Stenelo (figlio di Perseo)

personaggio della mitologia greca, figlio di Perseo e Andromeda
Stenelo
Nome orig.Σθένελος
SessoMaschio
Luogo di nascitaMicene
ProfessioneRe di Micene

Stenelo (in greco antico: Σθένελος, Sthénelos) è un personaggio della mitologia greca. Re di Micene[1].

GenealogiaModifica

Figlio di Perseo e Andromeda, sposo di Nicippe che lo rese padre di Euristeo, Alcione e Medusa[1].
Gaio Valerio Flacco aggiunge il maschio Ifi, che perì per mano di Eete nella Colchide[2].

MitologiaModifica

Stenelo, venuto a conoscenza dell'omicidio (accidentale) di suo fratello Elettrione avvenuto da parte di Anfitrione, esiliò quest'ultimo e per diritto ereditario (Anfitrione era lo sposo di sua nipote Alcmena), gli successe sul trono re di Micene.
Fu in seguito ucciso da Illo, uno degli Eraclidi e gli successe suo figlio Euristeo[3].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Apollodoro, Biblioteca libro II, 4.4 5 e 6, su theoi.com. URL consultato il 30 aprile 2019.
  2. ^ (EN) Gaio Valerio Flacco, Argonautica I, 41 e VII, 407, su theoi.com. URL consultato il 20 aprile 2019.
  3. ^ Igino, Fabulae, CCXLIV
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca