Apri il menu principale

Società italiana di scienze naturali

La Società italiana di scienze naturali (anche SISN in sigla) è un'associazione scientifica, senza fini di lucro, che ha lo scopo di contribuire tanto al progresso quanto alla diffusione delle discipline naturalistiche[1]. Fondata nel 1856, ha sede a Milano, presso il Museo Civico di Storia Naturale.

StoriaModifica

La fondazioneModifica

La storia della SISN affonda le proprie radici nel febbraio del 1855, quando si svilupparono le prime iniziative per la fondazione di un'istituzione denominata «Società geologica residente in Milano», dietro lo sprone di Wilhelm Haidinger e per iniziativa di Ambrogio Robiati. Questi - tra il marzo e l'aprile 1855 - ne stese un primo Statuto e ne preparò gli atti, compresa l'istanza (sottoscritta anche da Federico Venanzio, Antonio Villa, Giuseppe Balsamo Crivelli, Apollinare Rocca Saporiti e Sebastiano Mondolfo) per il riconoscimento della sua formazione, provvedimento che è stato emanato con decreto luogotenziale del 15 gennaio 1856, mentre l'inaugurazione è coincisa con la prima adunanza dell'8 febbraio successivo[2].

Regolamentata per statuto nelle sedute del 16 e 17 marzo 1856, con sede prima presso l'Istituto privato di Robiati, poi nell'osservatorio astronomico di Brera, il riconoscimento formale della costituzione della Società, formata di 153 soci fondatori, si è registrato con la approvazione imperiale del 23 luglio 1857[3].

Nell'adunanza del 22 gennaio 1860, auspice il compimento del processo d'unificazione nazionale e su proposta di Giovanni Omboni, è stata adottata la denominazione corrente di "Società italiana di scienze naturali"[4]. Dal 1866 ha stabilito la propria sede presso il Museo civico di storia naturale.

Tutti i presidentiModifica

Dal 1855 ne sono stati presidenti[5]:

AttivitàModifica

La SISN esplica le proprie attività in particolare attraverso alcuni centri di studio che ha istituito. In tal senso ha attivato i seguenti [6]:

Inoltre, in collaborazione con l'istituzione museale dove ha sede, pubblica alcuni periodici. Fra questi, con cadenza di due fascicoli annui per testata, la «Rivista Italiana di Ornitologia e Natura» e gli «Atti della Società Italiana di Scienze Naturali e del Museo civico di storia naturale di Milano». Non meno prestigiose sono, sia pure aventi periodicità variabile, le «Memorie della Società Italiana di Scienze Naturali e del Museo Civico di Storia Naturale di Milano»[7].

NoteModifica

  1. ^ Scopi societari della Società italiana di scienze naturali[collegamento interrotto]
  2. ^ G. Omboni, Cenno storico, in «Atti della Società geologica residente in Milano», vol. I (anni da 1855 a 1859), Tip. Bernardoni, Milano 1859, pp. 3-10
  3. ^ Ivi, pp. 13-14. Ma si veda anche N. Pini, Relazione sullo stato morale e materiale della Società dalla sua fondazione al 1884, in «Atti della Società italiana di scienze naturali», vol. XXVIII (1885), Tip. Bernardoni, Milano 1885, pp. 16-27
  4. ^ «Atti della Società Italiana di Scienze Naturali», vol. II (1859-1860), Tip. Bernardoni, Milano 1860, p. 36
  5. ^ Storia della Società italiana di scienze naturali[collegamento interrotto]
  6. ^ Centri studi della Società italiana di scienze naturali Archiviato il 28 gennaio 2013 in Internet Archive.
  7. ^ Riviste della Società italiana di scienze naturali Archiviato il 21 dicembre 2012 in Internet Archive.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN151549660 · ISNI (EN0000 0001 0945 3872 · LCCN (ENn82033048 · WorldCat Identities (ENn82-033048