Differenze tra le versioni di "Giovanni Battista Bertini (vetraio)"

→‎Biografia: chiarisco
(→‎Biografia: chiarisco)
Nacque a Milano, allora sotto la [[Repubblica Cisalpina]], da Giuseppe, noto orafo e facitore di smalti, e da Giuditta Fusi; si unì in matrimonio con Teresa Zetta dalla quale ebbe Giulio, Pompeo, [[Giuseppe Bertini (pittore)|Giuseppe]], Achille, Alessandro e Antonio.
 
I suoi primi tentativi come restauratore di vetrate cominciarono nel 1822 con felici risultati che ne lo posero in grado di operare alcuni restauri agli antichi vetri del Duomo; nel 1829 fondò insieme a Luigi Brenta la ditta "Bertini, Brenta & C." per ''la produzione di vetri dipinti a fuoco e trasparenti all'uso antico''. Sciolta la ditta per il ritiro del BertiniBrenta, essa mutò ragione sociale in "Fratelli Bertini", in cui entrò il figlio di Bertini, Giuseppe, che si aggiudicò altre importanti commesse fra cui queli, sempre per la cattedrale milanese, dei finestroni dietro al coro e nei due bracci, e il medio della facciata,<ref>{{Cita libro
|titolo = Storia di Milano
|autore = [[Cesare Cantù|C. Cantù]]