Apri il menu principale

Modifiche

WND
In [[Erodoto]] ''magos'' si riferisce alla casta sacerdotale e tribù dei [[Medi]] (1.101) e dice che sono abili a interpretare i sogni (7.37), ma in seguito il termine può essere usato nella cultura greca per indicare ogni incantatore o mago, ma anche ciarlatani e medicastri, specialmente da filosofi come [[Eraclito]] che avevano un atteggiamento scettico riguardo all'arte dell'incantatore, e nella letteratura comica (''[[Lucio o l'asino]]'' di [[Luciano di Samosata]]). In epoca [[Ellenismo|ellenistica]] ''magos'' iniziò ad essere usato come aggettivo relativo alla magia, come nell'espressione ''magas techne'' "ars magica" (usata per esempio da [[Flavio Filostrato|Filostrato]]).
 
Essi sono anche nominati da [[Giordano Bruno]] nel "''De Magia''" ove sono definiti come sapienti.<ref>Dall'[[introduzione]] del "''De Magia''":«''[[Mago|Magus]] primo sumitur pro sapiente, cuiusmodi erant Trimegisti apud [[Storia dell'Egitto|Aegyptios]], [[Druido|Druidae]] apud [[Galli|Gallos]], [[gimnosofisti|Gymnosophistae]] apud [[india|Indos]], [[Cabala ebraica|Cabalistae]] apud [[Ebrei|Hebraeos]], '''Magi''' apud [[Persiani|Persas]] (qui a [[Zoroastrismo|Zoroastre]]), Sophi apud [[Storia della Grecia|Graecos]], Sapientes apud [[Latini|Latinos]]''». {{collegamento interrotto|1=[http://giordanobruno.signum.sns.it/bibliotecaideale/gb1PageNavigation.php?indexName=gb1_OO&pbSuffix=12%2C657] |date=ottobre 2017 |bot=InternetArchiveBot }}</ref>
 
La radice proto-[[Lingua protoindoeuropea|indoeuropea]] ''*magh-'' sembra abbia espresso il potere o l'abilità, e ha prodotto in [[Lingua greca|greco attico]] ''mekhos'' (cfr. [["meccanica]]") e in [[lingue germaniche|germanico]] ''magan'' ([[lingua inglese|inglese]] ''may''), ''magts'' (inglese ''might'')<ref>Pokorny, ''Indogermanisches Etymologisches Wörterbuch'', s.v. ''magh-''.</ref>.
 
==Il termine nella cultura esoterica==
311 609

contributi