Apri il menu principale

DescrizioneModifica

I Sepiolida hanno un mantello ma non il tipico osso di seppia e possiedono otto braccia e due tentacoli con ventose. Sono molto piccoli (le dimensioni oscillano tra 1 e 8 cm)[2] e possono nuotare usando sia le alette del loro mantello sia la propulsione a getto.

BioluminescenzaModifica

I Sepiolida hanno un rapporto simbiotico con i batteri bioluminescenti della specie Vibrio fischeri, i quali abitano uno speciale organo luminoso all'interno del mantello del calamaro (fotoforo). Essi ricevono zuccheri e amminoacidi dai Sepiolida. La luce emessa dai batteri nasconde la sagoma dell'animale vista dal basso. Il corpo ha filtri che possono variare la lunghezza d'onda della luce, lenti di diffusione e un riflettore che dirige la luce verso il basso[2].

BiologiaModifica

Essi si riproducono ripetutamente per tutta la vita. Le femmine depongono le uova in confezioni da 1 a 400, coprendole di sabbia e abbandonandole[2].

TassonomiaModifica

Sono riconosciute due famiglie:[2]

NoteModifica

  1. ^ Reid, A. & P. Jereb, pagg. 208-210.
  2. ^ a b c d Margaret J .McFall-Ngai, pagg. 235-256.

BibliografiaModifica

  • (EN) Margaret J .McFall-Ngai, Consequences of evolving with bacterial symbionts: Insights from the Squid-Vibrio Associations, 1999.
  • (EN) Reid, A. & P. Jereb, Cephalopods of the world. An annotated and illustrated catalogue of species known to date. Volume 1. Chambered nautiluses and sepioids (Nautilidae, Sepiidae, Sepiolidae, Sepiadariidae, Idiosepiidae and Spirulidae), Roma, FAO, 2005.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica