Differenze tra le versioni di "Storia dei preti uccisi dai partigiani"

Annullata la modifica 120376312 di 5.170.24.22 (discussione)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Annullato
(Annullata la modifica 120376312 di 5.170.24.22 (discussione))
Etichette: Annulla Annullato
}}
 
Il libro '''''Storia dei preti uccisi dai partigiani''''' è una ricostruzione<ref name="Corriere">{{cita news|url=http://archiviostorico.corriere.it/2005/maggio/29/Preti_partigiani_giorni_dell_odio_co_9_050529041.shtml|urlarchivio=https://web.archive.org/web/20151030141126/http://archiviostorico.corriere.it/2005/maggio/29/Preti_partigiani_giorni_dell_odio_co_9_050529041.shtml|titolo=Preti e partigiani, i giorni dell'odio (Roberto Beretta ricostruisce le vicende di sacerdoti uccisi tra il 1943 e il ' 45, vittime della Resistenza, ma non solo
)|pubblicazione=[[Il Corriere della Sera]]|autore=[[Ulderico Munzi]]|accesso=21 febbraio 2008|giorno=29|mese=5|anno=2005|urlmorto=sì|dataarchivio=30 ottobre 2015}}</ref> di 129 omicidi avvenuti tra il [[1944]] ed il [[1947]] e che si possono storicamente inquadrare nella cosiddetta [[Uccisione di ecclesiastici in Italia nel secondo dopoguerra|strage dei preti]].
 
L'autore [[Roberto Beretta]] è un giornalista di [[Avvenire]] specializzato in temi religiosi; in questo libro riprende e amplia una lunga serie di articoli da lui pubblicati sul quotidiano.
 
Secondo i documenti e le testimonianze trovate dall'autore nel periodo indicato furono uccisi, prevalentemente in [[Istria]], [[Emilia]] e [[Romagna]], 129 sacerdoti da parte di partigianiestremisti [[comunisti]] a seguito degli eccessi ideologici della [[Resistenza italiana|Resistenza]]. Solo una ristretta minoranza erano simpatizzanti del regime fascista, pertanto l'autore ritiene che i motivi per cui furono ammazzati fossero altri.<ref>Vedi scheda libro su /www.liberonweb.com {{collegamento interrotto}}<!-- ora è un sito pubblicitario, magari si riesce a recuperare la pagina originale su webarcive [http://www.liberonweb.com/asp/libro.asp?ISBN=8838484597 Liberonweb.com].{{collegamento interrotto}}--></ref>
 
L'autore si domanda se queste uccisioni fossero state - in tutto o in parte - frutto di un disegno ordinato. Vengono peraltro ricondotte ai veri colpevoli alcune uccisioni di sacerdoti (al di fuori dei 129 suddetti) finora attribuite ai partigiani. In effetti, secondo [[Ulderico Munzi]] ''il titolo trae in inganno perché ci sono anche le vicende telegrafiche di preti uccisi dai tedeschi e dai fascisti... Ma il titolo con il «partigiano massacratore» fa vendere qualche copia in più.'' <ref name="Corriere" />
 
== La strage e i tentativi di far luce ==
17 004

contributi