Differenze tra le versioni di "Gori (Georgia)"

m
Bot: fix overlinking (v. richiesta)
m (fix cat + fix ordine sezioni)
m (Bot: fix overlinking (v. richiesta))
'''Gori''' (in [[Lingua georgiana|georgiano]] გორი), è una [[città della Georgia]], capoluogo della regione (''[[Mkhare]]'') di [[Shida Kartli]], regione confinante con la [[Federazione russa]] e comprendente anche la gran parte del territorio conteso dell'[[Ossezia del Sud]]. La città è controllata dal governo della Georgia ed è il capoluogo della [[municipalità di Gori]].
 
Gori si trova a poca distanza dalla zona interessata dal [[Ossezia del Sud#Conflitto con la Georgia|conflitto fra georgiani]] ed osseti del sud ed è collegata con [[Tskhinvali]], capitale dell'Ossezia del Sud, attraverso una linea ferroviaria in disuso dall'inizio degli [[Anni 1990|anni novanta]]. A partire dal [[2000]] la Georgia ha potenziato le infrastrutture militari nella città e nei dintorni<ref>{{en}}[http://www.georgiatoday.ge/article_details.php?id=3663 Le Forze Armate Georgiane modernizzano le infrastrutture]. ''Georgia Today'', 4 ottobre [[2007]].</ref>: l'Ospedale Centrale Militare è stato trasferito da [[Tbilisi]] a Gori, mentre nel [[2008]] è stata inaugurata nella città la seconda base militare della Georgia conforme agli standard della [[NATO]].
 
[[File:Goristatue.JPG|left|thumb|Statua di Stalin di fronte al Municipio di Gori, rimossa nel giugno 2010]]
Benché Gori ed il suo territorio ospitino numerosi punti di interesse culturale e storico, al di fuori della Georgia la città è nota principalmente per aver dato i natali a [[Josif Stalin]], mentre la sua importanza nella storia georgiana sta soprattutto nella fortezza medievale, la ''Goris-Tsikhe'', edificata su una collina che domina la città. Su un'altra collina si trova la chiesa del XVIII secolo di S.Giorgio, detta ''Gorijvari'', meta anche di pellegrinaggi.
 
Nel centro di Gori si trova il Museo ''Josif Stalin'', all'interno del quale sarà collocata la statua del dittatore sovietico rimossa dalla piazza del municipio della città nella notte fra il 24 e il 25 giugno [[2010]]<ref name="statua">[http://www.repubblica.it/esteri/2010/06/25/foto/georgia_abbattuta_la_statua_di_stalin-5151094/1/?ref=HRESS-3 Immagini della rimozione del monumento a Stalin], ''Repubblica.it'', 25 giugno [[2010]].</ref><ref name="statua2">[http://tv.repubblica.it/copertina/stalin-addio-via-la-statua-nella-sua-citta/49582?video&ref=HRESS-3 Video della rimozione del monumento a Stalin], ''Repubblica.it'' -''url consultato il 25/06/2010''</ref>. Il monumento, uno dei pochi sopravvissuti nell'ex [[Unione Sovietica]] al programma di destalinizzazione intrapreso da [[Nikita Chruščёv]], è rimasto al suo posto anche dopo l'indipendenza della Georgia, fino alla decisione di destinarlo al cortile del locale museo dedicato a Stalin. La statua sarà sostituita da un monumento dedicato alle vittime georgiane della guerra contro la [[Russia]], combattuta nell'agosto [[2008]]. Nell'agosto del 2013 la statua è stata rimessa al suo posto.
 
==Il Museo Josif Stalin==
2 992 420

contributi