Apri il menu principale

Slivia

frazione del comune italiano di Duino-Aurisina
Slivia
frazione
(IT) Slivia
(SL) Slivno
Slivia – Veduta
Vista invernale della località
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaProvincia di Trieste-Stemma.png Trieste
ComuneDuino-Aurisina-Stemma.png Duino-Aurisina
Territorio
Coordinate45°44′N 13°45′E / 45.733333°N 13.75°E45.733333; 13.75 (Slivia)Coordinate: 45°44′N 13°45′E / 45.733333°N 13.75°E45.733333; 13.75 (Slivia)
Altitudine154 m s.l.m.
Abitanti146
Altre informazioni
Cod. postale34011
Prefisso040
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Slivia
Slivia

Slivia (Slivno in sloveno) è un centro agricolo del comune di Duino-Aurisina, abitato da una popolazione prevalentemente slovena che conta intorno ai 130 abitanti. Il suo piccolo centro storico è costituito da costruzioni in tipico stile carsico. La frazione si è poi sviluppata lungo la strada provinciale con costruzioni più moderne. Il nome deriva dalla parola slovena sliva che significa susino.

Indice

StoriaModifica

Nei pressi della località si trova uno dei più importanti giacimenti del quaternario sul Carso: la Breccia di Slivia. In essa sono stati ritrovati fossili dei grandi animali che popolavano il Carso all'epoca quali rinoceronti, cervi e ippopotami.

Sempre nelle vicinanze della località vi sono due importanti castellieri, villaggi fortificati costruiti nell'età del bronzo e del ferro che ospitarono i primi abitanti della zona. Il Castelliere Carlo De Marchesetti (sull'altura Gradec) sito a 600 m sudest del villaggio, deve il nome allo studioso che per primo si interessò a tali manufatti. Sulla vicina altura Podgrešč si trova il Castelliere II di Slivia di più ridotte dimensioni.

Nelle vicinanze della località sono state ritrovate anche iscrizioni romane e dei resti dello stesso periodo. Il paese è nominato per la prima volta nel 1319 con il nome di Scligna. Nel 1494 viene citato dall'urbario di Duino come comune a sé stante; nel 1524 faceva già parte del comune di San Pelagio.

La chiesa della località, dedicata a Santa Maria Maddalena venne consacrata nel 1820. Sulla facciata sono visibili le statue di San Biagio e San Silvestro. È rimasta l'unica chiesa del Comune di Duino-Aurisina circondata da un piccolo cimitero. Un microtoponimo del luogo (Dolina del Frate - Fratov Dol, ampia dolina posta sul sentiero che porta a Sistiana) fa presumere l'esistenza di un monastero nella zona.

Il comune di Slivia venne sciolto nel 1928 e fuso con i comuni di Aurisina, Duino, Malchina e San Pelagio, formando il nuovo comune di Duino-Aurisina[1].

Nei pressi della strada provinciale verso Aurisina vi è la Grotta delle Torri di Slivia, visitabile con visite guidate.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica