Differenze tra le versioni di "Controversie sull'eccidio di Porzûs"

m
Annullata la modifica 122819208 di 151.35.54.81 (discussione)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Annullato
m (Annullata la modifica 122819208 di 151.35.54.81 (discussione))
Etichetta: Annulla
 
 
====Porzûs e Gladio: la visita privata di Cossiga alle malghe====
All'epoca della pubblicazione del citato libro di Lizzero la polemica sull'eccidio di Porzûs e più generalmente sul ruolo delle Brigate Osoppo era già nuovamente esplosa due volte: una prima a partire dal 1990, a causa della rivelazione pubblica dell'esistenza di [[Organizzazione Gladio|Gladio]], un'organizzazione paramilitare segreta sorta in ambito [[NATO]] per contrastare un eventuale attacco delle forze del [[Patto di Varsavia]] ai paesi dell'[[Europa occidentale]], alla quale aderì un numero tuttora imprecisato – presumibilmente dell'ordine di alcune centinaia – di ex partigiani della Osoppo<ref>[[Cesare Bermani]], ''Il nemico interno. Guerra civile e lotte di classe in Italia (1943-1976)'', Roma, Odradek, 2003, p. 4.</ref>. La polemica raggiunse la sua acme quando l'allora presidente della Repubblica [[Francesco Cossiga]], nel corso di una visita in Friuli fra il 7 e il 9 febbraio del 1992, incontrò pubblicamente un gruppo di appartenenti a Gladio, accusando i partigiani comunisti di aver combattuto anche per l'instaurazione di una dittatura e contro gli interessi nazionali dell'Italia. Riguardo all'eccidio Cossiga dichiarò:
 
{{citazione|Onore alla memoria dei partigiani della brigata Osoppo, trucidati per odio politico e tradimento della Patria allo straniero da gappisti che avevano usurpato il nome di partigiani, infangato il nome di [[Garibaldi]] e della terra sacra del [[Natisone]] con cui si chiamava la loro divisione, agli ordini del nefasto IX Corpo jugoslavo di cui ricordiamo le vittime infoibate a Trieste e le centinaia di persone scomparse a Gorizia [dopo aver letto i nomi dei trucidati] Io avrei voluto che questi nomi fossero le pietre per seppellire il passato. Questi nomi sono pietre che lapidano chi offende ancora questi valorosi combattenti per la libertà|[[Francesco Cossiga]]<ref>{{cita news|Pasquale Cascella|http://archiviostorico.unita.it/cgi-bin/highlightPdf.cgi?t{{=}}ebook&file{{=}}/archivio/uni_1992_02/19920209_0003.pdf|Partigiani? No, volevano la dittatura|l'Unità|9 febbraio 1992|29 giugno 2012}}</ref>}}