La sferificazione è un processo culinario che consiste nel modellare un liquido in sfere che visivamente e strutturalmente sembrano caviale[1].

La tecnica fu scoperta negli anni cinquanta dalla multinazionale anglo-olandese Unilever ed adottata dalla cucina modernista del team del ristorante elBulli sotto la direzione dello chef spagnolo Ferran Adrià[1]. Questo processo è uno dei più utilizzati dalla gastronomia molecolare.[senza fonte]

Processo chimicoModifica

2Na2C6H7O6 + CaCl2 = Ca(C6H7O6)2 + 2Na2Cl

In sintesi, l'alginato di sodio NaC6H7O6 è formato da lunghe catene col sodio posto ai lati, il cloruro di calcio CaCl2 sostituisce il sodio con il calcio consentendo l'unione in una doppia catena e creando una pellicola che racchiude le sfere

NoteModifica

  1. ^ a b pagina relativa sul sito del nottingham forest, su nottingham-forest.com. URL consultato il 19 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2013).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica