Apri il menu principale
Skippy Skinner
Lingua orig.Inglese
AutorePercy Crosby
1ª app.1923 – 1945
SessoMaschio

Skippy è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie a fumetti a strisce giornaliere e tavole domenicali scritta e disegnata da Percy Crosby, pubblicata negli Stati Uniti d'America dal 1923 al 1945. Divenne molto famoso e ispirò film, racconti e spettacoli radiofonici ed è stato oggetto di un vasto merchandising.[1] La serie è stata fonte di ispirazione per altri fumetti come i Peanuts di Charles Schulz e ha influenzato l'opera di autori come Bill Watterson[2] ed è considerata dalla critica un classico del genere.[1][2][3] Il crescente successo del personaggio convinse la Paramount a produrre un lungometraggio omonimo nel 1931 che riscosse notevole successo; il successo della serie è tale che vennero anche organizzate mostre di originali degli autori sia negli Stati Uniti che in Europa, con esposizioni a Londra, a Parigi e a Roma dove in particolare la Galleria nazionale d'arte moderna acquistò alcune opere; l'editore italiano Universo fece inoltre esordire nel 1933 un settimanale, Il Monello, che presenta come protagonista la versione cinematografica del personaggio;[4] al personaggio venne anche dedicato un francobollo commemorativo del servizio postale degli Stati Uniti del 1997.[5][6]

Indice

Storia editorialeModifica

Skippy
serie regolare a fumetti
Lingua orig.inglese
PaeseUSA
1ª edizione1925 – 1945
Genereumoristico

La serie esordì nel 1923 sulla rivista Life e due anni dopo esordisce con una propria serie sui quotidiani distribuito dal Johnson Features, dalla central Press Association e dalla Editors Features Service; venne poi notato dalla King Features Syndicate, che gli offre un ottimo contratto.[4] L'enorme successo della striscia garantiva all'autore $2,350 alla settimana,[7] più di quanto guadagnava il presidente degli USA.[4] Per rispettare gli impegni per la produzione delle tavole, Crosby chiamò a collaborare come inchiostratore delle tavole un suo amico, Richard Reddy, che lavorerà con Crosby fino alla conclusione della serie producendo dal 1928 al 1937 oltre 3.600 episodi tra strisce e tavole, dieci libri di racconti, libri e saggi.[4] Durante la seconda guerra mondiale, la serie perse popolarità finché non venne interrotta nel 1945. Crosby riuscì a conservare il copyright dell'opera, una rarità per un disegnatore di fumetti dell'epoca.[4]

Caratterizzazione del personaggioModifica

Il protagonista è Skippy Skinner, un giovane ragazzo che vive in una città; indossa una cravatta con un enorme collo di camicia e un cappello floscio a scacchi.

Altri mediaModifica

Cinema

Radio

  • Skippy (serial radiofonico)

NoteModifica

  1. ^ a b Robinson, Jerry. Skippy and Percy Crosby (Holt, Rinehart and Winston, New York, 1978), p. 1. ISBN 0-03-018491-6.
  2. ^ a b Maurice, editor Horn, Skippy, in 100 Years of American Newspaper Comics, New York, Gramercy Books, 1996, pp. 348–349, ISBN 0-517-12447-5.
  3. ^ Quoted in Skippy: A Complete Compilation 1925-1926, foreword by Bill Blackbeard, Hyperion Press, Westport, Connecticut, 1977. ISBN 0-88355-629-4 (hardcover), ISBN 0-88355-629-4 (trade paperback)
  4. ^ a b c d e FFF - Fumetto, Percy CROSBY, su www.lfb.it. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) Comics and Stamps Have a Longer History than You'd Expect, in Washington City Paper. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) SKIPPY USPS Postage Stamp Doll MINT IN BOX Porcelain Very Ltd. RARE | #541710148, su Worthpoint. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  7. ^ Robinson, p. 25

Voci correlateModifica

  Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti