Sergej Fëdorovič Golicyn

generale russo
Sergej Fëdorovič Golicyn

Sergej Fëdorovič Golicyn (in russo: Сергей Фёдорович Голицын?; 5 novembre 1749Tarnopol, 7 gennaio 1810) è stato un generale russo.

BiografiaModifica

Era il nipote di Zachar Grigor'evič Černyšëv, Grigorij Petrovič Černyšëv e Avdot'ja Ivanovna Rževskaja, e pronipote di Fëdor Alekseevič Golovin e di Boris Alekseevič Golicyn.

CarrieraModifica

Con il grado di tenente, partecipò alla Guerra russo-turca (1768-1774). Il 22 settembre 1775 è stato promosso a colonnello e ad aiutante di campo di Sua Maestà Imperiale. Il 22 settembre 1778 venne promosso al grado di generale di brigata.

Nel 1779 fu promosso a maggiore generale e il 14 luglio 1788 a luogotenente-generale. Prese parte alla Guerra russo-turca (1787–1792), durante il quale si distinse durante l'assedio di Očakov e alla battaglia di Machinskij che si concluse con la sconfitta di Arslan Pasha.

Il 3 dicembre 1796 venne nominato comandante del reggimento delle guardie. Il 10 aprile 1797 venne promosso a generale di fanteria e nel 1798 si ritirò dal servizio.

Con l'ascesa al trono di Alessandro I, fu nominato governatore generale a Riga e ispettore di fanteria in Livonia. Nel 1804 si ritirò.

Nel 1809 gli venne affidato il comando di un reggimento e si trasferì in Galizia per l'azione congiunta con le truppe francesi contro l'Austria. Il 1º gennaio 1810 è stato nominato membro del Consiglio di Stato.

MatrimonioModifica

Nel gennaio 1779, sposò Varvara von Engelhardt (1761-1815), nipote di Grigorij Aleksandrovič Potëmkin. Ebbero dieci figli:

MorteModifica

Morì il 7 gennaio 1815 a Tarnopol.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea
  Cavaliere dell'Ordine di San Giorgio
  Cavaliere dell'Ordine di San Vladimiro
  Cavaliere dell'Ordine di Aleksandr Nevskij
  Cavaliere dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme
  Cavaliere dell'Ordine di San Stanislao
  Cavaliere dell'Aquila Bianca

Altri progettiModifica

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie