Papà del Gnoco: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Viene rappresentato come un uomo anziano, rubicondo e con una lunga barba bianca, vestito di broccato nocciola e mantello, con una tuba rossa a cui sono attaccati dei sonagli. Poiché è considerato il re del [[Bacanal del Gnoco]], ha come scettro una grande forchetta dorata, in cui è infilzato uno [[gnocco]] di patata. Si muove a cavallo di una mula (gli gnocchi vengono tradizionalmente mangiati conditi con la [[Pastissada]], o stracotto d'asino). Durante la sfilata, assieme ai suoi servitori (i ''gobeti'' o "macaroni") dispensa caramelle per i bambini e porzioni di [[gnocchi]] per gli adulti.
 
Nato nell'antico quartiere di [[San Zeno (quartiere)|S.San Zeno]], viene tradizionalmente eletto fra i suoi abitanti. Durante la domenica di elezione chiunque può partecipare alla votazione, ottenendo come ricompensa un piatto di gnocchi al pomodoro.
 
==Origini storiche==
[[File:PapaGnoccoVrOld.jpg|thumb|Papà del Gnoco in una foto d'epoca.]]
 
Fra il [[1520]] e il [[1531]], a causa di un'inondazione del fiume [[Adige]] e delle scorrerie dei [[lanzichenecchi]], Verona soffrì una terribile [[carestia]]. Il 18 giugno [[1531]] la popolazione, affamata e disperata, andò ad assaltare i fornai di S.San Zeno per far provviste di grano e di pane. La situazione fu salvata da parte del ''Podestà''e di alcuni cittadini che provvidero a loro spese di rifornire i cittadini più poveri della contrada di viveri.
 
La tradizione popolare vede in [[Tommaso Da Vico]] il fondatore del ''Baccanale del Gnocco'', avendo distribuito a sue spese tra la popolazione viveri di prima necessità, come pane, vino e formaggio e soprattutto ''gnocchi'', non di patate ma di farina e acqua alla mamaniera dei [[canederli]]; venivano serviti sulla pietra del gnocco, ancora ben visibile davanti al sagrato della Basilica di San Zeno, nell'ultimo venerdì di Carnevale: per rievocare questo personaggio nacque quella che viene considerata la più antica maschera d'Italia e d'Europa di cui si abbiano dei documenti certi.
<references />
 
==Voci correlateBibliografia ==
* Alessandro Carli, ''Cenni intorno all'origine e descrizione della festa... comunemente denominata gnoccolare'', Verona, 1818. {{NoISBN}}
 
==Voci correlate==
* [[Venerdì gnoccolaro]]
* [[Carnevale]]
* [[Carnevale di Verona]]
123 732

contributi