventi si è tenuto l'8 febbraio 1974, quando si svolse la Giornata Scout delle Nazioni Unite presso l'edificio del quartier generale di Manhattan, in collaborazione con il Greater New York Council dei Boy Scouts of America.

OggiModifica

Scautismo e guidismo hanno continuato ad intrattenere ottimi rapporti con le Nazioni Unite[9], specialmente l'Organizzazione Mondiale del Movimento Scout (WOSM)[10][11], l'Associazione Mondiale Guide ed Esploratrici (WAGGGS)[12] e l'International Scout and Guide Fellowship (ISGF) con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura (UNESCO)[13].

NoteModifica

  1. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 20 luglio 2011. URL consultato il 15 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2011).
  2. ^ (EN) Piet J. Kroonenberg, The Undaunted- The Survival and Revival of Scouting in Central and Eastern Europe, Geneva: Oriole International Publications, 1998, p. 67, ISBN 2-88052-003-7.
  3. ^ a b (DE) Michel, Rudi; Schmoeckel, Reinhard; Rumpf, Hans Gerhard, Der Kornett Heft 5 Pfadfinderbewegung, Bund Deutscher Pfadfinder Landesmark Westfalen, 1963, p. 50.
  4. ^ (EN) Wood, Edward G.; Brookes, Kenneth, Uniforms and Badges of the World (1960), The Boy Scouts Association. (PDF), su thedump.scoutscan.com.
  5. ^ (EN) 1000 U.S.Boy Scouts to Attend International Jamboree in Austria, in The Stars and Stripes: 4., 10 marzo 1951..
  6. ^ (DE) Schon 12.000 Anmeldungen für Pfadfindertreffen, in Salzburger Nachrichten, 18 December 1950.
  7. ^ (DE) Herbert Buzas (, Weltereignis zwischen Zelten- Österreich, Schauplatz des siebten Jamborees-Ischl wird eine Metropole der Jugend, in Tiroler Tageszeitung, 5 maggio 1951.
  8. ^ (DE) Harry Neyer, Rochus Spieker e Karl Wiehn, Jamboree-Fünfzig Jahre Pfadfindertum, Düsseldorf, Georgsverlag, 1957, pp. 70, 93.
  9. ^ (EN) The UN, su www.scout.org. URL consultato il 15 marzo 2019.
  10. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org, 6 luglio 2008. URL consultato il 15 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2008).
  11. ^ World Refugee Day / 2006 / News / Information & Events / Home - World Organization of the Scout Movement, su web.archive.org, 16 maggio 2008. URL consultato il 15 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2008).
  12. ^ World Association of Girl Guides and Girl Scouts - UN Programmes and Funds, su web.archive.org, 14 febbraio 2008. URL consultato il 15 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2008).
  13. ^ ONG-NGO, Non Gouvernemental Organizations, Organisations non gouverne…, su archive.is, 1º luglio 2002. URL consultato il 15 marzo 2019.