Apri il menu principale

Modifiche

m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
Raimondo, nel settembre [[1072]], sposò la zia di Dolce, Ermessinda di Pelet<ref name=RAYMOND>{{en}} [http://fmg.ac/Projects/MedLands/TOULOUSE.htm#RaymondVIdied1222B #ES Foundation for Medieval Genealogy: Conti di Tolosa - RAYMOND de Toulouse]</ref> (?-[[1176]]), che da poco era vedova di Pietro Bermondo, signore di Sauve, ed era figlia del signore d'Alais, Bernardo Pelet e della contessa di Mauguio, Beatrice ([[1124]] - dopo il [[1190]]), che in prime nozze aveva sposato il [[Governanti della Provenza|Conte di Provenza]], [[Berengario Raimondo I di Provenza|Berengario Raimondo I]]<ref name=Langu>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k2984950/f425.image#ES Histoire générale de Languedoc, Notes, tomus IV, pagine 415 - 417]</ref> (i nonni paterni di Dolce II). La contessa di [[Mauguio|Melgueil]], Beatrice di Mauguio, il 12 dicembre [[1172]], secondo il documento CCXXIX, delle ''Notes de l'Histoire Générale de Languedoc, Tome IV'', abdicò in favore della figlia, Ermessinda, che divenne contessa di [[Mauguio|Melgueil]] e, nel contempo riconobbe come conte anche il genero Raimondo<ref name=Lang>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k2984950/f539.image#ES Histoire générale de Languedoc, Notes, tomus IV, documento CCXXIX, pagine 527 e 528]</ref>.<br />Nel [[1176]], prima di morire, Ermesinda redasse un testamento, che è riportato nel documento CCXXXVII, delle ''Notes de l'Histoire Générale de Languedoc, Tome IV'', in cui lasciava tutti i suoi titoli ed i suoi beni al marito, mentre alla madre, Beatrice riservava un lascito annuale finché fosse vissuta<ref name=Lan>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k2984950/f547.image#ES Histoire générale de Languedoc, Notes, tomus IV, documento CCXXXVII, pagine 534 e 535]</ref>.
Rimasto vedovo, verso il [[1178]]<ref name="Raimund">{{en}} [http://genealogy.euweb.cz/toulouse/toul1.html#R6 #ES Genealogy: Tolosa - Raimund VI]</ref>, secondo la ''Historia Albigensium di Petrus Vallis Caernaii'' sposò Beatrice di Beziers e Carcassonne ([[1155]] circa- dopo il [[1193]]), figlia di Raimondo Trencavel I (?-[[1167]], assassinato), visconte di Béziers e Carcassonne e della sua seconda moglie, Saura e sorella del visconte di Beziers, Ruggero<ref name=Albigensium>{{la}} [http://www.documentacatholicaomnia.eu/02m/1209-1218,_Petrus_Vallis_Caernaii,_Historia_Albigensium_Et_Sacri_Belli_In_Eos_AD_1209,_MLT.pdf#ES Petrus Vallis Caernaii Historia Albigensium, Patrologia Latina Vol. 213, Chap. IV, Col. 552]</ref> ponendo fine ai dissidi con la famiglia Trencavel. Sempre la ''Historia Albigensium di Petrus Vallis Caernaii'' ricorda che divorziarono nel [[1193]]<ref name=Albigensium/>. Secondo il documento XVIII, delle ''Notes de l'Histoire Générale de Languedoc, Tome V'', il visconte Ruggero, dopo il divorzio, sempre nel [[1193]], donò a Beatrice il castello di [[Mèze]]<ref name=La>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k298496c/f567.image#ES Histoire générale de Languedoc, Notes, tomus V, documento XVIII, pag. 543]</ref>. Beatrice dopo il divorzio, si ritirò nel convento di Cathar<ref name=RAYMOND/>.
 
Tra il [[1181]] ed il [[1183]], nella guerra tra i figli del [[re d'Inghilterra]], [[Enrico II d'Inghilterra|Enrico II]], [[Enrico il Giovane|Enrico]] e [[Riccardo I d'Inghilterra|Riccardo]], suo padre, Raimondo V si schierò con Enrico<ref>Frederik Maurice Powike, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, pag. 793</ref>, detto il re Giovane, perché era stato nominato co-reggente dal padre. All'improvvisa morte di Enrico Raimondo sciolse il suo esercito e rese omaggio a Riccardo detto Cuor di Leone, signore d'Aquitania e futuro re d'Inghilterra.
Nel [[1194]], alla morte del padre, Raimondo V, gli successe come Raimondo VI, nei titoli di [[conti di Tolosa|conte di Tolosa]], duca di [[Narbona]] e [[marchese di Provenza]]<ref name=RAYMOND/>.
 
Nel [[1196]] sposò [[Giovanna d'Inghilterra]] ([[1165]]-[[1199]]), che secondo la ''Chronique de Robert de Torigny, Tome I'', era la settima figlia del [[re d'Inghilterra]] [[Enrico II d'Inghilterra|Enrico II Plantageneto]] ([[1133]]-[[1189]]) e di [[Eleonora d'Aquitania|Eleonora, duchessa d'Aquitania]]<ref name=Torigny>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k36182g/f432.image#ES Chronique de Robert de Torigny, Tome I, pag. 357]</ref>([[1122]]-[[1204]]). Giovanna era vedova dal [[1189]], del re di Sicilia [[Guglielmo II di Sicilia|Guglielmo II il Buono]]<ref name=Continuat>{{fr}} [http://visualiseur.bnf.fr/CadresFenetre?O=NUMM-51572&M=pagination#ES Historia Rerum in partibus transmarinis gestarum, Continuator, libro XXIV, capitolo V, pagina 112]</ref>. Questo matrimonio suggellò un'alleanza col ducato d'Aquitania, con cui Raimondo VI pose fine alle difficili relazioni tra la [[contea di Tolosa]] e [[Riccardo I Cuor di Leone]]<ref name="Powike">Frederik Maurice Powike, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, pag. 800</ref>, che, dal [[1189]], era [[Sovrani d'Inghilterra|re d'Inghilterra]], [[duca di Normandia]], [[Maine (provincia)|conte del Maine]], d'[[Angiò]] e di [[Turenna]], [[Duchi d'Aquitania|duca d'Aquitania]] e [[Duchi di Guascogna|Guascogna]] e [[conte di Poitiers]]; infatti [[Giovanna d'Inghilterra]], che portò in dote le contee di Quercy ed Agenais, era la sorella prediletta di [[Riccardo I Cuor di Leone]]<ref name=Powike/>. La promessa di matrimonio del [[1196]], tra Giovanna (''soror regis Ricardi Johanna quæ et regina exstiterat Siciliæ'') e Raimondo (comiti Sancti Ægidii) viene riportato nel ''Radulphi de Coggeshall Chronicon Anglicanum''<ref name=Radulphi>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k50317j/f107.image.r=raoul%20de%20coggeshall.langFR#ES Radulphi de Coggeshall Chronicon Anglicanum, pag. 70]</ref> e nel ''Annales de Margan'' tra (''Johanna relicta Willelmi regis Apulia'') e (''comiti Sancti Egidii'')<ref name=Margan>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k50240s/f69.image.r=annales%20monastici.langEN#ES Annales Monastici Vol. I, Annales de Margan, pag. 23]</ref>; mentre il matrimonio, sempre nel [[1196]], è ricordato dagli ''Annales de Burton''<ref name=Burton>{{la}} [http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/bpt6k50240s/f238.image.r=annales%20monastici.langEN#ES Annales Monastici Vol. I, Annales de Burton, pag. 192]</ref>.<br />Secondo la ''Histoire Générale de Languedoc, Tome VI, Preuves'', Giovanna morì a [[Rouen]] il 24 settembre [[1199]]<ref name=L>{{fr}} [https://archive.org/stream/histoiregnra06viccuoft#page/190/mode/2up#ES Histoire Générale de Languedoc, Tome VI, Preuves, pag. 190]</ref>. dato il suo stato di gravidanza avanzato, dopo la sua morte, le fu aperto il ventre e fu estratto un maschio che visse solo poche ore<ref name=L/>.
 
Rimasto vedovo, nel [[1200]], sposò la [[Isacco Comneno di Cipro#La figlia di Isacco|figlia dell'imperatore]] di [[Cipro]], [[Isacco Comneno di Cipro|Isacco Comneno]] ([[1155]]-[[1196]], avvelenato), detta la Donzella o Signorina di Cipro ([[1177]]- dopo il [[1204]]), come ci conferma il libro XXVIII del ''Recueil des historiens des croisades. Historiens occidentaux'' che la definisce la ''fille de l'empereor de Chypre''<ref name=Continuato>{{fr}} [http://visualiseur.bnf.fr/CadresFenetre?O=NUMM-51572&M=pagination#ES Historia Rerum in partibus transmarinis gestarum, Continuator, libro XXVIII, capitolo V, pagina 256]</ref>. La ''Historia Albigensium di Petrus Vallis Caernaii'' su citata per i terzo matrimonio potrebbe riferirsi a questo matrimonio<ref name=Albigensium/> e non a quello tra Raimondo e Borgogna. Questo matrimonio non viene citato nella ''Chronique de Guillaume de Puylaurens'', che afferma che, dopo Giovanna, Raimondo VI sposò [[Eleonora d'Aragona (1182-1226)|Eleonora d'Aragona]]<ref name=Puylaurens>{{fr}} [http://books.google.it/books?id=yo8GAAAAQAAJ&printsec=frontcover&hl=it&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=false#ES Chronique de Guillaume de Puylaurens, cap. V, pagina 21]</ref>. <br />Comunque, sempre secondo il ''Recueil des historiens des croisades. Historiens occidentaux'' la figlia dell'imperatore di Cipro fu ripudiata e cacciata dalla contea (''mist hors de sa terre'')<ref name=Continuato/> e, dopo la separazione, avvenuta nel [[1202]], a Marsiglia incontrò Teodorico di Fiandra, che nel ''Recueil des historiens des croisades. Historiens occidentaux'' viene chiamato Baldovino (''un chevalier.....Bauduins avoit noim''), uno degli organizzatori della quarta crociata<ref name=Continuato/> e che sposò, nel [[2003]], come secondo marito<ref name=Continuato/>.
 
Nel [[1202]], Raimondo si allontanò dall'alleanza col regno d'Inghilterra, dopo che a Riccardo I, sul trono, nel [[1199]], era succeduto [[Giovanni d'Inghilterra|Giovanni Senza Terra]]<ref>Frederik Maurice Powike, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, pag. 805</ref>.<br />Secondo la storico W.H. Rudt De Collenberg, nel suo ''Familles de l'Orient latin XIIe-XIVe siècles'', Raimondo VI, in quello stesso anno, si recò in [[Palestina]]<ref name=RAYMOND/>.
 
== Collegamenti esterni ==
* {{en}}cita [web|http://fmg.ac/Projects/MedLands/TOULOUSE.htm#RaymondVIdied1222A |Foundation for Medieval Genealogy: Conti di Tolosa - RAYMOND de Toulouse]|lingua=en}}
* {{en}}cita [web|http://fmg.ac/Projects/MedLands/TOULOUSE.htm#RaymondVIdied1222B |Foundation for Medieval Genealogy: Conti di Tolosa - RAYMOND de Toulouse]|lingua=en}}
* {{en}}cita [web|http://genealogy.euweb.cz/toulouse/toul1.html#R6 |Genealogy: Tolosa - Raimund VI]|lingua=en}}
* {{fr}}cita [web|http://www.foixstory.com/data/genealogiq/autres/tlse.htm |Histoire des comtes de Foix: Les comtes de Toulouse (Raimond VI (VIII))]|lingua=fr}}
 
== Altri progetti ==
2 548 025

contributi