Separatore D'Arbela: differenze tra le versioni

Bibliografia - Inserimento
(link)
(Bibliografia - Inserimento)
Questo in condizioni piuttosto difficili e pericolose, visto che il fusibile era normalmente ubicato sull'imperiale (che in linguaggio tecnico è il tetto della locomotiva).
 
Nel corso degli anni il separatore è stato installato a bordo di numerosi modelli di locomotive ( [[Locomotiva FS E.626|E.626]], [[Locomotiva FS E.428|E.428]], [[Locomotiva FS E.326|E.326]] nella variante D'Arbela-Greco, [[Locomotiva FS E.636|E.636]], [[Locomotiva FS E.424|E.424]]..) e ne ha costituito un valido elemento di protezione, pur con qualche inconveniente, (difficoltà nella sostituzione della valvola e a volte esplosione della stessa).
 
Il ''separatore'' rimarrà l'unico sistema di protezione dei circuiti ad alta tensione delle locomotive a corrente continua italiane fino all'avvento, negli [[Anni 1960|anni sessanta]], dei primi modelli di [[interruttore extrarapido]].
 
==Bibliografia==
* {{Cita libro | autore = Erminio Mascherpa | titolo = Locomotive da corsa. Storia del gruppo E.326 | editore = Editrice Trasporti su Rotaie | città = Salò | anno = 1993 | ISBN = 88-85068-06-5 | cid = ErminioMascherpa1993}}
* {{cita pubblicazione | autore = Luigi Voltan, Angelo Nascimbene, con la collaborazione di Sergio Pautasso | anno = 2006 | mese = febbraio | titolo = 80 anni di locomotive elettriche FS a corrente continua | rivista = Tutto treno tema | numero = 21 | pp = 15-17, 50, 78 | issn = 1124-4232 | cid = tTT21}}
* {{cita pubblicazione | autore = Luigi Voltan | anno = 2007 | mese = luglio - agosto | titolo = Il Gruppo delle E 326 | rivista = Tutto treno | numero = 210 | pp = 20-67 | issn = 1124-4232 | cid = LuigiVoltan2007}}
* {{Cita libro | autore = Giovanni Cornolò | titolo = Dall'E.626 all'Eurostar. 1928-2008: ottant'anni di locomotive elettriche FS | editore = Ermanno Albertelli | città = Parma | anno = 2008 | pp = 143-154 | ISBN = 88-87372-63-2 | cid = GiovanniCornolò2008}}
 
==Voci correlate==