Differenze tra le versioni di "Francesco Visconti"

m (→‎Biografia: refuso)
Il 3 dicembre [[1640]], fu da [[papa Urbano VIII]], designato vescovo di Alessandria, e venne consacrato tale il giorno 8 dello stesso mese. Il 15 aprile dell'anno seguente prese ufficialmente possesso della sua sede alessandrina.
 
Rimase al governo della diocesi di Alessandria per pochi anni. Si ha notizia di una sua visita pastorale nel mese di settembre del [[1641]], e di un [[Concilio#Sinodo_diocesano|sinodo diocesano]] il 6 maggio [[1642]], il sesto nella storia della diocesi.<ref>''Del vescovato, de'vescovi e delle chiese della città e diocesi d'Alessandria'', Giuseppe Antonio Chenna, pag. 316, anno 1875; vedi [https://books.google.it/books?id=kKsOAAAAQAAJ&pg=PA316&dq=Francesco+Visconti+alessandria&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwiW-8-FkJbNAhVGbhQKHW7WCnUQ6AEILzAD#v=onepage&q=Francesco%20Visconti%20alessandria&f=false Goolge books]</ref>
 
Nel [[1643]], il 3 aprile, fu trasferito alla [[Diocesi di Cremona]], alla quale poi - ''senio & laboribus fractus'' - rinunciò in favore del [[Ordine della Beata Vergine del Monte Carmelo|carmelitano]] Pietro Isimbardi nel [[1670]].
 
Morì ottantenne il 4 ottobre [[1681]].
 
== Note ==
<references />
 
==Bibliografia==
Utente anonimo