Scuola superiore Valle-Inclán

edificio in stile Liberty a Pontevedra, Spagna
Scuola superiore Valle-Inclán
Pontevedra capital, Instituto modernista Valle-Inclán.jpg
Liceo Valle-Inclán, facciata sulla Gran Vía di Montero Ríos
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
LocalitàPontevedra
IndirizzoGran Vía di Montero Ríos
Coordinate42°25′52″N 8°38′51″W / 42.431111°N 8.6475°W42.431111; -8.6475
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1908-1926
Inaugurazione1927
Stileeclettico, art nouveau
UsoScuola superiore Valle-Inclán
Piani3
Realizzazione
ArchitettoJoaquín Rojí
ProprietarioGiunta di Galizia

Il liceo Valle-Inclán è un grande edificio eclettico e liberty situato a Pontevedra, in Spagna. Oggi è la sede della scuola secondaria Valle-Inclán ed è stata la prima e l'unica scuola superiore della provincia di Pontevedra[1] dal 1845 al 1927.

UbicazioneModifica

La scuola si trova sul lato più occidentale del viale Gran Vía de Montero Ríos (costruito negli anni 1870), di fronte alla Alameda di Pontevedra. Questo è il nuovo quartiere borghese creato dalla demolizione delle mura della città nel 1855. La costruzione di altri grandi edifici come il Palazzo del Consiglio Provinciale di Pontevedra, o l'edificio della Scuola Normale di Pontevedra fecero di questo luogo il grande spazio di svago della borghesia della città alla fine del XIX secolo e nei primi decenni del XX secolo.

StoriaModifica

L'Instituto de Segunda Enseñanza de Pontevedra (poi chiamato liceo generale e tecnico di Pontevedra, Instituto General y Técnico de Pontevedra e Instituto Nacional de Pontevedra) è stato creato dal regio decreto del 30 ottobre 1845 come parte del Piano generale di studi (chiamato Piano Pidal), che ha creato un centro di istruzione secondaria in ogni capoluogo di provincia spagnolo. Il 19 novembre 1845 fu inaugurata la Scuola Superiore Pubblica Provinciale di Istruzione Secondaria di Pontevedra e la sua sede fu stabilita nella Scuola dei Gesuiti, situata nell'edificio accanto alla chiesa di San Bartolomeo. Nel 1880 il liceo ospitò una parte dell'esposizione regionale che si svolse nella città.

Nel 1903 il liceo fu trasferito alla Scuola Normale, un edificio che ora appartiene al Consiglio Generale di Pontevedra per porre fine alle numerose spese di riparazione del vecchio collegio dei Gesuiti. L'iniziativa ufficiale per la costruzione di un nuovo edificio per la scuola superiore è stata presa dal Ministro della Pubblica Istruzione e delle Belle Arti, Manuel Allendesalazar y Muñoz de Salazar, all'inizio del 1903, quando fu lanciato un concorso per lo sviluppo del progetto. Il consiglio comunale di Pontevedra cedette i terreni annessi alle Rovine di San Domenico, che erano in parte occupati dall'ospizio sul luogo in cui si trovava il convento domenicano crollato. Con la sua costruzione, è stato completato il grande viale dei grandi edifici ufficiali della Gran Vía. Oltre al liceo, gli edifici del Palazzo del Consiglio Provinciale di Pontevedra, e della vecchia Scuola Normale hanno dato forma a questa nuova architettura ufficiale degli ultimi decenni del XIX secolo.

Il progetto degli architetti Joaquín Rojí López-Calvo e José Lorite y Kramer fu selezionato nel luglio 1904, come indicato nel verbale della scuola superiore. I lavori sono stati messi in gara per 575.109,20 pesetas. I lavori, promossi dall'architetto di Pontevedra Augusto González Besada, iniziarono nel 1908[2] e terminarono all'inizio del 1926, impiegando più tempo del previsto a causa della crisi economica. L'architetto Joaquín Rojí si recò a Pontevedra il 28 febbraio 1926 per firmare il suo ricevimento. Gli è stato poi commissionato il budget della sua dotazione interna, che ha richiesto più di un anno. La scuola fu inaugurata il 27 settembre 1927 dal re Alfonso XIII durante una visita a Pontevedra.[1]

Nel dopoguerra, gli studenti del liceo (ragazzi e ragazze) sono stati separati in due piani diversi con ingressi indipendenti. Nel 1963 fu creata una scuola superiore femminile che sarebbe diventata l'attuale scuola superiore Valle-Inclán e l'edificio fu rinnovato. Il liceo femminile è stato temporaneamente installato nel 1964 nella Scuola Normale durante i lavori di ristrutturazione.[3] L'ultima ristrutturazione completa dell'edificio è stata intrapresa nel 1972.[4]

Nel corso del XX secolo, maestri famosi come Castelao, Gonzalo Torrente Ballester, Aquilino Iglesias Alvariño, Jesús Muruais, Emilio Álvarez Jiménez, Víctor Said Armesto, Antón Losada Diéguez, José Filgueira Valverde e Bibiano Fernández-Osorio Tafall lo hanno reso abbastanza famoso da essere "uno dei più apprezzati nel campo dell'educazione".[5]

È una delle poche vecchie scuole superiori spagnole che ha mantenuto il suo uso originale nel corso degli anni, dall'inaugurazione dell'edificio.

Costruzione e stileModifica

È un esempio sobrio ed elegante di stile eclettico e art nouveau. La sua facciata principale e il suo ingresso si trovano sulla Gran Vía di Montero Ríos, anche se ha un'uscita posteriore che conduce a un cortile interno posteriore di forma irregolare chiuso da una cancellata per l'uso della scuola e un'altra uscita nell'angolo esterno posteriore dove si trova la torre di fronte al parco delle Palme.

Ha un piano seminterrato, un piano terra e due piani. Notevole è la decorazione dei bugnati sulle facciate e gli spazi delle porte e delle finestre in stile liberty, così come la decorazione degli architravi delle finestre e i lucernari nella parte centrale del tetto. La decorazione della facciata consiste principalmente in motivi geometrici sopra le finestre e le porte e in motivi floreali e piccoli cerchi. Ha una torre in cui risiedevano i presidi della scuola durante i primi anni di attività.[6]

All'interno, una grande scala centrale in marmo illuminata da un grande lucernario in stile liberty con lo stemma di Pontevedra, conduce al primo piano e termina davanti alla grande sala conferenze (Paraninfo) del istituzione. L'edificio ha diverse scale laterali che comunicano con i diversi piani, originariamente di legno a spirale. La composizione dell'edificio è simmetrica e regolare, con le aule nell'ala principale dell'edificio organizzate attorno a un cortile interno centrale rettangolare circondato da grandi finestre che fornisce luce.

Al piano terra si trova la biblioteca dell'edificio. Questa grande sala ha una scala in legno che porta al primo piano dove c'è una passerella che circonda le mensole e una ringhiera in legno.

CuriositàModifica

Nel 1966 fu approvata una proposta di Gonzalo Torrente Ballester[7] e la scuola adottò l'attuale denominazione "Valle-Inclán" per il rapporto dello scrittore con la città, dove studiò, visse, scrisse e pubblicò la sua prima opera "Femeninas" nel 1895. Valle-Inclán, all'età di 12 anni, iniziò la sua istruzione secondaria a Pontevedra, che completò anche a Pontevedra nel 1883.[8]

Il liceo è stato il luogo di nascita dell'Aula di Filosofía Castelao e, allo stesso tempo, della Settimana della filosofia della Galizia.[9]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • (ES) Carlos Aganzo, Pontevedra. Ciudades con encanto, El País-Aguilarª ed., 2010, p. 94, ISBN 978-8403509344..
  • (ES) Rafael Fontoira Surís, Pontevedra monumental, Diputación Provincial de Pontevedraª ed., 2009, p. 413, ISBN 978-84-8457-327-2..
  • (ES) Xosé Fortes, O Instituto de Pontevedra. Século e medio de historia. 1845-1995, Deputación Provincial de Pontevedraª ed., 1997, ISBN 978-8488363961..
  • (ES) Elvira Riveiro Tobío, Descubrir Pontevedra, Edicións do Cumioª ed., 2008, p. 47, ISBN 9788482890852..

Altri progettiModifica

Vedere ancheModifica

Altri articoliModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàWorldCat Identities (ENnc-instituto%20de%20educacion%20secundaria%20valle%20inclan%20pontevedra/