Rete autostradale italiana: differenze tra le versioni

Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
m
→‎Storia: |date ----> |data
(Update numeri.)
m (→‎Storia: |date ----> |data)
Negli anni trenta la rete conosce un significativo sviluppo: nel [[1932]] viene aperta la [[Autostrada A4 (Italia)|tratta Torino-Milano]]. Nel [[1933]] vengono aperte l'[[Autostrada A11 (Italia)|autostrada Firenze-Mare (l'attuale A11)]] e l'[[Autostrada A4 (Italia)|autostrada Padova-Venezia]]. Nel [[1935]], dopo 3 anni di lavori, viene aperta la Genova-Serravalle-Scrivia (l'attuale [[Autostrada A7 (Italia)|A7]]) sotto gestione diretta dell'AASS. Il pedaggio fissato per le merci è elevato per non penalizzare la ferrovia. Nel [[1939]] viene approvata la costruzione dell'autostrada Genova-Savona (l'attuale [[Autostrada A10 (Italia)|A10]]), la prima che doveva essere realizzata direttamente dall'AASS. Il progetto è dall'ufficio tecnico dell'impresa Puricelli dell'IRI. Nel [[1941]] tutte le autostrade sono gestite dall'AASS tranne la Napoli-Pompei, la Torino-Milano e la Padova-Venezia.
 
Il d. lgs. 17 aprile 1948, n. 547 definisce le autostrade ''quelle vie di comunicazione riservate al transito a pagamento degli autoveicoli, costruite ed esercitate dall'A.N.A.S. o da privati, con o senza contributi dello Stato''<ref>{{collegamento interrotto|1=[http://www.edizionieuropee.it/data/html/52/zn93_09_013.html § 93.9.13 - D.Lgs. 17 aprile 1948, n. 547. Modificazioni al decreto legislativo Presidenziale 27 giugno 1946, n. 38, concernente l'istituzione dell'Azienda nazionale autonoma...<!-- Titolo generato automaticamente -->] |datedata=aprile 2018 |bot=InternetArchiveBot }}</ref>. Nel [[1955]] viene promulgata la legge [[Giuseppe Romita|Romita]] che prevedeva che la rete autostradale dovesse essere presente in tutte le regioni, iniziano i lavori della Genova-Savona e iniziano i raddoppi delle autostrade a singola carreggiata con la legge di finanziamento n. 1328/1955. La legge 7 febbraio 1961, n. 59 definisce le autostrade ''quelle vie di comunicazione esclusivamente riservate al transito selezionato, di norma a pagamento, degli autoveicoli e dei motoveicoli, prive di attraversamenti a raso o comunque non custoditi, le quali siano riconosciute come tali con decreto del Ministro per i lavori pubblici.''<ref>[http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:1961-02-07;59@originale *** Normattiva ***<!-- Titolo generato automaticamente -->]</ref>
 
Con la legge 24 luglio 1961, n. 729 (legge Zaccagnini) vengono affidate alla società Autostrade tutte le autostrade precedentemente gestite dallo Stato tramite l'ex AASS. La società Autostrade deve però costruire l'autostrada Adriatica (l'[[Autostrada A14 (Italia)|A14]]), la Napoli-Canosa (l'[[Autostrada A16 (Italia)|A16]]) e la Caserta-Salerno (l'[[Autostrada A30 (Italia)|A30]]). Con la stessa legge si prevede la costruzione dei [[raccordo autostradale|raccordi autostradali]].
309 636

contributi