Differenze tra le versioni di "Neoclassicismo (musica)"

m
Bot: converto {{vedi anche}} in {{vedi categoria}}, replaced: quote → citazione
m (Bot: converto {{vedi anche}} in {{vedi categoria}}, replaced: quote → citazione)
 
In un importante documento del [[1920]], [[Ferruccio Busoni]] aveva definito così la sua idea di neoclassicismo:
{{quotecitazione|Per nuova classicità intendo il dominio il vaglio e lo sfruttamento di tutte le conquiste ed esperienze precedenti: il raccoglierle in forme solide e belle. [...] Intendo che musica è in sé e per sé musica, e null'altro. [...] Un terzo elemento, non meno importante, è il rinnegamento della sensualità e la rinuncia al soggettivismo (la via verso - il ritrovarsi dell'autore di fronte all'opera - una via di purificazione, un cammino duro, una prova dell'acqua e del fuoco), la riconquista della serenità: non la smorfia di Beethoven e neppure il 'riso liberatore' di Zarathustra, ma il sorriso del saggio, della divinità: musica assoluta. Non profondità e sentimento e metafisica; ma musica al cento per cento, distillata, non mai nascosta sotto la maschera di figure e concetti presi a prestito da altri campi.<ref>Lettera a [[Paul Bekker]], cit. in [[Guido Salvetti]], ''La nascita del Novecento'', Torino, EdT, 1977, p. 141</ref>}}
 
==Realizzazione==
 
== Protagonisti ==
{{vedi anchecategoria|:Categoria:Compositori neoclassici}}
Al neoclassicismo aderirono in modo diverso e personale moltissimi compositori del [[Novecento]], anche molto diversi fra loro; fra questi sono da ricordare:
{| class="wikitable sortable"
3 038 982

contributi