Differenze tra le versioni di "Duomo di Orvieto"

m
Bot: sistemo immagini piccole per accessibilità (v. richiesta)
m (Bot: sistemo immagini piccole per accessibilità (v. richiesta))
|Immagine = Duomo di Orvieto 2014.JPG
|Didascalia = Veduta del Duomo
|Città = [[File:{{simbolo|Orvieto-Stemma.png|20px]]}}[[Orvieto]]
|Regione = {{IT-UMB}}
|SiglaStato = ITA
 
==== Organo ====
Nel transetto sinistro, sopra un'alta [[cantoria]], si trova l'[[Organo (strumento musicale)|organo monumentale]], iniziato da [[Domenico Palmieri]], a cui è subentrato, nel [[1587]], [[Vincenzo Fulgenzi]], che lo portò a termine nell'anno successivo. Le decorazioni lignee intagliate della cassa e della cantoria furono affidate a [[Ippolito Scalza]]. Lo strumento, originariamente a [[tastiera (musica)|due tastiere]] e [[pedaliera]], fu notevolmente ampliato nel [[1911]] dall'[[organaro]] [[Carlo Vegezzi Bossi]] che, fra le altre cose, costruì la cassa espressiva e dotò l'organo della [[sistema di trasmissione (organo)|trasmissione pneumatica]]. Un altro importante ampliamento fu quello di [[Pinchi (organaro)|Libero Rino Pinchi]], dell'anno [[1974]], che aggiunse una nuova tastiera (il ''Positivo'', con le canne direttamente sopra la cantoria senza cassa), rinnovò la trasmissione mutandola in elettrica e costruì una nuova [[consolle (organo)|consolle]] mobile al piano della [[navata]], generalmente posta alla sinistra del [[presbiterio]]. A partire dal 2013, a causa di gravi malfunzionamenti che lo rendevano non più utilizzabile da anni, l'Opera del Duomo ha intrapreso un nuovo restauro, portato a termine in circa tre anni e mezzo da Alessandro Giacobazzi (Modena); in questa occasione peraltro, è stata trasferita all'interno della cassa, al posto dei mantici, l'aggiunta di Pinchi del 1974, che posta direttamente sulla balaustra non dava un buon effetto estetico. In sede di tale intervento è stata spostata la manticeria in un apposito vano ricavato dietro la cassa e di conseguenza è stato completamente rifatto tutto l'impianto del vento che fin dal 1913 presentava grosse lacune.
 
Lo strumento, a trasmissione elettronica, è dotato di tre tastiere di 61 note ciascuna, e pedaliera concavo-radiale di 32 note. Possiede 72 registri, per 5644 canne.
2 681 807

contributi