Differenze tra le versioni di "Regime di circolazione"

m
link vari-tolto stub
m
m (link vari-tolto stub)
{{S|trasporti}}
{{Trasporti}}
Un '''regime di circolazione''' è un'insieme di regole ed eventualementeeventualmente di dispositivi ed impianti che garantiscono la circolazione in sicurezza dei diversi [[veicolo|veicoli]] che si muovomuovono all'interno di un sistema di [[trasporto]] terrestre.
 
In campo ferroviario[[ferrovia]]rio in particolare si riconoscono e si classificano diversi regimi di circolazione, tra cui in particolare il gruppo dei [[blocco ferroviario|regimi ''di blocco'']] che costituiscono la stragrande maggioranza dei regimi di circolazione implementati nelle linee ferroviarie di tutto il mondo.
Un ''regime di circolazione'' è un'insieme di regole ed eventualemente di dispositivi ed impianti che garantiscono la circolazione in sicurezza dei diversi veicoli che si muovo all'interno di un sistema di trasporto terrestre.
 
In campo stradale[[strada]]le, invece, si riconosce genericamente l'esistenza di un' unico regime di circolazione definito ''regime di marcia a vista'', realizzato (in modi sottilmente diversi nelle varie aree politiche del pianeta) essenzialmente dalla vigenza di apposite legislazioni statali ("[[codice della strada|codici della strada]]" o [[legge|leggi]] assimilabili) e dall'esistenza di limitati impianti fissi di comando del traffico, consistenti sostanzialmente in [[semaforo (segnale)|segnali semaforici]] (perlopiù temporizzati) o barriere mobili.
In campo ferroviario in particolare si riconoscono e si classificano diversi regimi di circolazione, tra cui in particolare il gruppo dei [[blocco ferroviario|regimi ''di blocco'']] che costituiscono la stragrande maggioranza dei regimi di circolazione implementati nelle linee ferroviarie di tutto il mondo.
 
In campo stradale, invece, si riconosce genericamente l'esistenza di un'unico regime di circolazione definito ''regime di marcia a vista'', realizzato (in modi sottilmente diversi nelle varie aree politiche del pianeta) essenzialmente dalla vigenza di apposite legislazioni statali ("codici della strada" o leggi assimilabili) e dall'esistenza di limitati impianti fissi di comando del traffico, consistenti sostanzialmente in segnali semaforici (perlopiù temporizzati) o barriere mobili.
 
[[Categoria:Sicurezza e segnalamento]]
260 628

contributi