Differenze tra le versioni di "Aristosseno"

C'è stata un'interpretazione errata di un passo di Plutarco
(In quel passo si parla della "tomba di Licurgo"!)
(C'è stata un'interpretazione errata di un passo di Plutarco)
}}
Figlio di [[Spintaro]] (allievo di [[Socrate]]), fu da questi e dal padre avviato alla [[musica]] e alla [[filosofia]]. S'interessò alla dottrina [[Pitagora|pitagorica]], per poi diventare discepolo di [[Lampo Eritreo]], di [[Senofilo]] e infine uno dei principali allievi di [[Aristotele]]. Infatti ebbe l'incarico di tenere nella sua scuola lezioni di [[musicologia]]. Aspirò alla successione del maestro e la nomina di [[Teofrasto]] alla direzione della scuola peripatetica, dopo la morte di [[Aristotele]], fu la profonda delusione della sua vita. Infatti si trasferì a [[Mantina]], una città del [[Peloponneso]] famosa per la diffusione della musica, dove visse per molti anni, ebbe molti discepoli detti ''Aristosseni'' e fu consigliere del re [[Neleo]].
 
{{cn|Finì i suoi giorni nell'isola di [[Creta]]}}.
 
Gli è stato intitolato il [[cratere Aristoxenus]], sulla [[superficie di Mercurio|superficie]] del [[pianeta]] [[Mercurio (astronomia)|Mercurio]].