Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: grassetto errato e modifiche minori
}}
{{Bio
|Nome = James
|Cognome = Gibbons
|Sesso = M
Gibbons decise di ricevere gli ordini dopo un'omelia di [[Clarence Walworth]], co-fondatore dei [[Società dei Sacerdoti Missionari di San Paolo Apostolo|Paolisti]]. Nel [[1855]], entrò nel St. Charles College di [[Ellicott City]]. Terminati gli studi a St. Charles, si iscrisse al [[seminario]] di Santa Maria a [[Baltimora]] nel [[1857]]. Soffrì di un grave attacco di [[malaria]] durante gli studi in seminario, il che lo provò la sua salute a tal punto che i suoi superiori quasi lo ritnnero inadatto al sacerdozio.
 
Il [[30 giugno]] [[1861]] Gibbons fu ordinato presbitero dall'arcivescovo di Baltimora [[Francis Patrick Kenrick]].
 
Prestò servizio come curato presso la chiesa di San Patrizio nel quartiere di Fells Point per sei settimane, prima di diventare il primo parroco della chiesa di Santa Brigida nel quartiere di Canton. Oltre al suo incarico a Santa Brigida, svolgeva il suo ministero nella chiesa di San Lorenzo nel quartiere di Locust Point ed era [[cappellano]] di [[Fort McHenry]] durante la [[Guerra civile americana|Guerra civile]], in cui sostenne gli [[Unione (guerra di secessione americana)|Unionisti]], nonostante fosse nato e cresciuto negli [[Stati Uniti del Sud|stati del Sud]].
Il [[3 marzo]] [[1868]] Gibbons fu nominato [[Diocesi di Raleigh|vicario apostolico della Carolina del Nord]] e [[vescovo titolare]] di [[Diocesi di Adramittio|Adramittio]] da [[papa Pio IX]]. Ricevette la consacrazione episcopale il [[15 agosto]] dello stesso anno per le mani dell'arcivescovo Spalding, co-consacranti i vescovi [[Patrick Neeson Lynch]] e [[Michael Domenec]], [[Congregazione della Missione|C.M.]]. All'età di 34 anni, era uno dei vescovi cattolici più giovani al mondo ed era chiamato "the boy bishop."
 
Il suo [[vicariato apostolico]], che comprendeva l'intero stato della Carolina del Nord, aveva meno di settecento cattolici. Nelle prime quattro settimane del suo mandato, Gibbons percorse quasi mille miglia, visitando cittadine e stazioni di missione e amministrando i [[Sacramento|sacramenti]]. Avvicinò anche molti [[Protestantesimo|protestanti]], il cui numero era molto maggiore dei cattolici, e predicò nelle loro chiese. Gibbons suscitò molte conversioni, ma ritenendo inadeguate alle esigenze le opere [[apologetica|apologetiche]] disponibili, decise di scriverne una da sé; ''Faith of our Fathers'' ("La fede dei nostri padri") diverrà l'opera apologetica di maggior successo mai scritta da un cattolico statunitense.
 
Gibbons divenne una figura popolare, che attraeva folle alle sue prediche. Conobbe ogni presidente da [[Andrew Johnson]] a [[Warren G. Harding]] e fu consigliere di molti di loro.
 
Dal [[1869]] al [[1870]] Gibbons partecipò al [[Concilio Vaticano I]] a [[Roma]]. A 35 anni e 4 mesi all'apertura del Concilio era il più giovane vescovo americano presente <ref>Di sei giorni più giovane di Jeremiah Francis Shanahan, vescovo di [[diocesi di Harrisburg|Harrisburg]]</ref> e il secondo più giovane in assoluto <ref>Il più giovane era Basilio Nasser, eparca di [[Arcieparchia di Baalbek dei Melchiti|Baalbek]] dei [[Chiesa cattolica greco-melchita|Melchiti]], che aveva 30 anni e 3 mesi</ref>. Gibbons votò a favore del [[dogma]] dell'[[infallibilità papale]].
 
Nel gennaio del [[1872]] assunse l'incarico di [[amministratore apostolico]] della [[diocesi di Richmond]], mantenendo il suo vicariato apostolico.
==Onorificenze==
 
Il presidente [[William Taft]] onorò Gibbons per i suoi contributi al cinquantesimo anniversario della sua ordinazione sacerdotale nel [[1911]]. Nel [[1917]] il presidente [[Theodore Roosevelt]] salutò Gibbons come il più venerato, rispettato e utile cittadino americano.
 
Negli ultimi anni di vita era considerato come l'immagine vivente della [[Chiesa cattolica negli Stati Uniti d'America]] e alla sua morte fu molto compianto. Era famoso per il sostegno dato al [[movimento operaio]] negli Stati Uniti e per le molte scuole che erano state intitolate a suo nome. Mencken, che riservò le sue più aspre critiche per i ministri cristiani, scrisse nel [[1921]] dopo la morte di Gibbons: «Più presidenti ricercarono il consiglio del cardinal Gibbons: era un uomo della più alta sagacia, un politico nel miglior senso della parola e non c'è traccia che abbia mai guidato la Chiesa in un pantano o in un vicolo cieco. Spesso Roma fu contro di lui, ma alla fine ebbe sempre la meglio ed ebbe sempre ragione».
* Vescovo [[Benedict Joseph Flaget]], P.S.S.
* Arcivescovo [[Martin John Spalding]]
* Cardinale '''James Gibbons'''
 
==Note==
*{{en}} {{cita libro
|titolo=Life of James, Cardinal Gibbons
|nome=Allen Sinclair
|cognome=Will
|anno=1911
{{Box successione
|tipologia = cardinale
|carica = [[Santa Maria in Trastevere (titolo cardinalizio)|Cardinale Presbitero di Santa Maria in Trastevere]]
|periodo = [[1886]] - [[1921]]
|precedente = [[Lorenzo Nina]]
|successivo = [[Giovanni Tacci Porcelli]]
|immagine = CardinalCoA PioM.svg
2 755 452

contributi