Differenze tra le versioni di "Toxoplasmosi"

4 667 byte aggiunti ,  3 anni fa
L'accertamento diagnostico si attua effettuando l'isolamento del ''Toxoplasma gondii'' in [[coltura|colture]] di tessuti o nel topo; i metodi sierologici utilizzati sono Dye- Test (Sabin-Feldman), emoaglutinazione indiretta (o passiva), fissazione del complemento, agglutinazione diretta, immunofluorescenza ([[IgM]], [[IgG]], [[IgA]]), [[test immunoenzimatico|metodi immunoenzimatici]], intradermoreazione e infine con metodi di biologia molecolare come RT-PCR o Nested PCR.
 
== Terapia specificaTrattamento ==
 
[[Pirimetamina]] associata a [[sulfamidico|sulfamidici]] (per esempio [[sulfadiazina]]).
Il trattamento viene spesso consigliato solo per le persone con gravi problemi di salute, come ad esempio le persone con [[HIV]] la cui conta dei [[CD4|CD<sub>4</sub>]] è di meno di 200 cellule/mm<sup>3</sup>, poiché la malattia è più grave quando il sistema immunitario è debole. Il [[Trimetoprim]]/[[sulfametossazolo]] è il farmaco di scelta per la [[profilassi]] della toxoplasmosi, ma non per il trattamento della malattia attiva. Uno studio del 2012 mostra un nuovo modo promettente per trattare la forma attiva e latente di questa malattia utilizzando due [[chinoloni]].<ref name="Doggett_2012">{{cite journal | author = Doggett JS, Nilsen A, Forquer I, Wegmann KW, Jones-Brando L, Yolken RH, Bordón C, Charman SA, Katneni K, Schultz T, Burrows JN, Hinrichs DJ, Meunier B, Carruthers VB, Riscoe MK | title = Endochin-like quinolones are highly efficacious against acute and latent experimental toxoplasmosis | journal = Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America | volume = 109 | issue = 39 | pages = 15936–41 | year = 2012 | pmid = 23019377 | pmc = 3465437 | doi = 10.1073/pnas.1208069109 }}</ref>
Durante il primo trimestre di gravidanza si sostituisce la pirimetamina (teratogena) con la [[Spiramicina]]. In ogni caso è opportuno somministrare [[acido folico]] per tutta la durata del trattamento.
 
=== Forma acuta ===
 
I [[farmaco|farmaci]] prescritti per la toxoplasmosi acuta sono i seguenti:
 
* [[Pirimetamina]] - un farmaco [[farmaci antimalarici|antimalarico]]
* [[Sulfadiazine]] - un [[antibiotico]] usato in combinazione la con pirimetamina per curare la toxoplasmosi
** La terapia di combinazione è di solito somministrata con supplementi di [[acido folico]] per ridurre l'incidenza di [[trombocitopenia]].
** La terapia di combinazione è più utile nel contesto di HIV.
* [[Clindamicina]]
* [[Spiramicina]] - un antibiotico usato più frequentemente nelle donne in gravidanza per prevenire l'infezione ai loro figli.
 
=== Forma latente ===
 
Nelle persone con toxoplasmosi latente, le cisti sono immuni a questi trattamenti: gli antibiotici non raggiungono i [[bradizoiti]] in concentrazione sufficiente.
 
I farmaci prescritti per la toxoplasmosi latente sono:
 
* [[Atovaquone]] - un antibiotico utilizzato per uccidere le cisti di Toxoplasma nei malati di AIDS<ref>
{{Dead link|date=July 2010}}{{cite web |title=Toxoplasmosis – treatment key research |url=http://www.aidsmap.com/en/docs/659BAD5D-332A-4F8D-9F93-8D0F470B2D32.asp |date=2005-11-02 |publisher=NAM & aidsmap}}
</ref>
* [[Clindamicina]] - un antibiotico che, in combinazione con l'atovaquone, sembrava in grado di uccidere in modo ottimale le cisti nei topi<ref>{{cite journal | author = Djurković-Djaković O, Milenković V, Nikolić A, Bobić B, Grujić J | title = Efficacy of atovaquone combined with clindamycin against murine infection with a cystogenic (Me49) strain of Toxoplasma gondii | journal = J Antimicrob Chemother | volume = 50 | issue = 6 | pages = 981–7 | year = 2002 | pmid = 12461021 | doi = 10.1093/jac/dkf251 | url = http://jac.oxfordjournals.org/cgi/reprint/50/6/981.pdf | format = PDF }}
</ref>
 
=== Forma congenita ===
 
Quando a una donna incinta viene diagnosticata la toxoplasmosi acuta, l'[[amniocentesi]] può essere utilizzata per determinare se il feto è stato infettato o meno. I tachizoiti hanno approssimativamente una probabilità del 30% di entrare nel tessuto placentare e da lì infettare il feto. Con l'aumento dell'età gestazionale al momento della infezione, aumenta anche la probabilità di infezione fetale.<ref name="Robert-GangneuxDarde2012">{{cite journal|last1=Robert-Gangneux|first1=F.|last2=Darde|first2=M.-L.|title=Epidemiology of and Diagnostic Strategies for Toxoplasmosis|journal=Clinical Microbiology Reviews|volume=25|issue=2|year=2012|pages=264–296|issn=0893-8512|doi=10.1128/CMR.05013-11|pmid=22491772}}</ref>
 
Se il parassita non ha ancora raggiunto il feto, la [[spiramicina]] può aiutare a prevenire la trasmissione placentare. Se il feto è stato infettato, la madre può essere trattata, dopo il primo trimestre, con [[pirimetamina]] e [[sulfadiazina]] con l'aggiunta di [[acido folico|acido folinico]]. Questo trattamento viene somministrato dopo il primo trimestre e con l'acido folinico poiché la pirimetamina ha un effetto antifolico e la mancanza di questo acido può interferire con la formazione del [[cervello]] del feto e causare [[trombocitopenia]].<ref name="JonesLopez2003">{{cite journal |vauthors=Jones J, Lopez A, Wilson M |title=Congenital toxoplasmosis |journal=Am Fam Physician |volume=67 |issue=10 |pages=2131–8 |year=2003 |pmid=12776962 |doi= |url=}}</ref> L'infezione nelle precedenti fasi della gestazione è correlata con peggiori esiti fetali e neonatali, in particolare quando l'infezione non viene trattata.<ref name="McLeod,etc,2009">{{cite journal |vauthors=McLeod R, Kieffer F, Sautter M, Hosten T, Pelloux H |title=Why prevent, diagnose and treat congenital toxoplasmosis? |journal=Mem. Inst. Oswaldo Cruz |volume=104 |issue=2 |pages=320–44 |year=2009 |pmid=19430661 |pmc=2735102 |doi= 10.1590/s0074-02762009000200029|url=}}</ref>
 
== La toxoplasmosi del cane ==
53 371

contributi